La Gherardi Svi Città di Castello torna a ruggire

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 13, 2011 22:52

La Gherardi Svi Città di Castello torna a ruggire

Rosalba Simone (piazza)

Gherardi Svi Città di Castello in attacco con lo schiacciatore Simone Rosalba

Torna alla vittoria interna la Gherardi Svi Città di Castello contro un coriaceo Club Italia Roma che ha dato filo da torcere ai biancorossi, strappando di forza il secondo set. Ma poi la squadra del presidente Arveno Ioan ha preso in mano le redini del match e non le ha più lasciate. Voleva lasciare il segno prima di andare in nazionale Sergio Noda Blanco e c’è riuscito perfettamente con 25 punti, il 71% in ricezione e 63% in attacco. Ma un plauso va fatto a tutti la squadra, a Piano, bravissimo nel sostituire Lehtonen, a Visentin, grande protagonista in palleggio, a Giombini, bravo nelle rigiocate, a capitan Rosalba, prezioso come sempre in tutti i fondamentali e a Di Benedetto, marcato in attacco ma capace di mettere a segno tre muri punto. Si parte con Andrea Radici che, come già annunciato, mette in campo Piano al posto di Lehtonen, in ritiro con la Finlandia, mentre Bonitta sceglie Marchisio nel ruolo di libero. L’ace di Giombini porta i tifernati sul 4-2 poi Visentin apre per Noda Blanco che trova il mani out del 6-3. E’ ancora l’ispano-cubano, ispiratissimo in avvio, a mettere a segno l’8-4 dopo una battuta di Piano mal ricevuta dai ragazzi azzurri. Di Benedetto mura Vettori (10-4), sempre sul servizio di Piano che poi pesca ancora mal disposta la linea di ricezione degli avversari (11-4). La pipe di Rosalba è vincente per il 12-5 poi è Noda a chiudere un’altra azione per i colori tifernati (13-5). Un muro di Mazzone porta il Club Italia sul 14-8 ma ci pensa Giombini a rimettere a posto le cose bucando il muro a tre (15-8). Al secondo time out tecnico è 16-9 per i biancorossi. Il muro altissimo di Piano ferma Valsecchi (18-12) poi Fedrizzi mette a segno un bel mani out (20-14). Sul 21-15 Andrea Radici fa esordire in A2 anche il giovanissimo Lensi (16 anni appena compiuti). Il Club Italia non molla (22-18) ma Mazzone fallisce il servizio consentendo ai ragazzi di Radici di avere sei palle set; ne basta una perché Noda Blanco mura Vettori, dopo una lunghissima azione che ha visto anche una splendida difesa del baby Lensi. Nel secondo set coach Bonitta toglie De Paola ed inserisce Paris. Il punto a punto dell’avvio della seconda frazione finisce (6-6) poco prima del primo time out tecnico per il muro di Giombini (8-6). L’opposto del Club Italia, Vettori, spara l’ace del 10-10 e si ricomincia con il punto a punto. Alla seconda interruzione tecnica conducono i tifernati (16-15), ancora per merito di un muro firmato dalla coppia Piano-Giombini. I ragazzi azzurri non mollano e Fedrizzi firma il sorpasso (20-21) ed anche il 21-23. Paris è vincente dal servizio (21-24) ed è ancora Fedrizzi a pareggiare. Ancora un 3-3 nei primi frangenti di terzo set poi va in battuta Rosalba e il parziale di 3-0 è servito con il muro di Di Benedetto e il mani out di Noda Blanco. Vettori accorcia con un bel pallonetto (6-8) e il set è riaperto dalla tenacia degli azzurri (11-10). Un regalo del direttore di gara (tocco a muro non visto su attacco di Rosalba) porta il Club Italia al pareggio (13-13). Al time-out tecnico sono avanti i tifernati con il tocco di seconda di Visentin (16-14) che poi trova una strepitosa difesa assieme a Giombini trasformata in punto da una bomba di Noda Blanco (18-15). Sale d’intensità la difesa tifernate e sale in cattedra anche la regia di Visentin, protagonista di ottime alzate (20-16). Rosalba inchioda il neo entrato Gabriele (23-17) e poi mette a segno il 24-17. Fedrizzi annulla due palle set (24-19) ma sulla terza Visentin manda ad attaccare Noda Blanco senza muro. Si riparte con grande equilibrio e con le due squadre che si danno battaglia (5-5). Mazzone sbaglia l’attacco del 7-6 e la palla di Noda non è difesa dagli azzurri (8-6). Noda Blanco è imprendibile dal posto sei (11-9) e Piano alza il muro su Fedrizzi (13-10); e così al secondo time out tecnico ci arriva prima la Gherardi Svi perché Giombini trova il diagonale del 16-12. Bonitta toglie Marchiani e Fedrizzi per reinserire Latelli e De Paola ma Rosalba è decisivo per il 20-15. De Paola riavvicina il Club Italia dal servizio (20-17): è l’ultimo sussulto dei giovani di Bonitta perché Giombini sfonda il muro a tre (22-17), Piano ferma Paris e poi sigla il 24-17. Il match lo chiude il mani out di Giombini. Finisce con i giocatori sotto la curva, straordinaria come sempre per incitamento, e con Giombini che esibisce la maglietta con scritto “La Bufalini porta bene” in onore dei ragazzi della Palestra Gastronomica dell’Opera Pia Bufalini di Città di Castello, che hanno ospitato squadra e dirigenti per il pranzo di oggi.
GHERARDI SVI CITTÀ DI CASTELLO – CLUB ITALIA ROMA = 3-1
(25-16, 22-25, 25-19, 25-18)
CITTÀ DI CASTELLO: Noda Blanco 25, Giombini 22, Rosalba 11, Piano 8, Di Benedetto 5, Visentin 4, Romiti (L1), Vigilante, Lensi (L2). N.E. – Dordei, Stoppelli, Marini, Sartoretti. All. Andrea Radici.
ROMA: Vettori 16, Fedrizzi 16, Mazzone 10, Valsecchi 6, De Paola 3, Latelli, Prandi (L), Paris 10, Marchiani 2, Marchisio, Gabriele. N.E. – Castellani, Mattei. All. Marco Bonitta.
Arbitri: Longo e Pignataro.
Gherardi Svi (b.v. 2, b.s. 10, muri 10, errori 6).
Club Italia  (b.v. 4, b.s. 16, muri 8, errori 7).
(fonte Città di Castello Pallavolo)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 13, 2011 22:52