La Libertas Orvieto punta a Spoleto per rifarsi

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 19, 2009 14:50

La Libertas Orvieto punta a Spoleto per rifarsi

Pasquini Luca

Pasquini Luca

E’ iniziata la stagione 2009/2010 di Prima Divisione umbra con un passo falso per la Libertas Orvieto. Tra le mura amiche della palestra Scalza, dove sabato sera la prima squadra ha conquistato la leadership del campionato di serie C, i ragazzi guidati da Luca Pasquini non hanno saputo mettere le mani su 3 punti di grande importanza per iniziare bene il campionato. Al termine del match, sono troppe le recriminazioni da fare ad una squadra che poteva di gran lunga battere la Polisportiva Monteluce, il team perugino che ha portato a casa un buon 3-0 contro i nostri ragazzi.
L’avvio della Libertas è tutto in salita, per via degli ottimi attacchi messi a segno dai martelli di posto 4 avversari, che portano subito il risultato sul 3-0. Poi Montenero sblocca una situazione che sta per diventare critica, con un pallonetto a scavalcare il muro avversario e riapre il match: questo si trascina punto a punto fino al 21-20 per i biancoblu di Pasquini, grazie alle buone interpretazioni di Ricci e all’onnipresente Fausto, autore di 3 muri e 2 attacchi-punto. A questo punto, le sorti del set vengono mutate da un innocuo timeout chiamato dal coach perugino Isidori: infatti, dopo la sosta, nella Libertas c’è perdita di identità e concentrazione e le finalizzazioni di Marchino e Trinchitelli non vanno a buon fine, regalando il set con uno strettissimo 25-22. Ancora più altalenanti sono le sorti del secondo set, dove Fausto sale definitivamente in cattedra e, imitato da Marchino e Montenero, porta il punteggio sul 7-2. I biancorossi del Monteluce vanno definitivamente nel pallone, ignorandosi a vicenda e cercando di risolvere la situazione critica da soli, col risultato invece di peggiorare le cose e, grazie a ripetuti errori, il tabellone del punteggio sorride sempre più ai ragazzi orvietani, arrivando a toccare quota +8, sul 21-13. Trovano spazio nel match anche Palmucci e Bandini, autori di due ottime difese, che però non bastano a cambiare il destino della partita. Infatti, con un rocambolesco break di 11 punti consecutivi, il Monteluce salva l’impossibile e si porta sul 24-21, quando ormai i suoi uomini avevano già la mente proiettata al terzo set. L’ultimo disperato attacco di Montenero dalla seconda linea si stampa sulla rete, a chiusura di un set dai mille rimorsi, per molti la vera e propria causa della sconfitta della Libertas Orvieto. Nel terzo set, risuona la stessa musica del primo, stavolta dovuta ai fantasmi del secondo parziale che si fanno ancora vivi negli animi dei giocatori di casa. Per fortuna, però, la grinta di Marchino e Perquoti scuote il sestetto della Rupe, che si trova in condizione di replicare alle martellate dell’opposto del Monteluce, riequilibrando le sorti del match fino a un grandioso +1 sul 19-18. In questo momento, però, sembra spegnersi la luce e le grandi battaglie per la conquista dei punti mancanti, caratterizzate da scambi lunghissimi, vengono tutte atterrate dai perfetti muri perugini. Trinchitelli illude, Marchino scuote i suoi, ma l’esito finale è scritto: al termine, il tabellone recita 22-25, 0-3, sconfitta. Nonostante una prova soddisfacente, la Libertas Orvieto deve ancora lavorare molto sulla coesione e lo spirito di squadra, che forse è il vero collante venuto a mancare in tutto il match, ma particolarmente nel secondo parziale, il cui esito ha di certo deciso le sorti dell’intera partita. Prossimo impegno sabato 21 in terra spoletina, dove la Monini Marconi ce la metterà tutta per rifarsi del 3-0 subito contro il Rotosystem Selci Lama…speriamo non siano i ragazzi di Pasquini a farne le spese!
LIBERTAS ORVIETO – POLISPORTIVA MONTELUCE = 0-3
(22-25, 21-25, 22-25)
ORVIETO: Ricci, Marchino, Bandini, Montenero, Palmucci, Trinchitelli, Perquoti, Fausto, Fontanieri, Casasole, Frellicca, Fonseka (L). All. Luca Pasquini.
(fonte Orvieto Sport)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 19, 2009 14:50