Città di Castello batte Sora e resta terza

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 20, 2011 23:30

Città di Castello batte Sora e resta terza

Pala-Ioan Città di Castello (targa)

la targa di commemorazione inaugura il Pala-Ioan a Città di Castello

Nel giorno dell’intitolazione del palasport ad Andrea Ioan, la Gherardi Cartoedit Svi Città di Castello regala al proprio pubblico l’ennesima vittoria. Il tre a zero nell’anticipo alla Globo Sora consente ai ragazzi del presidente Ioan di mantenere il terzo posto in classifica e di far gioire ancora una volta un’intera città. Subito 3-0 per gli umbri con Gatto che chiede time-out e la squadra ospite recupera fino al 5-4 e pareggia sul 5-5 poi al primo time-out è 6-8 per gli ospiti sul servizio di Libraro che mette in difficoltà la ricezione biancorossa. Sul 9-12 sale in cattedra  Andrea Rossi che con due muri di fila propizia il sorpasso firmato Rosalba (13-12). Torna avanti la Globo prima del secondo time out tecnico (15-16) con il muro su Nemec e si porta avanti di tre lunghezze sul 17-20 con due punti di fila. Andrea Radici chiama in panchina i suoi ragazzi e subito i ragazzi di Città di Castello pareggiano a quota 20. Ma gli ospiti, sul servizio di Scappaticcio, tornano ancora avanti di tre lunghezze (20-23) ma i tifernati non ci stanno e accorciano le distanze con Rosalba e con l’ace di Di Benedetto (22-23) che si ripete per il 23-23. Roberts conquista il primo set-point, annullato da Rosalba poi Nemec ribalta la situazione con un ace e con un servizio al fulmicotone mal ricevuto dagli ospiti:  Rossi chiude il set. Si ricomincia ed è ancora il servizio dei ragazzi del presidente Joan a fare la differenza: dal 2-2 è, ovviamente, Martin Nemec a portare la squadra di casa sull’8-2. In questo frangente Scappaticcio trova soprattutto Libraro che porta i suoi sull’11-7 che diventa 11-8 dopo un errore dei padroni di casa. Lo stesso giocatore napoletano, però, schiaccia fuori per il 14-9 e commette l’invasione che lancia Città di Castello sul 16-9 al secondo time-out tecnico. Si rientra in campo e non cambia la musica e Di Benedetto, in giornata di grazia in battuta, mette ancora in campo quattro ace (20-9). Sul 21-12 va in battuta Nemec e spara ancora in campo due ace (24-12). Sul terzo servizio Libraro prova ad attaccare una palla difficilissima e la mette sull’asta (12-25). Si chiude un secondo set in cui la Gherardi Cartoedit Svi ha messo a segno ben dieci ace su venticinque punti. Sotto di due set a zero Mister Gatto cambia sestetto, inserendo Anderson Giacomini in diagonale con Scappaticcio e riportando Libraro nel suo ruolo di schiacciatore di posto quattro. Le due squadre iniziano un punto a punto fatto di sorpassi e controsorpassi, con anche qualche contestazione su un attacco di Rosalba giudicato out. Si sbaglia pochissimo in questo frangente, c’è grande concentrazione ed attenzione di tutti e due i sestetti; al secondo time-out tecnico è avanti la Globo Sora (15-16). Una straordinaria ricostruzione chiusa da Vedovotto frutta il 17-16 biancorosso e un errore di Roberts manda avanti Città di Castello sul 19-17. Comincia poi lo stillicidio dei time-out discrezionali, fino a quel momento non chiamati da nessun allenatore ma l’attacco out di Roberts regala due match-point ai ragazzi di Radici. Gatto richiama i suoi in panchina per il secondo time-out sul 24-22 e Roberts annulla la prima palla della partita. Sulla seconda Rossi fa saltare il tappo dei festeggiamenti dei tifosi tifernati. Prima della gara si è tenuta l’intitolazione ad Andrea Ioan del palasport di Città di Castello. C’erano tante persone, tanti amici di Andrea, della famiglia Ioan-Biagioni e della pallavolo tifernate. Molte anche le autorità presenti: il prosindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta, che ha sottolineato più volte, nel corso del suo indirizzo di saluto, quanto la pallavolo sia in città un fattore straordinariamente aggregante e che la figura di Andrea sia stata testimonianza di questo. Anche l’assessore all’ sport, Stefano Nardoni, e il presidente della Fipav Umbria, Giuseppe Lomurno, hanno salutato i numerosi presenti con parole lusinghiere. Commoventi le parole del team manager Valdemaro Gustinelli, idolo sportivo e amico di Andrea, che ha tracciato la storia della sua amicizia con Andrea, ricordando anche che, dopo la sua scomparsa, tanta gente si è riavvicinata alla pallavolo di Città di Castello. Arveno Ioan ha ringraziato tutti coloro i quali hanno voluto fortemente questa giornata, dall’amministrazione comunale ai semplici amici di Andrea per finire con tutti i dirigenti del Città di Castello Pallavolo, e ha chiuso il saluto con una della frasi solite di suo figlio”Questa è un’altra questione”. Poi è stata scoperta l’insegna del ‘Palasport Andrea Ioan’, coperta fino a quel momento da una gigantesca bandiera biancorossa, e successivamente don Bruno Bartoccini, il sacerdote della pallavolo di Città di Castello, ha benedetto il bassorilievo in bronzo, realizzato dalla Bottega Orafa Bartoccioni, al quale poi il prosindaco Bacchetta e i familiari di Andrea hanno tolto il drappo, anch’esso biancorosso, che lo copriva. Tutto da brividi!

GHERARDI CARTOEDIT SVI CITTA’ DI CASTELLO – GLOBO SORA = 3-0
(26-24, 25-12, 25-23)
CITTA’ DI CASTELLO
: Nemec 15, Rosalba 14, Di Benedetto 12, Vedovotto 9, Rossi 8, Orduna, Rossini (L), Ravellino, Lipparini, Marino, Benedetti. N.E. – Marini, Del Castello. All. Andrea Radici.
SORA
: Roberts 16, Libraro 11, Scuderi 3, Pavan 3, Polidori 2, Scappaticcio 2, Gatto M. (L), Anderson 4, De Rosas, Roberti, Gaetano. A disp.: Costantino. All. Alberto Gatto.
Arbitri: Montanari (Ra) e Carrara (Go).
Città di Castello (b.v. 14, b.s. 9, muri 5, errori 8).
Sora (b.v. 5, b.s. 7, muri 5, errori 10)
(fonte Pallavolo Città di Castello)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 20, 2011 23:30