Narni Volley pronta per affrontare Petrignano

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 5, 2012 17:45
Pepponi Pierluigi

Pierluigi Pepponi

La sosta natalizia non ha alleggerito i dolori del giovane Pepponi che, come il giovane Werther di Goethe, vede il mondo trasformarsi attorno a lui e soffre perchè non è in grado di cavalcare quei cambiamenti. I dolori del giovane Werther erano causati dal suo prematuro romanticismo quando ancora le influenze illuministe francesi permeavano la Germania, dolori del cuore e della mente proprio come quelli del giovane Pepponi che, impegnato nel campionato regionale di serie D con le ragazze della Narni Volley, vede le sue atlete combattere quasi alla pari con la prima e la seconda in classifica ma poi subisce dei secchi 3-0. Ma come è possibile? Perchè? Cuore e cervello, per il giovane Pepponi come per il giovane Werther, sono stati impegnati a capire. Necessità impellente visto che sabato sera alle 21 le sue ragazze dovranno vedersela con quelle di Petrignano che, dopo la sentenza schok sulla gara di Penna (gara da ripetere), si ritrovano a 4 punti, uno in più delle rossoblu narnesi. Occasione d’oro, si direbbe. Ma anche situazione ad altissimo rischio perchè se è vero che sarebbe sorpasso (almeno fino all’11 gennaio, data del recupero della gara annullata) è anche vero che una sconfitta metterebbe una distanza seria tra l’ultima (Narni Volley) e la penultima.
Insomma, eccoli i dolori del giovane Pepponi. Comprensibili, condivisibili. Dolori fortissimi perchè è evidente che le sue ragazze non sono ultime, sia tecnicamente sia come preparazione e disposizione tecnica. Sarà la gara della svolta quella di Petrignano? L’impegno perchè lo sia è stato totale: in palestra si sono viste ragazze motivate, decise a non mollare, pronte a quello scatto di orgoglio che può trasformare un campionato.
(fonte  Pallavolo Narni)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 5, 2012 17:45
Write a comment

10 Comments

  1. Greta Gennaio 10, 10:01

    Cara Elisabetta,
    niente futura professoressa,tanto meno d’italiano,come un po’ tutti quelli che sanno ben poco di lettere potrebbero banalmente pensare…purtroppo scrivevo dal telefono e non ho avuto modo di correggere,giusta ma alquanto fuori luogo precisazione dato che il concetto su cui valeva la pena soffermarsi era ben altro,ma di buon grado accetto sia la correzione che il fatto che abbia messo il nome (reale o meno che sia)!:)

  2. Elisabetta Gennaio 9, 23:10

    Cara Greta,
    Apprezzo molto il tuo amore per la cultura ed il tentativo, un po’ stiracchiato, di coniugare questo amore con la passione per la pallavolo.
    Peccato però che una probabile futura insegnante di lettere, arrivata ormai all’università, non sappia che d’altronde è una locuzione avverbiale che si scrive obbligatoriamente con l’apostrofo!

  3. @spettatore Gennaio 8, 23:48

    Non so a quali gare sei abituato caro spettatore, ma nn credo sia il primo e neanche ultimo allenatore che rimprovera una propria giocatrice x l’ennesima battuta sbagliata o x una risposta a brutto muso!credo sia giusto che vada così..

  4. spettatore Gennaio 8, 21:31

    giudizi superficiali o no… è stata una gara deleteria, non degna di una serie D!

  5. @ spettatore Gennaio 8, 17:02

    Una squadra vince ed è grazie ad un regalo del’altra squadra..ma via va mi fai solo ridere!diciamo la verità..petrignano sarà anche una squadra più forte del narni..ma ieri abbiamo vinto nonostante tutto ciò che è successo, abbiamo tenuto duro e abbiamo meritato i 3 punti! Per qnt riguarda, invece, il comportamento dell’allenatore..è meglio nn dare giudizi superficiali senza essere al dentro delle situazioni e senza conoscere i retroscena!

  6. spettatore Gennaio 8, 14:03

    dopo aver visto la partita di ieri, posso solo dire che “i dolori” se li tenesse per lui! è meglio che usciva a testa bassa, nonostante il regalo di Petrignano, per ciò che è stato capace di fare! Una nervosa sceneggiata contro una sua atleta che se fossi stata io, non sarei mai tornata in campo! Aveva fatto bene ad andarsene… VERGOGNA!

  7. Greta Gennaio 8, 13:02

    Mi rendo conto che unire cultura e sport in una città come la nostra sia alquanto difficile…ma da sempre giudicare è molto più semplice che tentare di comprendere….daltronde con gente che non si firma non ci può esser dialogo.
    Cordialmente:atleta di seie D e studentessa di lettere.

  8. Sturm_und_drang Gennaio 8, 08:08

    Si lascera’ morire di consunzione ? O sacrifichera’ la sua giovane vita in una ultima, sfavillante partita con i palloni sgonfi?

  9. Buscopan Gennaio 6, 16:01

    Pepponi!!! Con questi articoli ci credo che c’hai i dolori!

  10. giovane Werther Gennaio 6, 14:05

    Ma ve la finite di scrivere ste cavolate, la pallavolo è uno sport serio, nn rendetelo ridicolo …..Com è possibile………..Perchè……………un motivo ci sta sempre ed è evidente!!!!!!

View comments

Write a comment

<