Ecco le società umbre col Marchio di Qualità

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 4, 2011 15:30

Ecco le società umbre col Marchio di Qualità

Marchio di Qualità 2012-2013Ottobre è notoriamente il mese d’inizio delle stagioni agonistiche, ma per il movimento delle schiacciate da un po’ di tempo è diventato anche un momento per comunicare quali sono le società migliori nel lavoro sul vivaio, un appuntamento che si tiene con cadenza biennale. La Federazione Italiana Pallavolo ha diramato i nominativi dei club che hanno ricevuto l’importante riconoscimento a livello giovanile, denominato ‘Marchio di Qualità’. Il progetto di crescita nel prestigio e nell’immagine della disciplina ha interessato tutte le affiliate della Fipav distribuite nella penisola. In Umbria il certificato di qualità è stato rilasciato a dieci club: Pallavolo Arrone, Libertas Bastia, Città di Castello Pallavolo, Tifernum Pallavolo Città di Castello, Pallavolo Gubbio, Pallavolo Media Umbria Marsciano, Volley Team Orvieto, Polisportiva San Mariano, Marconi Massimo Mariani Spoleto e Volley Spoleto, ed avrà validità fino a luglio 2013. Con questo quarto bando di concorso si è voluto dare il giusto riconoscimento a tutte quelle realtà sportive che operano nell’ambito delle direttive federali volte al conseguimento di miglioramenti tecnici negli atleti e delle capacità organizzative societarie. Insieme alle congratulazioni per il prestigioso riconoscimento, l’auspicio della Fipav è che questa certificazione sia di supporto alla pregevole attività che la società svolge nell’ambito del settore giovanile. Un’attività di qualità con i giovani rappresenta infatti la vera ricchezza del movimento sportivo federale e la forza di tutto il movimento della pallavolo italiana sul territorio. Oltre al diploma e alla targa, le società premiate avranno il diritto di utilizzare il certificato di qualità nelle forme che riterranno più opportune, per comunicare, promuovere e propagandare la propria attività. Cercare di creare uno stimolo che punti a un costante miglioramento del settore giovanile delle società affiliate Fipav, dando la possibilità di agire sempre meglio a livello territoriale. È questo l’obiettivo del bando di concorso indetto dalla Federvolley (quella del biennio 2012-2013 è la quarta edizione, ndr), che dal 2006 porta avanti il progetto attraverso il settore centro studi. Da allora, però, qualcosa è cambiato rispetto ai parametri di valutazione che sono stati migliorati e perfezionati; ad esempio sono stati aboliti i requisiti d’ammissione (3 campionati di categoria e il numero di 50 tesserati) perché potevano non consentire di esaminare società comunque meritevoli. Tralasciando quelli che sono stati i parametri che si è ritenuto opportuno eliminare, è giusto soffermarsi su quelli che attualmente concorrono alla valutazione dei dati societari: l’attività societaria (tesserati, attività di campionato, risultati); i progetti di sviluppo (scolastici e di sviluppo); i dirigenti; i tecnici; la comunicazione e la promozione. In base a questi parametri valutativi a ogni società è stato attribuito un punteggio (da 0 a 100) che ha decretato il tipo di certificato di qualità: standard (da 60 a 74 punti), argento (74-89) ed oro (oltre 90). Il rilascio della certificazione di qualità è motivo di prestigio per le società e, al contempo, per la federazione, uno strumento per seguire con attenzione il settore giovanile, indispensabile per ogni sviluppo futuro. Spiccano su tutte le altre Bastia Umbra e San Mariano che hanno ottenuto il riconoscimento d’argento, un vanto per i due sodalizi.
Marchio di Qualita 2012-2013

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 4, 2011 15:30
  • Tifoso del Bastia

    Si riesce a sapere quanti sono i punteggi assegnati per maschile e femminile? Come si fa a capire cosa ha pesato di più o di meno sul punteggio finale?