La Volley Spoleto torna sulla questione fusione

Pianeta Volley
By Pianeta Volley giugno 4, 2010 00:01
Storri Mauro

Mauro Storri

In relazione al comunicato inviato dal sig. Zefferino Monini, crediamo sia doverosa una risposta. Approfittiamo di questa testata poiché, in un anno di collaborazione, non abbiamo mai avuto l’opportunità e il piacere di poter interloquire personalmente con lui e dato che egli stesso ha ritenuto opportuno utilizzare questo mezzo per informare l’opinione pubblica delle sue decisioni, contestualmente alle società interessate, procedura che riteniamo quanto meno discutibile. Vorremmo innanzitutto precisare che la Volley Spoleto non ha rigettato il progetto della sig.ra Mari Vincenza, ma ha ritenuto di suggerire alcune modifiche funzionali al percorso di crescita richiesto dallo sponsor, sulle quali attendevamo una risposta. Eravamo convinti che in uno stato democratico, e lo sport dovrebbe esserne l’espressione più ampia, fosse possibile un confronto e che chiunque potesse apportare  idee costruttive al raggiungimento dell’obiettivo prefissato ma, se la risposta alle nostre proposte è il comunicato ricevuto, dobbiamo prendere atto che nel nostro caso le decisioni dovevano essere unilaterali e noi solo dei meri esecutori. Ci rifiutiamo di credere che la filosofia aziendale della Monini possa essere quella di assorbire le aziende con le quali vuole instaurare un rapporto di collaborazione, ma nel progetto della sig.ra Mari si ravvisa nient’altro che un assorbimento, graduale e costante, fino alla costituzione di una srl, nella quale il potere decisionale sarebbe spettato, di fatto, esclusivamente alla società Marconi. Perché la sig.ra Mari, oltre ad essere la rappresentante dello sponsor, è anche una dirigente della stessa e tutte le sue azioni, compreso il progetto di unificazione, sembrerebbero funzionali solo agli interessi della Marconi, a cominciare dal fatto che una delle condizioni ‘inderogabili’ del suo progetto sarebbe stata l’illogico trasferimento in toto di quattro gruppi della Volley Spoleto, non diciamo quali nel rispetto delle nostre atlete, alla Marconi. Il sig. Monini ha deciso legittimamente (anche perché, come molto spesso ci è stato ricordato ultimamente “i soldi sono suoi e ci fa quello che vuole”), di togliere la sponsorizzazione alla nostra società, tuttavia non spiega per quali gravi mancanze non riesca ad intravedere possibilità d’accordo con noi, né per quale motivo le nostre atlete, che nella passata stagione hanno onorevolmente rappresentato il marchio Monini, non meritino la stessa considerazione di quelle della Marconi, dato che fanno tutte parte del movimento pallavolistico giovanile spoletino che lui intende promuovere. Ci teniamo a sottolineare che tutti i membri della nostra società, che tra l’altro era l’unica disposta alla fusione già dall’anno passato, hanno lavorato attivamente (alle riunioni hanno sempre partecipato almeno quattro dirigenti) per ottenere questa unione, senza la quale crediamo che, come sostiene anche il sig. Monini, a perdere siano tutte le ragazze e la città di Spoleto. Quanto alla non conferma di sponsorizzazione alla Volley Spoleto, ciò che più ci lascia interdetti è la scelta di sostenere solo una parte, la più esigua ad onor del vero, del volley rosa spoletino, a scapito di un vivaio di circa 100 giovani atlete, per lo più di età inferiore ai 18 anni, facenti capo alla più consolidata realtà pallavolistica femminile cittadina, tra le sole quattro società umbre insignite dalla federazione nazionale del ‘Marchio di Qualità per il settore giovanile femminile’. Pur amareggiati da tale incomprensibile decisione, nonché dal fallimento del progetto di unificazione, ringraziamo l’azienda Monini per il sostegno ricevuto in questa breve parentesi di tempo e auguriamo a tutti un sereno e leale proseguimento dell’attività sportiva.
(fonte Volley Spoleto)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley giugno 4, 2010 00:01