Geriatria Volley, quando la classe fa la differenza

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 5, 2012 16:12

Geriatria Volley, quando la classe fa la differenza

GeriatriaVolley 2012-10

la formazione di Geriatria Volley al decimo allenamento del 2012

Terminato il ciclo agonistico l’allegra banda, o quel che ne rimane, di Geriatria Volley si è ritrovata ancora per un summit che nulla ha a che vedere con lo sport, ma molto con la competizione. Il tradizionale venerdì della palestra Ema è stato disertato solo da pochi elementi, quelli che hanno dimostrato di avere timore del confronto con l’avversario. Questi elementi bollati come codardi sono però stati sostituiti a tempo di record dal general manager Claudio Giri che si è presentato in alta uniforme (con tanto di cravatta padana), per dare il benvenuto in famiglia a Mauro Bocchini detto mauretto, Cristian Nolte detto il crucco, Fausto Staccioli detto stacciolone e Paolo Zuccaccia detto supposta, salvo poi prendere le distanze da loro nel rettangolo da gioco. Con l’avvento di amici di lunga data i vetusti amici del capoluogo hanno intavolato un riscaldamento fatto di ricordi e racconti, ma poi subito a rete per provare i colpi di un tempo. Allargando il nucleo delle persone su cui si può contare le squadre sono state stravolte e così si sono formati due schieramenti molto differenti con la vecchia guardia che ha fatto quadrato per isolare i neofiti e costringere i fuoriclasse degli Alberti a complicarsi la vita. Con l’eccedenza di personale c’è stato spazio anche per un estemporaneo arbitraggio del rappresentante sanitario che sempre dedito al pronto intervento ha guardato tutti dall’alto verso il basso. I primi due parziali sono stati conquistati, non senza i soliti furti e le furbate, dal clan dei ‘maghi’ che tramite Fabio Coletti ha effettuato giochi di prestigio sul punteggio. Appena è trascorso il tempo per trovare un proprio assetto, i ‘confinati’ hanno cambiato marcia e, malgrado la disposizione a groviera della ricezione che ha presentato grossi buchi, sono andati a trionfare ancora una volta dimostrando chi è che fa la differenza. I ‘maghi’ sono stati prima tramortiti e poi lasciati a terra esanimi. Al rimpatrio delle salme non sono voluti mancare nemmeno l’allenatore Franco Fiscella ed il dirigente Antonio Mazzoni che hanno accompagnato il corteo sino alla tavola di concertazione risultata romantica. All’estremo saluto erano presenti: Alberto Aglietti, Mauro Bocchini, Marco Brunetti, Andrea Capparrucci, Enrico Cavallucci, Alberto Ciancamerla, Fabio Coletti, Claudio Giri, Cristian Nolte, Alberto Spagnolli, Fausto Staccioli, Francesco Tei, Luca Valiani, Paolo Zuccaccia.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 5, 2012 16:12