La Emma Villas Chiusi lavora in emergenza

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 19 Gennaio, 2012 00:56
Marchettini Massimo

Massimo Marchettini

Dopo la pausa dovuta la forzato riposo imposto dal calendario, la Emma Villas Chiusi ha ospitato mercoledì sera al palasport di Chiusi il Monte San Savino, capolista del campionato regionale toscano girone B, per una amichevole probante dal punto di vista tecnico ed agonistico in vista del match di sabato contro la squadra green di Bastia e soprattutto in vista del big match il sabato successivo contro Corciano, un vero e proprio spareggio per la quarta posizione in classifica. Lo staff tecnico alla ripresa degli allenamenti dopo la pausa natalizia ha dovuto fare faticare non poco per allestire allenamenti plausibili, a causa delle numerose assenze dei suoi giocatori. Assenze che, se pur tutte ampiamente giustificate (motivi di lavoro, piccoli infortuni, motivi familiari) hanno costretto lo stesso allenatore chiusino a ricorrere a tutta la sua esperienza per ‘inventarsi’ esercizi, motivare i suoi giocatori, e tenere alto il livello di concentrazione in vista delle prossime impegnative partite come spiega lo stesso coach Massimo Marchettini: «La rosa ridotta, preventivata già all’inizio della stagione, ci costringe di volta in volta a ricorrere a ragazzi della squadra di serie D allenata dal nostro direttore tecnico Monaci, anche se la concomitanza di giorni ed orari rende tutto difficile ed anche poco utile ai fini di un lavoro proficuo e comune. Ci siamo allenati bene dal punto di vista fisico, avendo fatto lavorare i ragazzi, complice la sosta, le pause ed il calendario del campionato, in modo intenso in palestra ed in sala pesi, meno bene ho potuto lavorare dal punto di vista tecnico avendo un numero di giocatori mai superiore alle otto, nove unità. Sino ad ora i ragazzi hanno dimostrato spirito di sacrificio determinazione e volontà non comuni, ma è ovvio che la mancanza di quantità e qualità di giocatori determina una minore possibilità di lavorare in modo ottimale sul gioco di squadra e sull’intesa tra giocatori. Di qui la necessità di elaborare un programma di amichevoli, di cui quella di ieri sera è la prima, che mi consenta di sopperire alla mancanza sopra evidenziata e testare i miei giocatori sul livello di concentrazione e sul grado di stress fisico accumulato con un discreto carico di lavoro fisico. Reputo infatti fondamentali per la nostra classifica le prossime due sfide che concludono il girone d’andata, anche in virtù degli scontri diretti che vedranno impegnate le nostre dirette concorrenti».
(fonte Vitt Chiusi)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 19 Gennaio, 2012 00:56