Francesco Dall’Olio: “La squadra sta crescendo”

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Settembre 20, 2010 15:56

Francesco Dall’Olio: “La squadra sta crescendo”

Dall'Olio Francesco (osserva)

il coach Francesco Dall'Olio

Comincia oggi una nuova settimana di allenamenti per la Sir Safety Perugia. I Block Devils si ritrovano oggi pomeriggio al Pala Evangelisti per la ripresa del lavoro impostato dallo staff tecnico bianconero. Seduta atletica prima, lavoro con la palla a seguire per i ragazzi attesi in questa settimana da altri due test amichevoli il 22 a Santa Croce e il 25 a Ravenna, contro due delle più accreditate compagini del torneo di A2. Tornerà in gruppo Tomislav Dokic, assente giustificato nel match di sabato scorso contro il Club Italia. Match che ha visto i giocatori del presidente Sirci imporsi 3-0, nonostante le diverse assenze (oltre a Dokic, non erano disponibili Prandi, Barbareschi e Lattanzi) in rosa. Proprio la buona prova offerta dalla squadra ha reso soddisfatto il tecnico di Perugia Francesco Dall’Olio: “Al di là del risultato positivo, che comunque fa sempre bene portare a casa, il tema di sabato è stato lo spirito di adattamento della mia squadra. Senza i due opposti ed un martello, ho dovuto cambiare i ruoli di alcuni giocatori, schierando ad esempio Rigoni da opposto ricevitore e chiedendo a Hietanen e Ranghieri di dividersi i compiti dell’opposto in fase offensiva. Ai ragazzi prima della partita avevo chiesto proprio di avere spirito di adattamento e devo dire che tutti hanno risposto molto bene. Per il resto mi pare che siamo cresciuti nella manovra del gioco offensivo, mentre dobbiamo ancora migliorare come incisività in battuta e nella correlazione muro-difesa”. La formula particolare utilizzata contro il Club Italia porta Dall’Olio a fare un paio di considerazioni. “Certamente è stata una soluzione tattica curiosa e se vogliamo anche divertente. Ovviamente mi auguro di non doverla mai usare, ma so che inconvenienti in una stagione lunga sono dietro l’angolo e quindi una soluzione del genere sappiamo che c’è e ci permette di essere comunque competitivi. E poi può essere un modo anche per decodificare questa pallavolo di oggi molto rigida. Soprattutto però aver mantenuto un buon livello di gioco anche con numerosi assenti ed aver reso proficua l’amichevole, dimostra la bontà della rosa che ho a disposizione. Il poter tenere un alto livello negli allenamenti, il più possibile vicino a quello della gara, deve essere il punto di forza di un gruppo e di una società al primo anno in un campionato difficile e ricco di insidie come l’A2”. Chiusa la parentesi Club Italia, la settimana che inizia propone ancora test amichevoli importanti per continuare nel processo di crescita della squadra. “Certamente. Questa settimana rientra Dokic. Lui è l’elemento adesso da inserire maggiormente in questo meccanismo. Poi vorrei dare un po’ più di spazio ai ragazzi che solitamente non partono nel sestetto base, vedi Morelli e Bagnolesi. Oggi abbiamo un po’ di affiatamento in più e, situazioni permettendo, vorrei testare i ragazzi in una struttura più collaudata”. Infine una parentesi ‘extra Sir’ per Pupo. Nel fine settimana prenderanno il via i campionati mondiali che avranno l’epilogo a Roma. L’ultima volta che la rassegna si disputò da noi ci fu uno storico argento per la nazionale e Dall’Olio era uno dei protagonisti in campo. “Roma ’78, sono passati già 32 anni, è un tuffo nel passato non solo anagrafico, ma emozionale. Mi riportano a quel periodo un insieme di ricordi ed emozioni fantastico. Eravamo, più o meno, al 30esimo posto nel ranking mondiale e ci preparammo nel miglior modo possibile, senza sapere in realtà cosa valevamo. Ogni giorno per noi era una scoperta e forse proprio per questo siamo andati così avanti. Non avevamo grandi aspettative ma volevamo confrontarci con chi fino ad allora era stato più bravo di noi, cercando il massimo davanti ai nostri tifosi. Adesso la nazionale di volley, dopo anni dove siamo stati il riferimento per gli altri, parte da una posizione molto diversa dalla nostra. Credo che ripetere il nostro risultato, arrivare alla finale, sarebbe un risultato eccezionale. Russia e Brasile forse hanno qualcosa in più, poi c’è un gruppo, nel quale vedo Bulgaria, Polonia, Cuba e altre squadre, dove possiamo attestarci bene. Poi non dimentichiamoci che le finali si giocano a Roma, un ambiente particolare dove la nazionale è sempre andata oltre i suoi standard del momento. Voglio fare un grosso in bocca al lupo ad Anastasi ed ai ragazzi. Sono certo che sentiranno molto appuntamento dal punto di vista delle emozioni e se posso dare un consiglio, dico loro di pensare ad una partita per volta, cancellando in fretta sia una vittoria che una sconfitta. E noi faremo tutti il tifo per la nostra nazionale”. Firmato Dall’Olio, tecnico della Sir Safety Perugia e regista del Gabbiano d’argento.
(fonte Sir Volley Bastia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Settembre 20, 2010 15:56