Francesco Merenda ringrazia la sua Ellera

Pianeta Volley
By Pianeta Volley giugno 13, 2011 09:54

Francesco Merenda ringrazia la sua Ellera

Merenda Francesco

Francesco Merenda

Al termine della stagione Francesco Merenda, allenatore della Casa del Lampadario Ellera di serie D femminile sconfitto nella finalissima promozione commenta a caldo la stagione delle sue ragazze: “Il verdetto del campo è sovrano, ed ammettiamolo, terribilmente giusto. Ha vinto la squadra che è stata in grado, e parlo di gara-tre, di almeno mantenersi costante di non uscire dalla partita e che di certo non ha avuto paura di vincerla né si è persa d’animo quando forse stava per perderla. Per cui i complimenti vanno a loro, unitamente a quelli per Fossato, perché alla fine se la sono meritata questa promozione. Noi, siamo stati noi, abbiamo giocato una partita da noi, ed adesso brucia ancora di più perché era fattibile, perché era quasi fatta. Ma il campo è sovrano, ed i nostri – almeno i miei – complimenti vanno a Chiusi. E’ finita una stagione molto particolare, difficile per certi aspetti, fra periodi no, infortuni, occasioni buttate, vittorie importanti. E’ finita una stagione dove alla fine siamo stati comunque protagonisti, perché abbiamo fatto il nostro dovere, e credo sia sotto gli occhi di tutti ce la siamo giocata davvero fino alla fine. Con queste poche righe volevo ringraziare coloro che ci hanno permesso di arrivare fin qui, i nostri tre magnifici dirigenti che sono stati sempre attenti alle nostre esigenze e si sono prodigati per organizzare al meglio la nostra attività. A loro va il mio grazie, e non essendo arrivata la ciliegina sulla torta, purtroppo solo quello. Da allenatore, dover gestire un gruppo, non è sempre rose e fiori: fare scelte, prendere decisioni, cercare di svolgere al meglio il proprio compito è stato molto più semplice avendo a che fare con persone intelligenti, con un gruppo di persone che si voleva davvero bene a prescindere dalla pallavolo. A voi va il mio grazie per avermi fatto provare emozioni vere in questo finale di stagione, a voi va il mio grazie per avermi fatto vedere gli occhi emozionati prima dell’ultimo allenamento, a voi va il mio grazie per aver giocato, comunque alla grande, una serie di finale, facendo sì che l’impossibile potesse quasi risultare possibile. Credo di avervelo già detto, ma non faccio alcuna fatica a ripeterlo, vi voglio bene. Adesso è ora di riflettere, di programmare, di pianificare il futuro, adesso questa stagione è davvero finita. Grazie”.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley giugno 13, 2011 09:54
  • Federica Ponti

    Io questa polemica non riesco a capirla…
    più leggo e più resto basita. mi viene da chiedermi cosa deve fare un/una giocatore/trice arrivata alla veneranda età dei 25 anni, forse appendere le scarpe al chiodo???e per lasciare il posto a chi?
    tutto il mio rispetto e la mia stima per le VECCHIE dell’Ellera. Qualcuna la conosco personalmente…ottime persone e grandi giocatrici dalle quali ho avuto l’ONORE di imparare molto!!! GRAZIE AMICHE!
    un bacio da un’altra Vecchia!

  • Alessandra Serru

    … Dopo l’infortunio la Marcaccioli ha lasciato il posto a Cicalini.. e ribadisco che Nofrini è arrivata già a metà campionato e prima di lei giocava Filippi.. e comunque non vedo cosa ci sia di male.. sono molto meglio di molte giovani che non sanno neanche cos’è il vero amore per questo sport! IO LE STIMO.. Magari tutte come loro..

  • Emanuela papadia

    Caro ….
    se per vecchie intendi quelle che giocavano ad inizio stagione ti posso dare ragione tranne che per Nofrini…. ma quante partite hai visto dell’Ellera, davvero tutte!!???Nofrini ha ricominciato a giocare a Febbraio, non ha giocato manco in semifinale playoff contro Petrignano e non era manco in panchina ma direttamente in tribuna….Marcaccioli è fuori da un pezzo per infortunio e prima si è sempre alternata con la Cicalini….!!! Ribadisco de che stamo a parlà???

