Terni corsara a Perugia, il master prende una piega

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 14, 2012 16:30

Terni corsara a Perugia, il master prende una piega

Allegrini Luigi (attacco)

un momento della partita tra Cus Perugia Geriatria Volley e Fere Ormoni in Movimento Terni

Come da pronostico la prima gara di ritorno del campionato regionale maschile Master è stata più combattuta di quanto non fosse avvenuto all’esordio. Ma il risultato finale per i rappresentanti del Cus Perugia Geriatria Volley, che stavolta giocavano tra le mura amiche, è stato lo stesso. I biancorossi hanno dovuto lasciare strada ancora una volta ai nemici di sempre denominati Fere-Ormoni in Movimento Terni. Una gara archiviata in quattro set che aveva registrato una partenza stupefacente dei perugini nella frazione d’apertura, dominata grazie ad una ricezione puntuale ed una fase cambio-palla molto incisiva grazie ai primi tempi di uno scalpitante Cavallucci (sei punti nel parziale) che, tenendo fede al suo cognome, ha cominciato a saltare come un pazzo per intercettare ogni pallone possibile (13-7). E’ stato tutto semplice malgrado gli ottimi tentativi di rimonta operati da Vozzolo, ma sul 23-16 si è verificato l’evento che ha cambiato la partita. Con grande mestiere da veterano lo schiacciatore Allegrini, gettato nella mischia appositamente da coach Troiani, ha cominciato un azione di disturbo che ha creato una pausa ininfluente per l’esito del set, ma che aveva ben altro scopo, quello di ritardare il gioco in attesa del ritardatario Braghiroli. Una mossa che è stata capita solo più tardi e che ha indotto i geriatri del capoluogo a scagliare su di lui incalcolabili maledizioni. Alla ripresa, convinta di aver trovato la formazione giusta, la panchina perugina ha insistito sul medesimo assetto e conservato identiche rotazioni. Una scelta che invece si è rivelata funesta come il giorno di gara, un venerdì 13 che per il nightmare team suonava già come un segnale premonitore. Ringraziando per questa bella mano i ternani sono ripartiti di slancio e per mezzo di Fociani si sono portati sul 5-12. L’orgoglio dei locali ha ridotto le distanze sino al 12-16, poi, con il concomitante ingresso in campo di Braghiroli, gli ospiti hanno scavato il solco e pareggiato i conti. Nel terzo periodo svolgimento simile al precedente, i ternani scappano acquisendo subito sei lunghezze di vantaggio tramite Ubaldi (5-11). A contrastare efficacemente la manovra avversaria è un commovete Giri che con diagonali impensabili riporta in scia (16-18). Anche qui però si registra un crollo finale in ricezione di Perugia e così Terni incassa. Il quarto frangente di gioco è il più avvincente e procede con continui sorpassi, ma sempre spalla a spalla, per tutta la sua durata. A risultare decisivo nello sprint ai vantaggi è il doppio stop operato dai locali, uno di mano ed uno di petto, che spianano la strada alla vittoria di Terni. La striscia di polemiche si è rivolta stavolta al dirigente Antonio Mazzoni, colpevole di aver lasciato la squadra allo sbando ed in mano a persone poco competenti, il suo sintetico commento: «Io avrei fatto altre sostituzioni» ha evidenziato la sua instabilità psichica. La riabilitazione del manager è dunque avvenuta subito dopo con l’operazione aggiungi un posto a tavola.
CUS PERUGIA GERIATRIA VOLLEY – FERE ORMONI IN MOVIMENTO TERNI = 1-3
(25-18, 15-25, 18-25, 28-30)
PERUGIA: Cavallucci 17, Giri 11, Valocchia 6, Aglietti 4, Cerboni 4, Fogu 1, Rogari (L), Capparrucci 4, Spagnolli 3, Coletti, Tei. All. Franco Fiscella.
TERNI: Fociani 12, Vozzolo 10, Brancorsini 8, Bargellini 4, Massarelli 2, Liti, Magistrelli (L1), Ubaldi 13, Allegrini 11, Braghiroli 3, Bruno. All. Roberto Troiani.
Arbitro: Felice Mangino.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley aprile 14, 2012 16:30