Roberto Fant: “Perugia è attrezzata per risalire la china”

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 20 Dicembre, 2010 18:08

Roberto Fant: “Perugia è attrezzata per risalire la china”

Sir Safety Perugia (fans)

i fans della Sir Safety Perugia sugli spalti del Pala-Evangelisti

Si sta facendo preoccupante la situazione in classifica della Sir Safety Perugia. La sconfitta di domenica mattina contro la capolista Padova, nonostante il buon match disputato da Curti e compagni, ha di fatto sancito il terz’ultimo posto dei Block Devils, fermi a quota 9 punti mentre le avversarie cominciano ad essere pericolosamente lontane. Ciò nonostante la squadra sta dando ampi segnali di ripresa sotto la guida del tecnico Fant, il primo a credere nella rinascita bianconera. Ancora una buona prestazione della squadra, ma ancora una volta una sconfitta da digerire. “Anche se sembra retorica, ho visto i ragazzi aggressivi, capaci di alternare momenti di ottimo gioco a momenti di buon gioco. Quando parlo di gioco parlo di un corretto atteggiamento, di risultati tecnici, di bravura tattica in alcuni momenti. E questi sono indubbiamente dei segnali positivi. Sicuramente ci mancano ancora tante cose, come essere freddi nei momenti importanti. La nota più dolente di ieri magari è stato il finale di partita che abbiamo gestito male. Ovviamente, essendo arrivato da poco, ancora non ci conosciamo bene con i ragazzi, ma non possiamo finire l’incontro con due errori al servizio”. Cosa manca davvero a questo gruppo per tornare al successo? “Nella specifica ultima partita, credo che facendo la stessa prestazione con un’altra squadra che non fosse Padova o la seconda in classifica Ravenna, chiaramente con il massimo rispetto per le altre compagini, c’erano grosse possibilità di ottenere il successo. Poi ovviamente questa prestazione bisogna saperla fare con le altre squadre il che non è così semplice come sembra. Per il resto mancano tante cose ancora. Siamo bassi nell’efficienza d’attacco generale e se non metti palla a terra a pallavolo non vinci. Soprattutto infine è vera la massima che perdere abitua a perdere. È un problema che non si allena. In palestra si tenta di allenare il sistema di stare in campo per vincere, cosa sulla quale in settimana punto molto, ma solo le vittorie tolgono veramente questo problema”. A Santo Stefano c’è la trasferta a Mantova, diretta concorrente nella lotta per non retrocedere. A gennaio invece il calendario propone cinque turni, di cui quattro da disputare al Pala Evangelisti. È giusto dire che questo è il mese della verità? “Inutile nascondersi dietro a un dito, quello che ci attende è un periodo fondamentale. O si ingrana la marcia o si rimane fermi. Allo stesso modo Mantova è una tappa importantissima soprattutto per sbloccarci, anche se incontreremo un’altra buona squadra oltretutto in trasferta. Dovremo raccogliere in questi giorni le energie fisiche e mentali per andare a fare risultato. La squadra ha fatto tanti sacrifici e credo che se lo meriterebbe. Sono certo che, se faremo una prestazione il più possibile somigliante al match con Padova con più attenzione al servizio, porteremo a casa il risultato, cosa che cambierebbe molto la nostra situazione”. Un’ultima domanda. Ci dica un motivo per cui i tifosi bianconeri devono credere nella rimonta in classifica. “Devono crederci perché la squadra è attrezzata per poterlo fare. Se siamo in basso ovviamente ci sono dei motivi, però la voglia e il desiderio di tutti è risalire. Le basi ci sono, la strada è percorribile e sto sognando il giorno in cui ci abbracceremo tutti per aver raggiunto il nostro obiettivo”.
(fonte Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 20 Dicembre, 2010 18:08