Anche la Pallavolo Torgiano chiude i battenti, ora è allarme rosso

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 12, 2012 23:00

Anche la Pallavolo Torgiano chiude i battenti, ora è allarme rosso

Polisportiva La Torre (logo)

Polisportiva La Torre (logo)

Continua il momento difficile delle squadre di pallavolo che mostrano segni sempre più evidenti di una crisi che non è solo economica ma anche e soprattutto gestionale. Dopo il caso eclatante dell’Ars Perugia una nuova triste vicenda si abbatte sui campionati regionali. Stavolta è una squadra maschile la protagonista della storia, la Pallavolo Torgiano ha ritirato ufficialmente la squadra dal campionato di serie D. La notizia aveva già cominciato a circolare nell’ambiente delle schiacciate da qualche ora ma il giudice unico regionale Ilaria Santi ha tolto ogni dubbio affiggendo all’albo proprio oggi il provvedimento. Un atto dovuto che è stato reso obbligatorio dalla decisione della società sportiva a cui, per questo, è stata comminata una multa di 520 euro e la perdita della cauzione, della tassa di iscrizione e dei diritti di segreteria. La conseguenza di questo fatto è la retrocessione della squadra ai campionati provinciali. Ciò che suona strano è che la compagine torgianese appena ieri aveva sostenuto una partita amichevole recandosi a Gubbio per rendere la cortesia al team rossoblu che poco tempo fa era stato a fare visita al collettivo allenato da Mauro Vacca. Ma ciò che fa ancor più scalpore è che la scelta di abbandonare il campionato sia stata presa a due giornate dal termine della stagione regolare, con Torgiano in sesta posizione ed in piena corsa per l’accesso ai play-off. In tempi nei quali va di moda cavalcare il progetto di allargamento dei campionati arriva un’altra mazzata ad una riforma che forse poteva avere un senso qualche anno fa ma che oggi fa davvero a pugni con il contesto generale. Negli ultimi tre anni, esattamente dal marzo 2009, il Cuore Verde d’Italia ha visto scomparire nell’ordine le realtà di Gualdo Tadino (serie C femminile), Nocera Umbra (serie A2 femminile), Trestina (prima divisione femminile), Sirio Perugia (serie A1 femminile), Fortebracio Ponte San Giovanni (serie D maschile), Ars Perugia (serie C femminile), ed oggi tocca a Torgiano. Un movimento in salute potrebbe pure prendere in considerazione l’ipotesi di aumentare le rappresentanti al vertice ma qui, onestamente, si sta assottigliando la base. E’ un grido di dolore quello del volley umbro che sempre più spesso evidenzia delle ferite nuove ed uno stato di salute precario.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 12, 2012 23:00
  • ??

    Ma ora cosa c’entra con torgiano (spero nasca una nuova società perché se lo meritano) le giovanili e gli allenatori non umbri che le allenano?!che rosiconi

  • Regolamento

    Non so dirti di preciso come funziona il regolamento in serie DM..
    Ma per analogia, trattandosi di campionato regionale, immagino funzioni come per l’altro campionato regionale di serie CF..
    Con il ritiro dell’ARS, la classifica è stata ricalcolata cancellando tutte le partite disputate contro la squadra ritirata…
    In sostanza vanno detratti dai punti che attualmente ha in classifica ogni squadra, quelli conquistati contro il torgiano… Così spunta la nuova classifica!
    Immagino sarà quasto il criterio..

  • giocatore

    Mi dispiace veramente tanto per il torgiano… e sono d’accordo con tutto quello che è stato scritto , lo premetto, però ragazzi la colpa se abbiamo un presidente regionale non all’altezza è solo delle società… infatti sono loro che votano per eleggere l’organico del comitato…a novembre ci sono le elezioni.. incitate le vostre società a partecipare e chiedetegli di scegliere con giudizio colui da votare…e non chi gli promette i favori…

  • Luca

    avete tutti ragione…..ma qualcuno sa spiegarmi per favore ora cosa succede in serie D maschile??..come funziona la classifica??

  • intenditore

    Andate a dirlo a quel presidente regionale che si fa bello al Pala Kemon o al Pala Evangelisti e che è tutto contento perchè, con un’altra squadra di Perugia in A1, ha tanta visibilità non per la pallavolo ma per la politica che a lui interessa di più. Ha ragione spread…indaghiamo anche perchè le due squadre di A1 maschile hanno i loro capo allenatori del settore giovanile che non sono umbri…

  • Pero’

    Tutto vero ma andiamo a vedere le cause: mi sembra che Todi, Nocera, Sirio, Ars e in parte CUS hanno speso sempre molto di più di quello che potevano sperando sempre nei salvatori dell’ultimo momento. Inoltre sempre Todi, Ars, CUS non hanno niente dietro che possa avvicinarsi ad un settore giovanile.

  • spread

    Nella disamina della situazione ci siamo dimenticati di menzionate il Todi Volley e il CUS Perugia (c maschile).
    Al di là di questo però, mi sembra di vedere una totale refrattarietà delle istituzioni pallavolistiche.
    Una squadra si ritira prima del campionato? Facciamo osservare un turno di riposo alle altre e siamo a posto.
    Una squadra si ritira durante il campionato? Che importa, facciamo l’allargamento dei campionati ed il problema è risolto.
    Poi ovviamente ci facciamo belli con il fatto che una piccola regione come la nostra ha tante squadre di A1, B1 e B2 rispetto al resto d’Italia; una situazione veramente ridicola.

  • Ilenia

    Brava fedi noi ne sappiamo qualcosa…tutto ciò è avvenuto x colpa di un essere poco più alto di un metro, ha più di 50 anni e si comporta come un bambino di 4 anni,che fa i capricci xke Nn può avere il suo gioco! I soldi x la pallavolo torgiano Nn sono mai stato un problema anzi, dopo tutte le multe che ha pagato, fa capire il contrario!!! E cmq ragazzi mi dispiace un casino x quello che è successo!!!!

  • Federica

    Veramente il problema non sono i soldi!!!!
    Anche perchè la società quest’anno l’unica cosa che ha pagato è stato il campionato. Divise, palloni sono stati comprati a spese dei giocatori.
    Le multe ricevute sono state prese perchè la società non ha voluto mandare mai neanche una volta un dirigente addetto all’arbitro!!!
    Non sono stati i soldi il problema, ma i bastoni che sono stati messi fra le ruote della squadra!

  • luca

    Non so quello che può essere successo con precisione all’interno di un gruppo affiatato,e perché no,anche di un certo valore come quello torgianese (malgrado la sesta posizione in classifica dovuta forse ad una partenza a corrente alternata), e di sicuro da avversario non sono qui a fare proteste o a dare giudizi,perché sicuramente non spetta a me fare ciò,ma quello che sicuramente piacerebbe sapere è,come funziona ora??..bisogna rifare la classifica di sana pianta??..si lascia tutto com’è??…insomma come funziona??..