  • sara caserta

    Mi sarei un pò stufata di sentirmi chiamare vecchia 🙂 🙂 🙂

  • Comunque le vecchie titolari sono nicolini papadia caserta nofrini marcaccioli

  • Alessandra Serru

    Vorrei dire al caro “Cris” che non so quale squadra di Ellera abbia visto.. Non sono stata citata per niente da lui nei commenti, segno che non conosce proprio la nostra squadra, sennò saprebbe che sono il centrale titolare della Casa del Lampadario Ellera, che sono classe ’90 e che non ho mai messo piede fuori dal campo, se non in seconda linea per far entrare il nostro Libero Mamma Manu, che avrà pure 28 anni, ma dovrebbe far tutto al di fuori che appendere le ginocchiere al chiodo! Se ci conoscessi sapresti che anche il nostro alzatore e il nostro opposto, sono classe ’90; che abbiamo una classe ’93 che ha sostituito Capitan Nicolini (una delle vecchie) più di una volta; che abbiamo tre classe ’92 che hanno giocato almeno una volta, e non si sono mai lamentate di aver giocato poco perchè tengono alla Squadra!..e una classe ’88 che ha giocato più di mezzo campionato prima che arrivasse la Trilli (Nofrini).. Siamo vecchie?? Dici sul serio?? Se a 21 anni (appena compiuti oggi tra l’altro) sono vecchia, beh caro mio, non so che standard di giocatrici di pallavolo di serie D hai, ma ricontrollali.. Abbiamo giocato tutto il campionato con tre “vecchie” e tre giovani in campo.. E le “vecchie”, come le chiami tu, a me NON HANNO MAI STRILLATO IN FACCIA! Anzi, mi hanno sempre sostenuta, hanno creduto sempre in me e mi hanno insegnato davvero tanto.. Quindi non posso far altro che ringraziarle.. Grazie perchè ci sono ancora “vecchie” come loro, a giocare con noi giovani e trasmetterci la loro passione.. Ma tu che ne sai? Se parli così segno che capisci ben poco di pallavolo, di cosa vuol dire far parte di una Squadra.. Io ringrazio di cuore le mie compagne, per aver sudato con me, gioito con me, sofferto con me e infine pianto con me.. Una persona come te non può proprio capire il legame che ci stringe! FIERA DI AVER COMBATTUTO AL VOSTRO FIANCO VECCHIONE MIE! VI VOGLIO BENE!

  • GIULIA

    in qualsiasi squadra gioca chi e’ + forte…. vedi la serie A.

  • GIULIA

    se si fanno giocare le giovani la retrocessione e’ sicura. purtroppo molte ragazze non hanno passione per la pallavolo. quelle forti sono forti da subito!

  • Leonillo

    Caro cris, a capirci qualcosa dalle tue parole sembrerebbe che tu aspiri ad un ruolo da dirigente o meglio ancora da team manager, o perché no: presidente!
    Si capirebbe anche che la politica del “tuo” San Mariano sia quella da suggerire a tutti, passando quindi anni a prendere giovani dai settori giovanili degli altri per poi parcheggiarle in altre società quando è il momento di vincere (un nome su tutti, l’unico vero prodotto del settore giovanile di San Mariano, Laura Costantin) e quindi di comperare qualche vecchietta .
    Certo, quest’anno è stato bello vedere una prima divisione vincere con ragazze under16 e due o tre determinanti under18 al momento opportuno; magari è meno bello sapere che di queste ragazze, almeno delle titolari, quasi nessuna proveniva dal settore giovanile della società ma che invece sono state COMPERATE per l’occasione! Il fatto che dopo gli acquisti il titolo regionale Under 16 sia andato a Foligno e quello Under 18 a Trevi è secondario non credi?
    Questo per farti capire che non tutte le società possono permettersi la politica dei giovani che vorresti tu, perché giovani brave che ti fanno vincere ce ne sono poche e se le prendono tutte sempre a San Mariano!
    Detto ciò ho per te alcuni consigli: sei una giocatrice? VAI a giocare a San Mariano.
    Sei un genitore? VAI a portare tua figlia a giocare a San Mariano.
    Sei un tifoso? VAI a tifare San Mariano!
    Non sei niente di tutto questo? Ma VAI a…..

