Cavriago, bestia nera del Città di Castello

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 28 Novembre, 2010 16:19

Cavriago, bestia nera del Città di Castello

Vedovotto Filippo (attacco)

Gherardi Cartoedit Svi Città di Castello in attacco con lo schiacciatore Filippo Vedovotto

Anticipo televisivo con sconfitta per la Gherardi Cartoedit Svi Città di Castello che lascia l’intera posta all’Edilesse Reggio Emilia che sfrutta una partita giudiziosa, senza errori e con grande attenzione soprattutto nei fondamentali di battuta e ricezione. Parte bene la formazione di Città di Castello che non può contare su Vedovotto, in panchina per i problemi alla spalla sostituito da Lipparini, e va sul 4-2 ma Sivula pareggia i conti sul 4-4. In battuta Ippolito crea difficoltà a Città di Castello che va sotto 4-8 con un colpo fortunato proprio dell’ex Cantù. I tifernati cercano di tornare nel set senza riuscire a riavvicinarsi anche al secondo time out tecnico (12-16) perché la battuta dell’Edilesse è veramente ficcante e consente di allargare ancora il gap (13-19) con l’ace di Luppi. Nemec risponde dalla zona 1 per il 15-20 ma poi sbaglia la palla del possibile 17-20 e su questo errore sembrano spegnersi le speranze biancorosse di poter tornare nel set perché Sivula schiaccia il 17-23 poi però regala il 20-23 con una palla out dalla zona 4 e sbaglia ancora per il 22-23 sul buon servizio di Marini. Nemec annulla la prima palla set degli emiliani ma Botti fa 23-25.  Si comincia con maggiore equilibrio nel secondo set (4-4) ma al primo time out tecnico arriva prima l’Edilesse (7-8); Città di Castello c’è, eccome, e con Rosalba e Nemec si porta sul 12-9 e tiene Reggio Emilia a debita distanza (16-12 alla seconda interruzione del set). Da applausi l’attacco dalla seconda linea di capitan Rosalba sul 14-11 che mette lungo in zona 5 una palla sporca. Nonostante il buon gioco della Gherardi Cartoedit Svi, Reggio Emilia rimane nel set e si riavvicina con Sivula (21-20) e pareggia a quota 22. Rosalba è implacabile per il 24-23 e Nemec tira sulle mani del muro emiliano l’attacco dell’1-1. E l’equilibrio regna sovrano anche nella fase d’avvio del terzo set poi sono la battuta e la difesa tifernate a fare la differenza: Sivula viene murato e Città di Castello è sull’8-6. Il servizio di Grassano consente a Reggio Emilia di raggiungere il vantaggio (9-10). Un attacco fuori dalla seconda linea di Nemec e un punto di Ippolito lanciano gli emiliani (10-14) che capitalizzano al massimo il turno positivo al servizio dell’alzatore Garnica. I ragazzi di Radici, che getta nella mischia l’acciaccato Vedovotto e Bortolozzo, provano con grinta a tornare nel set senza riuscirci. Sul 18-24 ci sono sei set point per l’Edilesse: Città di Castello ne annulla due con Nemec, alla terza occasione è Botti a chiudere (20-25). Il coach di Città di Castello riconferma Vedovotto in campo all’inizio del quarto set che vede subito l’Edilesse pronta a scappare via perché Botti trova subito l’ace del 2-4. Luppi mura lo schiacciatore ex Sisley e al time out tecnico è 5-8 per il sestetto di Bonitta. Andrea Radici chiama subito entrambi i time out discrezionali per cercare di risolvere la situazione ma Botti mura Ravellino e Rosalba per l’8-12. In questa fase, come un po’ in tutto il match, il servizio di Reggio Emilia è spinto al massimo e non consente alla ricezione di Città di Castello di poter far giocare tranquillamente Orduna. Sul 13-18 c’è anche un problema al dito per Santiago Orduna, che ricorre alle cure del fisioterapista Alessio Botteghi e del dottor Michele Palleri. Rosalba lotta strenuamente con tutte le sue forze per rimandare il più possibile il verdetto finale e propizia un mini break di recupero dall’11-16 al 13-16. Sul 19-24 due ace di Nemec e un errore di Sivula danno l’ultima speranza ai tifernati che cedono per la battuta out dell’opposto slovacco.
GHERARDI CARTOEDIT SVI CITTA’ DI CASTELLO  – EDILESSE REGGIO EMILIA = 1-3
(23-25, 25-23, 20-25, 22-25)
CITTA’ DI CASTELLO: Nemec 25, Rosalba 16, Di Benedetto 7, Ravellino 6, Lipparini 5, Orduna 2, Rossini (L), Vedovotto 3, Bortolozzo 1, Marino, Marini. N.E. – Del Castello, Benedetti. All. Andrea Radici.
REGGIO EMILIA: Sivula 18, Botti 16, Grassano 15, Ippolito 9, Luppi 9, Garnica 5, Peli (L), Bonetti, Mast. N.E. – Sassi, Bartoli, Mazzali, Goi. All. Marco Bonitta.
Arbitri: Giuliano Venturi (TO) e Gianluca Bertoletti (RM).
Città di Castello (b.s. 15, v. 3, muri 8, errori 11).
Reggio Emilia (b.s. 16, v. 7, muri 7, errori 7).
(fonte Pallavolo Città di Castello)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 28 Novembre, 2010 16:19