La Rpa-LuigiBacchi.it Perugia fa harakiri contro Modena

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 26, 2009 23:10

La Rpa-LuigiBacchi.it Perugia fa harakiri contro Modena

Savani Cristian

Savani Cristian

Con cinque illustri ex in campo per la Rpa Luigi Bacchi.it Perugia quella di giovedì non poteva essere proprio essere una partita qualsiasi. L’avversaria infatti, la Trenkwalder Modena, aveva visto protagonisti nel suo passato Pippi, Cernic, Bovolenta, Stokr e, soprattutto Andrea Sartoretti. A sentire senza dubbio più di tutti la gara era proprio il coach degli umbri che sino allo scorso anno vestiva la casacca gialloblù. Lo scherzetto era quasi riuscito alla formazione di casa che in vantaggio di due set a zero e sulla situazione di 23-22 nel terzo ha avuto una grossa opportunità. Ma proprio nel momento che sarebbe servito dare la zampata finale, è venuto a mancare un pizzico di lucidità, e Modena ha operato una rimonta impensabile. logico pertanto che la delusione sia stata grande per i biancorossi che un minuto dopo il fischio finale era già tutti negli spogliatoi a riflettere sull’accaduto. Finchè tutto fila liscio Perugia è una squadra che può fare male a chiunque, ma le pause che si concede sono disastrose e compromettono quanto di buono viene fatto in precedenza. Un solo punto stasera è poca cosa per una formazione che tentava l’esame di maturità. Al Pala-Evangelisti gli ospiti sono partiti forte spingendo al servizio con lo schiacciatore venezuelano Diaz Mayorca, sono stati i suoi due ace consecutivi a produrre il primo strappo (2-5). Con la pressione addosso i perugini hanno subto le incursioni del punto di riferimento ospite, quel Dennis che è stato cercato con insistenza sino al massimo vantaggio (7-12). Qui l’orgoglio dei grifoni ha avuto una scossa, grazie al muro di Cernic e alle sassate di Savani l’inversione di punteggio si è concretizzata in un batter di ciglia (16-15). Negli scampoli finali è si è trattato di battaglia vera, da una parte e dall’altra le difese hanno dato un saggio di pallavolo spettacolo. A far pendere l’ago della bilancia in favore dei padroni di casa è stato Cernic, impagabile in ricezione, puntuale in attacco, nonché autore del punto in battuta che ha chiuso il primo parziale portando in vantaggio la banda del presidente Claudio Sciurpa. Al cambio di campo si è vista la squadra del tecnico che tutti i tifosi si auspicano. Gli uomini di sartorace hanno sfoderato le battute più velenose del loro repertorio, prima è stato il turno di Stokr e poi di Savani che con un saggio di fiondate dai nove metri hanno spinto sino al 14-8 i perugini. Senza perdersi d’animo gli emiliani hanno gettato nella mischia Casoli e Kooy, riducendo le distanze sino a far sentire il fiato sul collo. Ma Perugia non si è scomposta nemmeno sul 22-19, quando una decisione contestatissima ha consegnato il punto a Modena. I rimanenti due punti di vantaggio avrebbero potuto gettare nel panico ogni squadra, ma invece sono stati più che sufficienti da gestire per la Rpa-LuigiBacchi.it che ha raddoppiato con una granata di Stokr imprendibile da muro e difesa avversaria. Con i primi due set terminati col minimo scarto, il terzo non poteva essere meno interessante per gli sportivi a bordo campo. Il muro modenese ha preso fiducia ed ha lanciato la riscossa (6-11). Ma i locali si sono affidati al solito Cristian Savani, schiacciatore di infinite risorse e dotato di qualità da grande gladiatore. I suoi affondi aggressivi hanno riportato ancora audacia, e quel che più conta, in asse il frangente (13-13). Lo spalla a spalla si è prolungato per parecchi scambi (20-20). Nel momento chiave due leggerezze perugine sono sembrate compromettere (20-22), ma nessuno aveva fatto i conti con Bovolenta che ha tirato fuori dal cilindro due muri su Diaz che hanno rovesciato (23-22). A due punti dal match però due nuovi regali di Perugia sono risultati letali e Dennis ha castigato accorciando il distacco. Rinfrancato dal riposo a lui concesso, il mancino cubano è stato devastante anche in avvio del quarto frangente di gioco (4-10). La ricezione è andata a farsi benedire e la battuta ha registrato un numero spropositato di errori. Sartoretti è così corso ai ripari provando la carta Nemec e Bucaioni, più per spezzare il ritmo agli ospiti che per altro, ma la sequenza tragica non si è più interrotta rimandando di fatto il verdetto. Al set decisivo i modenesi partono subito col pedale del gas schiacciato. Il primo allungo è opera di Dennis: 2-8. Perugia è letteralmente disarmata ed in balia delle onde (4-9). Non basta il guizzo di Nemec per rientrare in scia (6-13). La difesa di Manià salva tutto e Dennis serve la frittata.
RPA LUIGI BACCHI.IT PERUGIA – TRENKWALDER MODENA = 2-3
(26-24, 25-23, 23-25, 16-25, 6-15)
PERUGIA: Stokr 23, Savani 16, Bovolenta 9, Cernic 7, Hübner 7, Sintini 1, Pippi (L1), Nemec 1, Bucaioni, Lo Bianco.
N.E. – Botti, Fanuli (L2).
Allenatori Andrea Sartoretti e Marco Neviani.
MODENA: Dennis 21, Diaz Mayorca 13, Kooistra 12, Pagni 7, Esko 4, Meszaros 2, Manià (L), Kooy 16, Casoli 10.
N.E. – Soli, Piscopo, Ciabattini (L2).
Allenatori Silvano Prandi e Camillo Placì.
NOTE – Spettatori 1350.
Durata dei set: 28’, 29’, 29’, 23’, 14’.
Arbitri – Fabrizio Pasquali (AP) e Vittorio Sampaolo (MC).
RPA LUIGI BACCHI (b.s. 18, v. 9, muri 12, errori 9).
TRENKWALDER (b.s. 21, v. 14, muri 14, errori 11).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 26, 2009 23:10