  • chiusi fan

    se tutte le vecchiette fossero come la caserta le giovani non giocherebbero mai!!!!! complimenti all’ellera x una straordinaria stagione, ci hanno fatto sudare non sette ma venti camice e si vede che sono una squadra molto unita e con meccanismi di gioco molto collaudati ed efficaci spero ci rincontreremo fra un paio d’anni per dar vita a nuovi ed entusiasmanti scontri come in questi playoff buona estate a tutti!!!!!

  • pam#4

    ….Ancora un annetto posso giocà cris? No per caritá….ma semmai anche un campionato over trenta per prox anno…ho un po di gente che si “ostina” a giocare verrebbe fuori una bella squadra…

  • francesco merenda

    Pam, ma tu sei ancora di primo pelo!!!!

  • TRILLY

    mio Dio…
    che gente sciocca…

  • Pam #4

    …parlo da quasi trentenne…quindi ormai come le varie caserta, nicolini e papadia…in completo e rapido declino pallavolistico…mi spiace sentire sparare a zero su certe cose….l’amore e la passione per la pallavolo è qualcosa che va al di la di una stupida carta d’identità…e alle persone che non capiscono questo non vale neanche la pena di stare a rispondere…..

  • francesco merenda

    cris, oggi che ti risulta? 🙂 con affetto!!!

  • MATADOR…..

    …non capisco bene….si sta facendo polemica perchè giocano la Caserta e la Papadia? con tutto il rispetto per le giovani ragazze di Ellera che secondo me si sono ben comportate….MA LA CASERTA E LA PAPADIA NON SI DISCUTONO FINCHE’ HANNO I RENDIMENTI DELLA FINALE DI SABATO 11 GIUGNO….volete davvero dire che a 29/30 anni un atleta è alla fine del proprio rendimento? Ma mi sembra una polemica sterile….

  • Silvia #15#

    Che tristezza ragazzi parlare di “vecchie”!ma l’aguero o la gioli non mi sembrano tanto “giovani” e pure!La mia opinione è che se si ha la passione e la pallavolo dentro non c’è età,certo magari batti un pò più la fiacca ma se hai la pallavolo nel dna avrei sempre quella marcia in più!La mia squadra credo sia una tra le più giovani ma è proprio grazie alle “vecchie” che le “giovani” sono arrivate ad essere il grandissimo gruppo che sono oggi (e rigrazio tra le altre cose), quindi questo parlare di “vecchie” o ” giovani” è proprio brutto!

  • Laura Nicolini

    Quante critiche inutili..mamma mia…non so chi tu sia Cris e con chi ce l’abbia in particolare ma noi nonostante “l’età” siamo felici e fiere di aver disputato questa finale anche perchè viste le difficoltà che abbiamo incontrato in questo campionato (e tu non c’eri in palestra quindi non puoi saperlo)è stato un bel traguardo e come ha detto il nostro coach stavamo per rendere possibile l’impossibile!purtroppo non c’è stata la ciliegina sulla torta e non puoi sapere quante lacrime abbiamo versato quindi non ti permettere di sparare a zero su di noi perchè la passione e l’amore per questo sport forse come ce l’abbiamo noi vecchiette poche delle giovani di oggi ce l’anno…W ELLERA E TUTTE LE SUE GIOCATRICI! (VECCHIE O GIOVANI CHE SIANO)…

  • francesco merenda

    credo sia d’obbligo a questo punto dire la mia. Pongo in evidenza che la federazione ha posto dei vincoli d’età e ci siamo strettamente attenuti a quelli, ed evidentemente se non abbiamo in rosa tutte giovanotte di primo pelo evidentemente è perchè non ci sono nella nostra società o non sono all’altezza della categoria. Ad ogni modo volevo porre in evidenza che larga parte del campionato è stata giocata con 4/7 delle titolari con delle under 22 mixate con le decrepite nicolini, caserta e papadia… Ma ad ogni modo, credo che le giocatrici non vengono scelte in base alla carta d’identità ma alle loro qualità, ed una certa Georgia Marchi fresca di promozione in B2 con il Ponte Valleceppi ne è testimonianza: ha ragione “…” gioca chi se lo merita, e basta. Invece, caro “Cris”, a te risultano tante cose, ma spesso e volentieri ti risultano male. Le ragazze giovani hanno giocato sulla base delle esigenze e quelle che hanno giocato – se ad una ti riferisci – è stata “rimproverata” ne più ne meno che tutte le altre. Poi aggiungo, e credo che le nostre giovani Tanci, Ausiello, Speziali, Macioni per non aggiungere le ormai “antiche” del ’90 Serru, Bellucci e Cicalini, lo possono ampiamente confermare, le mie vecchiette potrebbero essere di assoluto insegnamento a tante pischellette che al primo inciampo, alla prima difficoltà, tirano i remi in barca o peggio ancora abbandonano la nave. E chiudo ricordando che in una società come la nostra sono tanti altri i valori che vengono presi in considerazione, e poi di fatto la squadra si fa con quello che passa l’ospizio, ops il convento.

