Terzo crollo interno della Gherardi Svi Città di Castello

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 1, 2011 20:38

Terzo crollo interno della Gherardi Svi Città di Castello

Noda Blanco Sergio (pipe)

attacco in pipe di Sergio Noda Blanco

La settima giornata della serie A2 maschile è negativa per la Gherardi Svi Città di Castello. Dopo due stop interni, la formazione tifernate stecca anche il terzo appuntamento consecutivo che non si registrava da tempo. A festeggiare è il Volley Segrate 1978 giunto da capolista e rimasto tale. Nella bolgia dell’impianto sportivo colorato di biancorosso il sestetto tifernate esce ridimensionato nei sogni contro un team lombardo davvero non esaltante ma irriduciibile. Buona prova per Sergio Noda Blanco, una prestazione in calando però quella dello spagnolo che in attacco ha fatto tutto il possibile (il migliore degli umbri con il 59% di efficienza). In avvio mette pressione col servizio la compagine ospite che raccoglie subito i frutti a muro, Visentin è costretto a servire palla alta e con gioco scontato per i martelli tifernati è più difficile incidere (5-5). Il cambio di ritmo avviene quando anche i locali cominciano a fermare i tentativi di affondo ospiti, Noda Blanco ‘francobolla’ Van Den Dries per due volte e Città di Castello cerca la fuga portandosi a +2. La marcatura stretta su Giombini impedisce all’opposto tifernate di avere continuità ma il margine aumenta per effetto del grande lavoro in difesa di Romiti che salva diversi palloni e permette di mandare a segno i compagni (21-16). Canzanella rileva un inconsistente Van Den Dries (11% di efficienza offensiva nella prima frazione) e prova una difficile rimonta che, malgrado qualche errore dei locali, non si realizza. L’attacco di Noda Blanco (straordinario il suo 71% in attacco) sigla il vantaggio. Nonostante la battaglia in campo, le tifoserie si ritrovano unite a contro la rivale Santa Croce, prodigi dello sport. Alla ripresa Segrate prova a partire e va sopra di due punti, Giombini però inizia a far male e rimette in asse (7-7). Il parziale procede senza sussulti con la Gherardi Svi che commette qualche errore di troppo in battuta e gli ospiti ne approfittano (13-15). Il distacco diventa pesante quando la ricezione locale (un misero 43% di positività) perde colpi (16-20). Radici prova la carta Piano ma il pareggio è inevitabile e sull’errore di Rosalba si inverte ancora campo. Anche nel terzo frangente di gioco continua a complicarsi la vita in ricezione la Gherardi Svi e Visentin macina chilometri per rincorrere il pallone ma dove l’attacco non riesce, ci arriva il muro con Lehtonen e ancora Noda Blanco che ‘stampano’ i rivali e si tengono in scia (7-8). Il collettivo tifernate prende fiducia e sorpassa ma poi ancora una volta sciupa con regali inconcepibili e mostrando poca convinzione (tanto che la curva degli ultras li esorti a maggior coraggio, ndr). L’inseguimento è vano e sfocia in un crescendo segratese che si porta al comando sull’ennesima incertezza biancorossa. Da brivido la partenza nel quarto set con Botto che pare eccitato a muro (1-5). Il guizzo d’orgoglio del solito Noda Blanco infiamma i supporters di casa avvicinando a -1, ma dura poco perché l’attacco del Città di Castello conosce il suo momento peggiore e tra errori e murate si va sul 7-12. La seconda accelerazione è di Giombini che comincia a ritrovare i varchi giusti (11-12). Il duello s’infiamma ancora più e sul sorpasso di Rosalba che chiude uno scambio prolungato sale alto l’urlo del Pala-Ioan (18-17). Finisce però perché la giornata storta dei padroni di casa si completa con altre ‘sbavature’ in seconda linea che portano Segrate in trionfo. Arrivano anche i fischi del pubblico all’indiizzo della propria squadra.
GHERARDI SVI CITTA’ DI CASTELLO – VOLLEY SEGRATE 1978 = 1-3
(25-21, 21-25, 22-25, 21-25)
CITTA’ DI CASTELLO
: Noda Blanco 21, Giombini 19, Lehtonen 10, Rosalba 7, Di Benedetto 3, Visentin 3, Romiti (L), Vigilante, Piano, Dordei.
N.E. – Marini, Lensi (L).
Allenatori Andrea Radici e Marco Bartolini.
SEGRATE
: Botto 17, Van Den Dries 14, Baranek 12, Alletti 12, Russo 8, Fabroni 7, Pesaresi (L), Canzanella 1, Preti 1, Pinelli 1.
N.E. – Radunovic, Caprotti.
Allenatori Daniele Ricci e Marco Camperi.
NOTE – Spettatori 1000.
Durata dei set: 28’, 32’, 31’, 30’.
Arbitri – Paolo Cassarino (SR) e Mariano Gasparro (SA).
GHERARDI SVI (b.s. 11, v. 0, muri 16, errori 13).
VOLLEY 1978 (b.s. 13, v. 3, muri 16, errori 13).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley novembre 1, 2011 20:38