Despar Perugia e Dushkyevich, doppio kappao a Jesi

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 27, 2009 20:40

Despar Perugia e Dushkyevich, doppio kappao a Jesi

Dushkyevich Yevgeniya (buca)
Yevgeniya Dushkyevich

Giornata no contro la Monte Schiavo Banca Marche: un tre a zero senza appello per Yevgeniya Dushkyevich che abbandona il campo in barella dopo la fine del secondo set: destinazione l’ospedale di Jesi per stabilire l’entità dell’infortunio alla caviglia. L’unica nota positiva della serata giunge alla fine del match, quando il risultato di Pavia sancisce la certezza della qualificazione della Despar Perugia ai quarti di coppa Italia: la partita si chiude infatti in favore di Pesaro. Anche Novara strappa il pass per la coppa guadagnandosi i tre punti a Bergamo. Eppure la gara era iniziata all’insegna dell’equilibrio, e solo un paio di episodi alla fine del primo set avevano fatto pendere l’ago della bilancia a favore della squadra di Nesic (25-23). Poi però le cose si mettono male con Jesi che si impadronisce progressivamente del campo, soprattutto a muro, mentre le perugine (che stentano a passare), smarriscono lentamente le proprie certezze fino al culmine dell’infortunio di Dushkyevich nel punto finale del secondo set perso 25-19. Il terzo frangente offre la possibilità del riscatto quando la Despar si trova a condurre di quattro lunghezze, ma alla fine del set sono 4 i match point a disposizione delle padrone di casa, che conquistano così l’intera posta in palio. Ecco le dichiarazioni di fine partita. Il presidente Alfonso Orabona: “Il primo set ce la siamo giocata alla pari e avremmo potuto benissimo aggiudicarcelo. Poi noi siamo calati e abbiamo permesso a Jesi, che stasera è tornata a giocare al completo, di esprimersi al meglio”. Il direttore sportivo Giovanni Simoncini: “Abbiamo giocato male e parecchie atlete sono state al di sotto del loro standard: ci sarà molto da riflettere nei prossimi giorni. Concludiamo così un periodo non proprio brillante sperando che la pausa porti consiglio”. Il prossimo appuntamento di Arcangeli e compagne sarà in occasione del Memorial Mimmo Fusco che si svolgerà a Roma il 4 e 5 gennaio: il quadrangolare vedrà impegnate, oltre alla Despar e alla Chateau d’Ax (A1), due squadre di A2: la Pallavolo Roma e al Linkem Club Italia di Barbolini che per l’occasione potrebbe ricevere qualche rinforzo dalla Nazionale maggiore. Il girone di ritorno del Campionato Femminile verrà invece inaugurato al PalaEvangelisti il 10 gennaio (ore 18:00) per la prima volta a Perugia della Villa Cortese di Aguero e Cardullo. La gara comincia con Vasileva che parte alla grande e anche Dushkyevich risponde presente: sono loro i primi 5 punti di marca perugina. La ex Leggeri per il 4-6, ma Perugia non può scappare con Sokolova e Bown che impattano subito. Quaranta segna il 7-8 per il primo time out tecnico. Poi con Calloni Jesi opera il primo sorpasso del set e Rinieri allunga subito dopo per il 10-8 e primi 30 secondi per Sbano. Mani-fuori di Vasileva, che può portarsi al servizio e segnare l’ace dell’11 pari e poi la gran botta del 12 pari. Jesi rischia di scappare grazie alla fallosità perugina ma ci pensa Leggeri ed è di nuovo parità quando anche la Monte Schiavo svirgola. La diagonale di Quaranta porta al nuovo sorpasso sul 15-14, ma il secondo time out tecnico è a favore delle jesine grazie alla bella giocata di Dall’Igna: 16-15. Al rientro Rinieri allunga a più due per la squadra di casa e le rossoblù gestiscono abilmente  il vantaggio fino all’ulteriore allungo sul 21-18 e ultimo time out per Sbano.  