  • CRIS

    Mi dispiace sentire questi toni accesi, io ho espresso il mio punto di vista e credo in modo corretto.
    Ma a questo punto credo proprio di avere ragione.

    Che qualcuno abbia la coda di paglia!!!!!!

  • sara caserta

    Ahahahah “…” mi fai proprio ridere! Quanto si vede che non ci conosci per niente! Sei riuscito a chiamare “vecchie” due atlete del 90 e una del 92!! E siccome non riesco a credere che tu possa pensare che le “giovani” siano solo le under 12, allora mi permetto di darti un consiglio: prima di parlare informati!
    Per il resto ha già detto tutto MAMMA MANU!
    Ah, una piccola precisazione x Cris: a volte le “scagnarate” in campo sono servite a vincere le partite..

  • SONO DELL’IDEA CHE TRA VECCHIE E GIOVANI DEVE GIOCARE CHI E’ PIU’ FORTE!! SE LA GIOVANE E’ STATA BRONTOLATA DI SICURO HA FATTO QUALCHE CAZZATA

  • Emanuela papadia

    Io in tanti anni non ho mai avuto la fortuna di avere un gruppo così unito e che si vuole bene veramente, vecchie e giovani…poi ti volevo dire, caro Cris, se hai visto noi vecchiette rimproverare le giovani vuol dire che erano in campo e non in panchina!!!!Comunque informati meglio perchè non si può giudicare da fuori una squadra senza conoscere i meccanismi di gruppo e gli equilibri che si sono creati faticosamente da settembre, anzi da fine agosto, in palestra.
    E non ti permetto di dire cavolate sulla mia squadra, ognuna di noi è stata importante dalla prima all’ultima, da quella che non ha mai giocato e quella che ha giocato sempre!!!
    Poi se vuoi farci capire meglio perchè sei cosi avvelenato magari presentati così ne parliamo concretamente di questi episodi che avresti visto…ma sai lanciare il sasso e nascondere la mano è più comodo che parlare apertamente presentandoti!!!
    Cmq non importa puoi pensarla come vuoi, sei solo un esterno e da esterno giudichi senza sapere!!!!

  • ANCHE A SAN MARIANO SONO TUTTE VECCHIE ALCUNE HANNO GIOCATO DECENNI A CORCIANO E A FRATTA TODINA

  • CHE IO SAPPIA LE TITOLARI ERANO LE VECCHIE: PAPADIA (LIBERO), MARCACCIOLI (OPPOSTO), NOFRINI(CENTRALE), CASERTA(LATERALE), NICOLINI(LATERALE).

    NON RICORDO QUANTI ANNI HANNO L’ALZATRICE E LA CICALINI. MA DALL’ASPETTO MI SEMBRANO VECCHIE ANCHE LORO.

    POI A VOLTE SONO ENTRATE LA 4 E MI SEMBRA LA 3… ANCHE LORO VECCHIE

    COMUNQUE OGGI GIORNO LE GIOVANI SONO PIU’ SCARSE DI UN TEMPO!!

  • cris

    A me risulta che in squadra c’erano ragazze giovani che hanno giocato pochissimo e in quelle rare occasioni pur facendo bene la loro parte sono state tolte al primo errore, cosa che non avveniva per le altre giocatrici.
    Per quanto riguarda la storia delle vecchiette e’ giusto anzi e’ indispensabile che giochino assieme alle atlete piu’ giovani per sostenerle e aiutarle non certamente per rimproverarle in campo al primo errore.

