Città di Castello: rimonta vincente, Padova va giù

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 8, 2009 23:31

Città di Castello: rimonta vincente, Padova va giù

Città di Castello festeggia la vittoria

Città di Castello festeggia la vittoria

All’inferno e ritorno: la Gherardi Cartoedit Tratos Svi firma la seconda rimonta tra le mura amiche dallo 0-2 (la prima era avvenuta contro Bassano) e porta a casa una vittoria che alla fine del secondo set sembrava insperata contro la Pallavolo Padova. Il primo break del match, dopo un punto a punto inziale, è firmato da due muri di Padova e da un errore in attacco di Vasil Stoyanov. Padova allunga sfruttando qualche errore, frutto della partenza contratta del sestetto di Radici e un muro su Enzo di Manno firma il 10-15. La formazione tifernate non riesce a passare in attacco e le difficoltà aumentano. Sul punteggio di 12-19 Andrea Radici cerca di scuotere i suoi con un time out discrezionale ma non riesce a cambiare il trend del set. Il coach tifernate fa riposare anche due titolari, Di Manno e Stoyanov, per avere la squadra più reattiva in inizio di seconda frazione. Dal 12-19 comunque la Gherardi Cartoedit Tratos Svi non ha più subito break e questo fa ben sperare i tifosi per il set successivo. Bortolozzo però non ci sta e con una serie di muri consecutivi riavvicina la squadra di Città di Castello ai patavini. Il set lo chiude l’ottimo Garghella (22-25) ma Città di Castello dimostra di esserci, soprattutto nel fondamentale del muro. Anche il secondo set vede le due squadre iniziare punto a punto con uno straordinario Rosalba che suona la carica biancorossa. Ma Padova non si perde d’animo e velocemente agguanta tre punti di vantaggio che spianano la marcia in questa fase. Un bolide in battuta di Enzo Di Manno e un errore di De Marchi portano sul 9-10 Città di Castello ma il neo entrato Koshikawa non permette l’aggancio, anzi, il muro di De Marchi su Lipparini getta ancora indietro la Gherardi Cartoedit Tratos Svi (10-13). Al secondo time out tecnico Padova può gestire ben cinque punti di vantaggio (11-16). Anche la battuta dei biancorossi non riesce a far male alla ricezione di Padova, come a Santa Croce, il saldo è purtroppo negativo. Rosalba sprona ancora i suoi compagni con un paio di splendidi attacchi; Di Manno non tiene in campo una palla difficilissima e il set è compromesso (15-23). Il due a zero per Padova è l’ovvia conseguenza delle problematiche in attacco degli umbri che hanno un impietoso 22% in attacco in questa frazione. Radici conferma in campo Lipparini per Stoyanov, peraltro alle prese con un problema fisico di natura influenzale, e spera nella riscossa. Si riparte nel terzo set ancora con equilibrio e con Lipparini in campo al posto di Stoyanov, che non è in perfette condizioni. Proprio il giocatore, ex Rpa, si fa male ricadendo da muro sul punteggio di 6-7 e Stoyanov torna in campo, firmando con Braga il muro punto dell’8-7. Il bulgaro sigla, sempre a muro, il 10-8 ed è poi Braga a chiudere un’azione splendida nella quale Padova dimostra tutta al sua bravura in difesa. Di Manno comincia a martellare dal servizio e il break questa volta è tutto dei padroni di casa che mettono a segno un parziale decisivo (17-10). L’opposto tifernate schiaccia il punto del 21-13, Maniero (in campo per De Marchi) mette fuori il 22-13. Stoyanov si fa sentire ancora a muro per il 24-15 e l’errore di Koshikawa regala il 2-1. Rosalba è scatenato e il 6-3 porta la sua firma ma Padova torna in parità (10-10). Di Manno sigla il 14-11 tra le proteste di Padova per la difesa di Romiti (giallo a Cricca per il 15-11). Sul 18-13 (attacco ancora di Di Manno) “Lollo” Bernardi chiama il secondo time out per provare a cambiare le sorti del set. De Marchi sigla il 19-15 poi Koshikawa attacca out il 22-16 della Gherardi Cartoedit Tratos Svi. Tiberti mura Rosalba (23-19) e Radici chiama time out per gestire in tranquillità le fasi finali del set. Bortolozzo e Di Manno a muro rimandano il verdetto al quinto set. C’è equilibrio all’inizio poi Di Manno e Rosalba attaccano per il 6-3, Barcala entra per De Marchi e sbaglia la palla del 7-3. Al cambio campo è 8-4 per i tifernati, Braga sigla con un bell’attacco l’11-7 e Bernardi cerca il disperato recupero col secondo time out. L’ace di Di Manno frustra il desiderio del coach di Padova (12-7), Koshikawa sbaglia la diagonale stretta per il 13-8 di Città di Castello. Rosalba conquista il match point e un attacco out di Padova chiude l’incredibile rimonta biancorossa.
GHERARDI CARTOEDIT TRATOS SVI CITTA’ DI CASTELLO – PALLAVOLO PADOVA = 3-2
(22-25, 18-25, 25-17, 25-19, 15-9)
CITTA’ DI CASTELLO: Di Manno 24, Rosalba 20, Braga 9, Bortolozzo 5, Stoyanov 5, Orduna 3, Romiti (L), Lipparini 1., Marino. N.E. – Marini, Paci,Ceccarelli, Foni. All. Andrea Radici.
PADOVA: De Marchi 18, Cricca 18, Polidori 10, Garghella 8, Barcala 7, Tiberti 4, Zingaro (L), Koshikawa 6, Tovo 1, Maniero 1, Gottardo 1, Busi. All. Lorenzo Bernardi.
Arbitri: Zingoni (LI) e Pignataro (RM).
Spettatori 1000 circa, durata partita 135’.
Castello (b.v. 3, b.s. 13, muri 17, errori 7).
Padova (b.v. 2, b.s. 18, muri 11, errori 16).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 8, 2009 23:31