Stefano De Simoni: “Il futuro della Ternana è incerto”

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 3, 2011 12:35
De Simoni Stefano

Stefano De Simoni

La Crediumbria Ternana perde a Bastia ed abbandona la categoria nazionale retrocedendo in serie C. “Purtroppo la gara della vita – spiega il sereno ma amareggiato presidente Stefano De Simoni – non è arrivata ed è accaduto quello che da tempo era preannunciato. Purtroppo quando un anno nasce storto….difficilmente si raddrizza. Mi assumo tutte le responsabilità in quanto, alla fine, è sempre il sottoscritto che ha avallato ogni singola scelta. Certo, la delusione è forte. L’amarezza per aver perso il titolo di serie B è tantissima… spero di trovare nuovi stimoli per ripartire nuovamente o passare il testimone. Sicuramente si è chiuso, nella mia gestione, un ulteriore ciclo: o emergeranno nuovi personaggi per guidare la società oppure, ora, non saprei dire quale sarà il percorso che la Ternana Pallavolo intraprenderà per la prossima stagione. Certo, risponde il presidente, garantirò la continuità ed il proseguo della attività ma come sarà impostata la prima squadra… ora non saprei: credo che sarà oggetto, nei prossimi giorni, di riflessione tra il sottoscritto e la dirigenza rossoverde. Sicuramente, non si commetteranno gli errori realizzati nell’anno ancora in corso. Oggi come non mai comprendo la valenza del gruppo nella pallavolo: per la prossima stagione, le atlete, che dovranno far parte di ogni squadra a qualsiasi livello, dovranno, tassativamente, essere valutate, non solo tecnicamente, ma anche da un profilo comportamentale, caratteriale e di disponibilità. Inutile prendere una o più atlete di buon livello tecnico quando poi, le stesse, si rivelano deleterie per il gruppo in quanto indisponibile e/o indisponente e/o arrogante e/o  presuntuosa e/o apatica. Comunque, da fare, per il futuro, ce ne è: bisogna vedere, ripeto, quale strada decideremo di intraprendere”.
(fonte Ternana Pallavolo)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 3, 2011 12:35
Write a comment

6 Comments

  1. roberto Maggio 10, 16:35

    Non si può credere quello che è stato detto ieri sera nella trasmissione volley su tele terni,scandaloso parlare di pezzi da novanta!!!!dove sono ,ma ci rendiamo conto che la partita di sabato sera è stata come 1 partita d’under 14 e voglio fare un grande complimento alle ragazza specialmente ai pezzi da novanta che per tutto il campionato non hanno azzeccato ne 1 battuta, e per il gioco lasciamo perdere.Scandaloso(un pezzo da novanta) quando tirato fuori durante una partita si è messa a piangere xk lei doveva giocare e l’allenatore la dovuta far rientrare,ma sicuramente non dovuta da una sua decisione.Se questa è la pallavolo signori miei è meglio ricominciare da capo, si parla di uno sporco calcio,ma adesso non so più che pensare!!!!!senza parole!!!!

  2. gregorio Maggio 9, 21:00

    Oh my God! Terni ha di questi personaggi? Pallavolo? Sport e comunione di intenti?
    Lontananza dalle incongruenze che tutti i giorni soppotiamo? Avvicinamento dello
    spettatore agli incontri? MA VI PREGO, non prendeteci in giro e se potete, se ce la
    fate eseguite un obiettivo esame di coscienza e mandate dallo psicologo chi ne ha
    davvero biosgno.Oppure continuate i vs egregi lavori e le vs altrettanto encomiabili
    professioni. Ma, prego ancora lasciate stare lo sport e la pallavolo. Richiesta spas
    sionata e veemente ma certe cose non si possono leggere, scrivere e neanche pensare.

  3. alice Maggio 9, 20:54

    E’ squallido sentir parlare di pallavolo e di sport in contesti di siffatta natura.
    Cosa, in realta’ resta se non l’amarezza di aver tifato per una squadra il cui
    comportamento, da parte della dirigenza, ha un sapore speculare rispetto alla
    approssimazione, alla superficilita e quanto di più e di meno si può sopportare?
    Tempo sprecato a guardare i giri di valzer alterati e mascherati. Una danza spiacevole e che nulla ha a che fare con quello che si intende l’educazione, l’insegnamento
    che lo sport offre a chi rispetta le regole del buon senso. Anche gli articoli del
    giornale e le interviste televisive hanno parlato per buona parte dell’anno di situa-
    zioni irreali, di scenari inverosimili e battute e pseudoanalisi altamente poco o
    affatto professionali e veritiere. Insomma letto e ascoltato mistificazioni e altera-
    zioni che se solo si parlasse di cibi ci si potrebbe ridurre alla scadenza non
    rispettata ergo: cibo avariato. Queste cose disamorano e insegnano la falsita’
    e di certo allontanano i ragazzi e i meno giovani dallo sport se di questo si puo’
    parlare. Ho una figlia ancora piccola, ma mai e dico mai vorrei farla trovare in
    simili situazioni, in tali ambienti. Prepotenze simili a quelle che purtroppo
    ci insegna la politica attuale! Qui almeno speravo ci fosse maggiore trasparenza e
    professionalita’, ma mi sbagliavo di grosso e voi me lo avete fatto vedere.

  4. roberta de angelis Maggio 5, 16:28

    ma non siamo ridicoli la squadra non può essere impostata solo su due giocatrici gemelle,xk la pallavolo è un gioco di squadra e non basato solo su 2.questa è una squadra che deve essere cambiata tutta tanne 1 giocatrice vera,non c’è gioco di squadra che è la base di tutto, c’è solo invidia,e non sono queste le basi x poter andare avanti de simoni cambiale tutte!!!!

  5. Alessandro Maggio 4, 22:33

    ma non faceva prima a dire che non c’ha più voglia di fare il presidente invece di dire tante cazzate sulle giocatrici?

  6. solo ora? Maggio 3, 13:12

    “le atlete, che dovranno far parte di ogni squadra a qualsiasi livello, dovranno, tassativamente, essere valutate, non solo tecnicamente, ma anche da un profilo comportamentale, caratteriale e di disponibilità. Inutile prendere una o più atlete di buon livello tecnico quando poi, le stesse, si rivelano deleterie per il gruppo in quanto indisponibile e/o indisponente e/o arrogante e/o presuntuosa e/o apatica”
    mi viene in mente una frase detta dal presidente della ternana in una delle poche riunioni… una giocatrice deve essere sempre disponibile per la società qualunque età abbia… ora non vale più per le sue… capita

View comments

Write a comment

<