  • Emanuela papadia

    Questa volta non posso fare a meno di commentare perchè francamente le polemiche sterili non le sopporto e naturalmente lo faccio firmando con il mio nome e cognome….quanto alle “vecchie di Ellera” siamo rimaste in tre( dico siamo rimaste perchè la nostra Elisa si è rotta il ginocchio, forse proprio a causa della sua “veneranda età”).Io sono tra queste “vecchie”, ho 29 anni non ancora compiuti, sono il libero di Ellera e non mi sembra ancora arrivato il momento di appendere le scarpe al chiodo a meno che non sia per una mia scelta personale.(Non certo perchè mi sento vecchia per giocare allo sport che è stato parte della mia vita da un bel pò di anni a questa parte!!!!).
    Effettivamente c’è un’altra “vecchia” che ci ha dato una mano, soprattutto in allenamento, perchè le piace stare in palestra e perchè una “cosidetta giovane” ha preso il volo tempo fa e non si è più vista…ma dice non aveva più voglia e quindi ha pensato bene di riportare il sacco e di andare per la sua strada…
    Quanto al resto del gruppo, avevamo in campo, oltre alle tre “vecchie di prima”, tre ragazze del ’90, una dell’89 che si è alternata con una Signora dell’84, peraltro mamma, e a seguire in panchina ben tre ragazze del ’92 ed una del ’93 che più volte ha fatto del suo meglio in campo!!
    Ora, ci saranno sicuramente squadre più giovani della nostra, ma il pagagone con i notri cugini del San Mariano non mi sembra calzante dato che la serie D non è stata fatta dalle giovani dell’Under 16, (che hanno disputato uno splendido campionato in prima divisione), ma da alcune ” vecchiette ” come noi, e ne sono state chiamate anche due a metà campionato da fuori…
    quindi de che stamo a parlà???
    La società di Ellera ha disputato un ottimo campionato e ha perso una finalissima, lottando punto su punto in casa del Chiusi, squadra seconda classificata in campionato, disputando una gara da cardiopalma e con tanto, tanto Cuore….Ringrazio tutte le mie compagne, giovani e vecchie, per le emozioni che mi hanno regalato quest’anno,e sono fiera di essere chiamata dalle mie ellerine “Mamma manu”. ( e ti assicuro caro Cris, chiunque tu sia, che il nomignolo non mi è stato dato per l’età, ma per qualcosa che forse tu e chi la pensa come te, non può capire!!!!) FORZA ELLERA SEMPRE!!!!

  • sara caserta

    @ Cris:
    Ma una vecchietta come me cosa deve fare per continuare a giocare? I tornei amatoriali?
    O il consiglio è quello di appendere le ginocchiere al chiodo?
    @ Fra:
    Già te l’ho detto, ma lo ribadisco: grazie di tutto, è stata un’annata fantastica nonostante sia mancato il tanto sognato “lieto fine”..
    Grazie alle mie compagne, ai dirigenti, al nostro SUPER-PRESIDENT e soprattutto ai nostri favolosi tifosi, sempre con noi nel bene nel male

  • francesco merenda

    Cris, questa squadra essendo al secondo anno in un campionato regionale, ha semplicemente disputato la sua seconda finale playoff…, in merito all’età media potresti avere ragione, solo che la programmazione e la scelta fatta in estate riguardo una giovane non si è rivelata azzeccata, e ne abbiamo pagato le conseguenze… poi, dal momento che siamo “della stessa famiglia” del san mariano, vedremo di farci suggerire le migliori strategie in merito al giovanile

  • cris

    Sono alcuni anni che questa squadra disputa i playoff e poi si ritrova fuori, sarebbe ora di programmare un pochino meglio e mi spiego; abbasare l’eta’ media delle giocatrici “mi risulta piuttosto alta” investendo su atlete giovani e garantendo loro un minimo di presenze e di attenzione fargli fare esperienza per farle crescere e magari arrivare alla promozione mettendoci piu’ tempo ma arrivarci!!!.
    P.S.
    vedasi SAN MARIANO promosso in D facendo giocare molte giovani

  • andreaach

    >> Al termine della stagione Francesco Merenda, allenatore della Casa del
    >> Lampadario Ellera di serie D femminile sconfitto nella finalissima
    >> promozione commenta A CALDO la stagione delle sue ragazze:

    Tutto il resto dell’articolo è giustissimo e bellissimo, ma penso che il commento A CALDO di Francesco sia stato un ringraziamento al buon dio e alle schiere dei santi e dei beati……