Al via i giovani Block Devils di coach Scappaticcio

Pianeta Volley
By Pianeta Volley agosto 22, 2010 13:43

Al via i giovani Block Devils di coach Scappaticcio

Scappaticcio Antonio (coach)

il tecnico della Sir Volley Bastia Antonio Scappaticcio impartisce direttive ai suoi ragazzi

È uno di quelli che non toglierebbe mai la divisa da allenamento. È un tecnico innamorato della propria professione e dei propri ragazzi. È Antonio Scappaticcio, direttore tecnico e responsabile del settore giovanile bianconero, che da lunedì prossimo ripartirà da quanto di buono lasciato a Bastia. Sempre con l’entusiasmo che lo caratterizza. Quali sono i programmi stagionali per il settore giovanile bianconero? “La nostra idea quest’anno è quella di portare in campo sei squadre giovanili. La squadre, diciamo così, di punta saranno ovviamente l’under 16 e l’under 14. Soprattutto la prima sarà praticamente la stessa dello scorso anno con però una stagione di esperienza alle spalle. Poi quest’anno avremo anche l’under 18 organizzato dalla Lega e anche a questo torneo teniamo particolarmente”. Il tempo delle vacanze è praticamente terminato.“Esatto. L’inizio attività è fissato per lunedì 23 agosto con doppie sedute fin da subito. Adesso naturalmente gli allenamenti saranno ‘open’, aperti a tutti i nostri ragazzi non impegnati con le vacanze e con le cresime, e partiremo da subito al PalaGiontella. Inizialmente faremo soprattutto lavoro di tecnica, mentre da settembre, quando tutte la varie squadre saranno al completo, inizieremo la parte fisica, puntando molto sull’attività di corsa nel breve”. Quali sono le tue personali aspettative sui ragazzi? “Beh, a livello di squadre partiamo per vincere in Umbria sia con l’under 16 che con l’under14. Discorso a parte merita l’under 18 di Lega che ci sarà utile per incrementare soprattutto la capacità di gioco e per far fare ai ragazzi un’esperienza più formativa contro altri settori giovanili a livello nazionale. Per quanto riguarda la crescita generale dei ragazzi, come ogni anno mi aspetto un miglioramento soprattutto dagli under 13 e under 14, sotto l’aspetto globale, mentre i ’95, cioè l’under 16, sono già più maturi e formati in questo senso. Da questi ultimi invece mi attendo un tipo di crescita più finalizzato alla consapevolezza dei propri mezzi ed alla ricerca della qualità individuale”. Spiegaci Tony l’importanza di avere la prima squadra in serie A2. “I vantaggi sono decisamente evidenti! Nella mia precedente esperienza di Isernia ricordo che vedere i ragazzi della prima squadra aiutava ogni giovane a trovare un modello di riferimento. Sono certo che sarà un grosso stimolo per i miei giocatori e so per esperienza che appartenere alle giovanili di un team di serie A crea prestazioni migliori anche nei ragazzi. Peccato solo che per varie situazioni logistiche non avremo con l’A2 il contatto quotidiano”. Da lunedì si torna in palestra per crescere i prossimi Block Devils. Buon lavoro Tony!
(fonte Sir Volley Bastia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley agosto 22, 2010 13:43