Tiziano Sordini: «La Grifo Volley Perugia è un gran equipo»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 26 Gennaio, 2012 08:55

Tiziano Sordini: «La Grifo Volley Perugia è un gran equipo»

Sordini Tiziano

Tiziano Sordini

C’è una squadra che sta battendo tutti i record nei campionati regionali, è la Grifo Volley Perugia di serie C maschile che ha infilato una serie di risultati impressionanti e rimane l’unico team imbattuto in Umbria. Dodici le partite disputate e trentasei i punti conquistati, tanti quanti sono i set vinti in questa stagione, ma la cosa che fa ancor più scalpore è l’averne ceduto uno soltanto alle pur agguerrite avversarie della massima categoria del Cuore Verde d’Italia. Manca solo una giornata per arrivare al giro di boa del torneo ma il distacco dalle avversarie più dirette ha già consentito di festeggiare il traguardo di campione d’inverno. Tanti gli elementi che hanno contribuito a questo impressionante risultato, primo fra tutti il gruppo, un insieme di atleti che hanno recepito alla perfezione il concetto di lavoro di squadra. Tra loro c’è anche il palleggiatore Tiziano Sordini che fa parte di quella parte del collettivo che lavora e resta a disposizione dello staff tecnico aspettando di avere degli spazi per giocare le proprie carte: «Siamo arrivati alla fine del girone d’andata vincendo tutte le partite tre a zero tranne una. Una grande soddisfazione per un  gruppo creato durante la scorsa estate in maniera intelligente dal presidente Bettini e dal d.s. Mandò. Poi i tecnici ci hanno messo del loro plasmando i giovani e inserendoli in maniera ideale con gli atleti esperti ed oggi raccogliamo i frutti del buon lavoro svolto». Nell’ultima gara disputata tra le mura amiche contro il Foligno, anche senza il fuoriclasse Taba i perugini sono riusciti a vincere uscendo alla distanza, insomma, anche in carenza di organico il risultato non cambia. «Forse è proprio questo il più grande merito di coach De Paolis, è riuscito ad integrare tutti gli elementi provenienti da esperienze e categorie molto eterogenee. All’infortunio di Taba è stata trovata una soluzione alternativa, Marta lo ha sostituito in maniera egregia prendendo il suo posto dopo essersi allenato sempre in un altro ruolo. Durante la partita si è registrato anche l’infortunio di Merli che ha lasciato il posto a Panichi che viene dalla categoria inferiore ma si è fatto trovare pronto. Tutti quelli che entrano in campo mostrano di avere la giusta mentalità». Ma la rivalità non è inesistente come potrebbe sembrare giudicando i numeri in maniera fredda, almeno tre compagini sono molto attrezzate ed ambiziose. «Chiusi, Spoleto e Foligno sono tutte buone pretendenti che possono giocarsela fino in fondo. Non temiamo nessuna delle tre, ma le rispettiamo tutte, il nostro gruppo si è dimostrato forse ancor più forte di quello che noi stessi ci aspettavamo, bisognerà vedere però chi arriva meglio al mese di maggio perché i play-off saranno tutta un’altra storia. Noi proveremo a fare del nostro meglio». Prossimo avversario per chiudere la prima parte di stagione è Acquasparta, un collettivo attardato in classifica. «Acquasparta è una squadra che sulla carta è meno quotata rispetto a Foligno, un impegno che però non dovrà essere preso assolutamente sotto gamba. Dovrà invece proiettarci al meglio verso lo scontro al vertice della prima giornata di ritorno a Spoleto, una delle rivali principali per il successo finale e formazione che sarà desiderosa di vendicare la sconfitta d’andata. Ci stiamo preparando bene per arrivare all’appuntamento nella condizione migliore e recuperare gli acciaccati». Di certo se la Grifo Volley è risultata uno schiacciasassi sino ad oggi è anche perché gli scontri di alta classifica li ha potuti giocare tra le mura amiche del palazzetto di San Marco. «Il fattore campo all’andata ci ha aiutato, ma noi siamo stati bravi a sfruttarlo. Giocare fuori casa gli scontri di alta classifica nella seconda metà di campionato sarà più difficile, ma siamo coscienti che ormai il rodaggio è stato fatto in maniera ottima e cercheremo di fare il massimo per fare altrettanto bene. Potrà succedere che ci troviamo un po’ più in difficoltà ma siamo in una buona condizione e ben organizzati». Eventuali future sconfitte non sono state preventivate ma se dovessero capitare potrebbero non rivelarsi fatali per l’ormai noto ‘equipo’ biancorosso. «Il collettivo è rodato nella maniera giusta ed aver perso un solo parziale può rivelarsi un punto a favore nel caso di parità di punti, nell’eventuale conteggio set abbiamo accumulato un certo vantaggio. Ma a questo non dobbiamo pensare, cercheremo però di arrivare sino in fondo con la stessa determinazione». Oltre al tecnico De Paolis anche il vice Ragnini è riuscito a trasmettere il suo sapere pallavolistico alla squadra. «Simone è una presenza importante in palestra, purtroppo non c’è sempre per motivi di lavoro dato che viaggia molto all’estero. Arriva e riparte con una rapidità che nemmeno noi riusciamo a stargli dietro, il mercoledì non c’è e il sabato e di nuovo qui. Quando c’è però si sente, agli allenamenti riesce ancora a colpire le travi del palazzetto. Ad ogni modo è il partner ideale per De Paolis, una coppia consolidata che riesce a fare un ottimo lavoro insieme».
(fonte Grifo Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 26 Gennaio, 2012 08:55