Anche il terremoto toglie la gioia alla Ecomet Marsciano

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 16 Febbraio, 2012 15:46

Anche il terremoto toglie la gioia alla Ecomet Marsciano

Ecomet Marsciano (fine)

le giocatrici della Ecomet Marsciano a fine partita

Clamoroso in terra pontina! La gara di ieri valevole per il recupero di campionato di serie B1 femminile tra le padrone di casa della Ast Latina e le ospiti della Ecomet Marsciano è stata interrotta per terremoto. Sì, avete capito bene. Una scossa tellurica di magnitudo 3.8 è stata avvertita alle ore 21,46 in tutta la provincia laziale. In quel momento la squadra umbra, ultima della classifica con una sola vittoria, stava per festeggiare il suo secondo successo. In vantaggio due set ad uno e sul punteggio di 18-23 in suo favore, il team biancoblu si è visto negare la seconda soddisfazione dell’anno. Una scossa che è stata avvertita distintamente perché giunta a gioco fermo. E sì che dopo lo slittamento del turno per maltempo e la trasferta infrasettimanale, ci mancava pure questa. A raccontare l’accaduto è il tecnico Dario Sanna: «Dopo i primi comprensibili attimi di panico e di stupore le squadre e pubblico sono usciti all’esterno dell’impianto sportivo. Siamo rimasti fuori per diversi minuti, poi, quando la situazione si è tranquillizzata, l’arbitro ha invitato a riprendere il gioco. Noi eravamo pronti al servizio ma le padrone di casa hanno abbandonato il campo». Situazione paradossale quella vissuta dalle atlete marscianesi ma il regolamento su questo punto, anche se di certo non contempla una casistica, è chiaro. Latina perde perché dichiarata incompleta. «E’ quello che ho sentito dire agli arbitri ed io ci spero perché ce li eravamo proprio meritati sul campo questi tre punti». Ora però c’è da attendere la decisione del giudice sportivo che emetterà certamente nel giro di poche ore un bollettino a tal riguardo. Le atlete del presidente Giancarlo Toccaceli incrociano le dita perché ottengano la vittoria e la partita non sia programmata per la terza volta. C’è anche da dire che la reazione a questi eventi straordinari è sempre molto soggettiva e chi vive in un territorio sismico è abituato alle scosse. Di sicuro la tutela dell’incolumità delle persone è primaria e un avvenimento sportivo non può che passare in secondo piano, ma questo avviene nel caso di conclamato pericolo. Proprio per questo pare quantomeno strano che Latina, che dal luglio scorso convive con una serie di movimenti tellurici, sia stata così tanto sconvolta da non voler proseguire.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 16 Febbraio, 2012 15:46