Il motore dell’Avis Magione si inceppa a Chiusi

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 17, 2011 19:05

Il motore dell’Avis Magione si inceppa a Chiusi

Orsini Elisa (attacco)

Avis Magione in attacco con il martello Elisa Orsini

Il vecchio e famoso proverbio ‘Tra i due litiganti il terzo gode’ sembra davvero perfetto per commentare i risultati della ventisettesima giornata del campionato di serie D femminile. Infatti nella corsa al terzo posto dopo un entusiasmante duello a distanza tra Ellera e Magione che in oltre quattro mesi ci ha regalato sorpassi, agganci e controsorpassi a non finire, ha fatto irruzione prepotentemente il Fossato di Vico, che vincendo a Spoleto l’undicesima partita consecutiva ha superato l’Ellera ed agganciato proprio il Magione sul terzo gradino del podio, potendo contare però al momento sul vantaggio di piazzamento legato al maggior numero di partite vinte. A tre giornate dal termine dunque la lotta si fa più accesa che mai per conquistare le migliori posizioni in vista dei playoff e di certo da qui all’atto conclusivo non mancheranno emozioni e nuovi colpi di scena. Per la Avis Magione, dopo sei vittorie consecutive, la partita sul campo della Rosati Auto Chiusi si presentava alla vigilia molto difficile, visto che la squadra locale era obbligata a far risultato per restare in scia alla capolista Perugia, riscattando la battuta d’arresto della settimana precedente a Penna in Teverina. Se a questo si aggiunge il ruolino di marcia perfetto della formazione toscana tra le mura amiche, fatto ad oggi di 14 vittorie e 42 punti in 14 partite con solo tre set al passivo, è chiaro che l’impresa a cui era chiamata la squadra di coach Chiabolotti si presentava quasi proibitiva. Il Magione comunque scende in campo determinato e parte bene nelle prime battute, mettendo a segno anche due aces con il capitano Elisa Nucciarelli ed Ellen Baldelli e conquistando il primo importante break sul 2-7, che costringe il tecnico locale Marco Gobbini a chiamare il primo time-out. Al rientro in campo il Chiusi, pur regalando alle avversarie molti punti con errori in battuta ed in attacco, si riorganizza in difesa recuperando progressivamente il gap fino al punto del 18-16, che segna il momento di un nuovo time-out, ordinato però stavolta dall’allenatore ospite. Al rientro, il tecnico del Magione mette in campo Luisa Castellini che, seppur debilitata dall’influenza che le ha impedito per tutta la settimana di allenarsi, ha un ottimo impatto sul match e segna anche l’ace che vale il nuovo sorpasso sul 18-19, prima dell’allungo 18-20 grazie ad un’infrazione fallosa fischiata dal direttore di gara. Il finale di set si gioca punto a punto, con il Chiusi che ritrova il vantaggio sul 23-22; Elena Cammarano pareggia i conti per l’ultimo sussulto del Magione prima del break decisivo della formazione di casa, che con il punto del 25-23 determina il cambio campo. Alla ripresa del gioco sembra di assistere ad una replica del primo set, con il Magione subito avanti 2-6 grazie all’apporto delle scatenate Elisa Orsini ed Elisa Nucciarelli; come in precedenza, il Chiusi dopo lo sbandamento iniziale recupera lo svantaggio tornando a condurre sull’8-7 prima che Nucciarelli ed un errore offensivo delle locali riportino ancora il Magione a condurre sul 12-14. Ma da quel momento il Chiusi sbaglia pochissimo e con un ottimo lavoro in ricezione del libero Camilla Strano e gli attacchi di Alessandra Fei e Laura Macchioni allunga fino al 23-18. Il time-out di coach Chiabolotti non serve a cambiare l’inerzia del match, che va in archivio sul 25-19 con l’errore in attacco di Elisa Orsini. Nel terzo set c’è da subito in campo Luisa Castellini come laterale al posto di Elena Cammarano ma il