Nesic chiama a sua volta tempo quando le grifette si rifanno sotto 22-21. Al rientro mani fuori un po’ dubbio di Sokolova per il 23-21; seconda linea di Vasileva e risposta di Rinieri che permette a Sokolova di servire sul 24-22: Lehtonen annulla il primo set point e difende alla grande nel successivo, ma Negrini può chiudere 25-23 un set equilibratissimo durato 25 minuti. Dopo il cambio di campo si comincia con l’errore di Sokolova e con Lehtonen che ricambia è 1 pari. Ulteriori pasticci a muro e in difesa per le perugine ed è 3-2. Time out per Sbano sul 5-2. Vasileva sblocca le compagne guadagnando il terzo e il quarto punto: con il muro jesino cresciuto solo la bulgara ce la fa a passare, ma Rinieri riesce a murare anche lei per il 6-4. Dushkyevich segna il 7-5 ma al primo time out tecnico Jesi è avanti di tre lunghezze: 8-5 mentre arrivano “cattive” notizie dagli altri campi con Pavia e Novara che si sono aggiudicate il primo set dei loro incontri. Anche il muro biancorosso cresce e accorcia: 8-7. Bown scava nuovamente il solco: 10-7. Doppio punto di Lehtonen per riportarsi a meno uno: 10-9. Bown questa volta fuori misura per il riaggancio perugino sul 10 pari, ma la statunitense rimedia in men che non si dica e infila tre colpi vincenti consecutivi per il 13-10. Al 14esimo punto per la Monte Schiavo a Sbano non resta che chiamare tempo; il secondo time out tecnico vede le padrone di casa guadagnare un ulteriore break: 16-11. Cambio di regia con Pincerato per Weiss, ma troppe incertezze nella metà campo biancorosse e Jesi scappa a più 6 sul 19-13 e Klug dentro per Vasileva. Agostinetto per Lehtonen sul 21-15: è la sua “prima” in A1. 23-18 con Sokolova e compagne che vanno fuori giri in vista del traguardo, ma finisce comunque 25-19 in 26 minuti; e come se non bastasse Dushkyevich non può uscire dal campo sulle proprie gambe: nell’ultima azione ha battuto malamente la caviglia. Nella terza frazione Casillo in campo al posto dell’infortunata Dushkyevich. Il primo punto è il muro di Leggeri su Rinieri. Sokolova out e Perugia è avanti 0-2. Anche il servizio di Quaranta è fuori ed è 1-2. Nuovo muro di Leggeri, e con Lehtonen che difende una gran palla per poi stamparla nell’angolo è 1-4 e primo time out per Nesic. Calloni e risposta di Vasileva: 2-5. Lehtonen per il 4-6. Il primo time out tecnico vede le biancorosse avanti di tre lunghezze sul 5-8. Si riprende con le jesine che incalzano le grifette fino al riaggancio e successivo vantaggio grazie ad un fallo perugino: 13-12. Sokolova segna e Lehtonen rintuzza: 14-13. Secondo time out tecnico sul 16-14. Gli scambi crescono di intensità e le biancorosse restano a contatto sino al 19-17 e tempo per Sbano sul 20-17. Pincerato per Weiss sul 21-18. Sul 22-19 il match sembra segnato. Muro di Jesi e Klug per Lehtonen sul 23-19. Sokolova di nuovo a segno e sono 4 i match point a disposizione delle padrone di casa; Vasileva allunga la partita murando Devetag ma con il sigillo di Sokolova finisce 25-22 in 25 minuti.
MONTE SCHIAVO BANCA MARCHE JESI – DESPAR PERUGIA = 3-0
(25-23, 25-19, 25-20)
JESI: Sokolova 17, Calloni 12, Bown 10, Negrini 8, Rinieri 6, Dall’Igna 3, Mazzoni (L1), Tirozzi 1, Devetag 1, Cerioni.
N.E. – Vagnarelli, Mataloni (L2).
Allenatori Dragan Nesic e Marco Gaspari.
PERUGIA: Vasileva 18, Lehtonen 10, Leggeri 6, Dushkyevich 3, Quaranta 4, Weiss, Arcangeli (L1), Casillo 1, Pincerato 1, Klug, Agostinetto.
N.E. – Zetova, Medaglioni (L2).
Allenatori Emanuele Sbano e Francesco Tardioli.
NOTE – Spettatori 1200.
Durata dei set: 25’, 26’, 25’.
Arbitri – Antonio Longo (GR) e Giorgio Falzoni (BO).
MONTE SCHIAVO (b.s. 8, v. 1, muri 12, ricezione perfetta 46%, ricezione positiva 64%, attacco 50%, errori 12).
DESPAR (b.s. 8, v. 1, muri 4, ricezione perfetta 32%, ricezione positiva 62%, errori 10, attacco 38%, errori 9).
(fonte Sirio Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 27, 2009 20:40