Gherardi Cartoedit Svi in grande spolvero col Gela

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 26, 2010 20:23

Gherardi Cartoedit Svi in grande spolvero col Gela

Ravellino-Orduna (muro)

Emanuele Ravellino e Santiago Orduna a muro

Fine anno con vittoria, la seconda consecutiva, per la Gherardi Cartoedit Svi Città di Castello che batte tre a zero l’Eurogroup Gela, giocando una bellissima gara, praticamente senza errori e con un Rosalba in grande forma: il capitano chiude con 15 punti, il 76% in attacco e due muri punto. Ma tutti i giocatori  tifernati si sono dimostrati in grande giornata, concreti, attenti su ogni palla e abili a riportarsi sull’avversario nel finale di secondo set, quando erano sotto 21-24. Si comincia con i sestetti annunciati: Città di Castello schiera Orduna in versione ‘Zorro’ in diagonale con Nemec, Rosalba e Vedovotto in posto quattro, Ravellino e il neo acquisto Rossi centrali, Rossini libero mentre mister Dalù sceglie Bucaioni in diagonale con Sequeira, Veloso Pinto e Martinengo schiacciatori, Tomassetti e Belardi centrali, Rizzo libero. La partita inizia con scambi lunghi e intensi che vedono spesso vincenti i padroni di casa (6-3), avanti ancora di tre lunghezze al primo time out tecnico. Nonostante un grave errore arbitrale (palla fuori di mezzo metro giudicata dentro!) Città di Castello vola sul 13-7 con l’ace di Vedovotto su Veloso Pinto. Bucaioni prova anche ad innescare i centrali ma Ravellino è attentissimo e mura Belardi per il 16-8 poi sale in cattedra capitan Rosalba, dopo il doppio cambio di Dalù, che contrattacca il punto del 18-9 dopo un gran tuffo in difesa di Vedovotto. I tifernati veleggiano verso la chiusura del set con grande piglio e tranquillità; ci pensa un muro di Rosalba (sette punti nel set assieme a Vedovotto) a siglare la chiusura di una frazione praticamente perfetta per la Gherardi Cartoedit Svi. Un muro di Ravellino su Veloso Pinto crea il primo break del secondo set (3-1) ma un paio di errori in attacco dei tifernati, i primi della giornata, riportano sotto l’Eurogroup (4-4) che, nella rotazione successiva, soffre tremendamente il servizio di Nemec (8-5). Il break è ancora firmato da Rosalba che attacca una diagonale straordinaria dopo un bagher dai nove metri di Rossini e poi mura Belardi a una mano! I tre punti di vantaggio rimangono fino al 13-10 poi Gela sorpassa con Sequeira e con un ace fortunoso (13-15); al secondo time out tecnico, però, gli ospiti sono avanti (14-16). Un bel muro di Tomassetti, dopo una gran difesa di Rizzo e Martinengo, allarga ancora il divario a favore dell’Eurogroup (16-20) che è in grande spolvero in questa fase. E’ ancora Rosalba a guidare i suoi con due punti di fila, attacco e muro, che riportano sul 21-23 Città di Castello ma Gela guadagna, comunque, tre palle set; la prima è annullata da Nemec, la seconda da Rosalba, la terza ancora dallo slovacco che mette a terra anche il 25-24. Poi sbaglia la battuta e si va ai vantaggi: i siciliani annullano due palle set su Nemec e si portano sul 27-28 con Veloso. E’ una battaglia incredibile al Pala-Engels in questo finale di set con le due squadre che non sbagliano nulla. Nemec spara a terra il servizio del 32-31 biancorosso ma gli ospiti si salvano ancora poi Martinengo sbaglia la battuta e l’opposto slovacco sfonda Rizzo dalla seconda linea chiudendo i giochi (34-32). Sono ancora due muri di Ravellino a mettere a segno il break in avvio di terzo set (4-1) poi un errore di Bucaioni frutta il 6-2 per la squadra di Città di Castello che ha un Rosalba semplicemente superlativo. Poco prima del time out tecnico mister Dalù toglie Bucaioni e Belardi per Quartarone e Barbisan ma vale a poco perché capitan Rosalba riceve alla grande una battuta pericolosa di Veloso Pinto e Nemec fa il punto dell’8-3. Sequeira dal servizio e il neo entrato Quartarone a muro rimettono nel set gli ospiti che si inchinano però alla bomba dalla seconda linea di Nemec (10-7) che bissa da zona uno per il punto del 12-8. Al secondo time out tecnico la Gherardi Cartoedit Svi ha un vantaggio rassicurante (16-12) e, quando Rossi inchioda a muro Sequeira (19-14), la partita dimostra di avere un solo padrone e questo padrone ha la maglia biancorossa. Una palla contestata da Gela su attacco di Nemec è il punto del 23-14, preludio del 25-14 finale. Sarà una fine d’anno dolcissima per la formazione del presidente Arveno Joan!
GHERARDI CARTOEDIT SVI CITTA’ DI CASTELLO – EUROGROUP GELA = 3-0
(25-15, 34-32, 25-14)
CITTA’ DI CASTELLO: Nemec 21, Rosalba 15, Vedovotto 11, Ravellino 9, Rossi 7, Orduna 2, Rossini (L), Marino, Marini, Lipparini, Bortolozzo. N.E. – Di Benedetto, Del Castello. All. Andrea Radici.
GELA: Sequeira 15, Martinengo 11, Veloso Pinto 8, Tomassetti 7, Belardi 4, Bucaioni 1, Rizzo (L), Barbisan, Quartarone 2, Draghici. N.E. – Maccarone, Tranquillo, Mari. All. Giandomenico Dalù.
Arbitri: Eliana Cappelletti (AN) e Bruno Frapiccini (MC).
Città di Castello (b.v. 2, b.s. 7, muri 12, errori 6).
Gela (b.v. 2, b.s. 10, muri 7, errori 7).
(fonte Pallavolo Città di Castello)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 26, 2010 20:23