Magione stavolta parte male accumulando uno svantaggio che lo costringerà per tutta la frazione a guardare le avversarie da dietro, senza riuscire mai a mettere il naso davanti. Il Chiusi è molto efficace a muro, Irene Cardinali fa quel che può al centro ma sul 10-5 le locali possono già amministrare un buon vantaggio. Due schiacciate consecutive di Castellini permettono al Magione di rifarsi sotto sul 14-13; coach Gobbini chiama il time-out, al termine del quale il risultato si dilata fino al 16-13. I colpi di Luisa Castellini, Alessia Ravacchioli (subentrata poco prima ad Ellen Baldelli) ed Elisa Nucciarelli ristabiliscono la parità ma è l’ultimo acuto del Magione prima che la formazione di casa piazzi il break decisivo allungando sul 20-16 per chiudere poi definitivamente i conti 25-19. Dopo un periodo molto positivo dal punto di vista dei risultati dunque si ferma la rincorsa del Magione al terzo posto in una partita che, come detto in apertura, si presentava già alla vigilia ricca di insidie. C’è da dire però che le ragazze di coach Gianluca Chiabolotti forse non hanno mostrato di crederci abbastanza nei momenti in cui il risultato era favorevole e poteva essere gestito con maggiore attenzione. D’altro canto il Chiusi si conferma come squadra quadrata ed attrezzata per conquistare la promozione e duellare fino all’ultimo con la capolista Libertas Perugia per la vittoria del campionato; la formazione di Gobbini ha la grande capacità di riuscire a mantenere la tranquillità nelle fasi decisive del match, grazie alla lucidità e all’esperienza delle sue ottime giocatrici, capaci di trovare la soluzione vincente al momento giusto senza lasciarsi prendere dalla frenesia. Per il Magione comunque nulla è compromesso e fin dal prossimo impegno infrasettimanale in casa contro il San Sisto sarà necessario recuperare la determinazione e la convinzione giusta per tornare a fare risultato, lasciandosi così alle spalle questa battuta d’arresto. Per le ragazze biancoverdi nelle ultime tre partite di campionato sarà necessario vivere alla giornata cercando di fare sempre bottino pieno per poi guardare alla fine la classifica con la serenità e la consapevolezza di aver fatto il massimo delle proprie possibilità. Al termine poi si potrà dare il via ad una nuova stagione, in cui i valori mostrati in campo nel corso di un intero anno potrebbero ribaltarsi in pochi giorni e sarà dunque necessario mantenere alta la concentrazione giocando a viso aperto tutte la partite senza timori, inseguendo quel sogno tanto ambito da giocatrici, allenatore e società. Buon campionato a tutti.
ROSATI AUTO CHIUSI – AVIS MAGIONE = 3-0
(25-19, 25-19, 25-19)
MAGIONE
: Nucciarelli 12, Orsini 11, Cardinali 6, Baldelli 2, Cammarano 2, Bertinelli 2, Favilli (L1), Castellini 4, Ravacchioli 2, Baldoni. N.E. – Valeri, Pettirossi, Riganelli (L2). All. Gianluca Chiabolotti.
CHIUSI
: Cassettoni B., Cassettoni S., Chechi, Cicaloni, Fei, Franceschini, Gennari, Macchioni, Rapicetta, Strano (L). All. Marco Gobbini.
Arbitro: Maurizio Merli.
(fonte Polisportiva Magione)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 17, 2011 19:05
  • Roberto Taborchi

    Grazie dei complimenti al Magione Giacomo. E in bocca al lupo al Chiusi, è una squadra davvero splendida e merita la promozione. Buona Pasqua.

  • giacomo

    sarò di parte ma in questa partita la laura macchioni è stata semplicemente devastante sicuramente la migliore in campo.. tanto di cappello comunque al magione che con una squadra non al completo si è dimostrata comunque competitiva e affiatata e sono dei campioni dentro e (cosa ultimamente sempre più rara)anche fuori dal campo.. in ultimo FORZA CHIUSI CHE NULLA è PERSO MA DOBBIAMO CREDERCI TUTTI E SOTTOLINEO TUTTI!!!!!!!!!!