Gherardi Svi Città di Castello, stagione finita a Molfetta

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 9, 2012 23:45

Gherardi Svi Città di Castello, stagione finita a Molfetta

Piano Matteo (muro)

Matteo Piano a muro

Finisce a Molfetta, dove era iniziata lo scorso 25 settembre, l’avventura della Gherardi Svi Città di Castello nel campionato di serie A2 maschile. I biancorossi tifernati vengono battuti dai pugliesi della Pallavolo Molfetta che attendono ora la vincente di Castellana-Segrate per giocarsi la A1. Ma ancora una volta s’è visto il grande cuore dei biancorossi di Radici capaci di rimontare dallo svantaggio di due set a zero, capaci di andare sul 7-10 del tie-break e di venire sorpassati da un turno al servizio di Al Nabhan, fino a quel momento mai decisivo, e da un colpo di sfortuna (ancora una volta!) a causa di una botta subita da Visentin sul 10-10. Onore a un capitano come Rosalba, stratosferico in molte fasi della partita, onore a tutti i ragazzi, lo staff, i dirigenti che hanno affrontato questa trasferta nel migliore dei modi, ben sapendo di essere sotto nella serie ed ancora una volta senza Noda Blanco e Lehtonen. Andrea Radici sceglie Alessandro Dordei in diagonale con Rosalba come posto quattro, il resto dei sestetti di entrambe le squadre è invariato. Il primo punto è a muro di Giombini, Uchikov non sbaglia l’uno pari. Sul servizio di Al Nabhan i padroni di casa prendono due punti di vantaggio (4-2), ci pensano prima a muro Matteo Piano, poi Rosalba in attacco a siglare il contro break del 4-5. Un altro punto di vantaggio lo regala la palla out di Uchikov (5-7), lo slash di Mattioli riporta in parità Molfetta, il primo attacco vincente di Dordei manda le due squadre alla prima sosta tecnica. Botti non fallisce l’8-8, Di Benedetto inchioda ancora Uchikov (8-9). Le due squadre proseguono comunque a braccetto (12-12) poi un altro attacco vincente di Dordei portano gli umbri avanti (12-14), Mattioli attacca il 14-14 e si riparte con la parità. Al secondo time-out tecnico i tifernati mantengono il punto di vantaggio (15-16), Al Nabhan mette a terra la pipe del 16-16. Il muro di Giglioli consente ai pugliesi di mettere la testa avanti (18-17), ancora Piano a muro si fa sentire sull’ex segratese (18-19). Molfetta va 21-20, con il muro di Botti, ed allora coach Radici chiama il suo primo time out, ma al rientro un altro muro, molto contestato, lancia i padroni di casa (22-20). Altra interruzione di Radici e ace di Giglioli che praticamente chiude il set, nonostante Dordei riesca ad annullare due palle set. L’avvio di Molfetta nel secondo set è veemente e mette in difficoltà la ricezione biancorossa (3-0). Un muro su Piano costringe Andrea Radici a fermare subito il gioco sul 6-2, lo stesso centraline astigiano mura Uchikov per il 6-4. Alla prima interruzione tecnica, però, i ragazzi di Lorizio riprendono i quattro punti di vantaggio (8-4), che diventano sei per merito di un altro muro di Botti. Rosalba lotta da leone come sempre e riavvicina Città di Castello (11-8), altri due errori biancorossi vanificano la rincorsa (16-11). Anche Molfetta commette un paio di svarioni che Città di Castello utilizza per un ulteriore avvicinamento (16-13). Entra anche Luca Sartoretti ma Molfetta rintuzza di nuovo i tifernati con l’ace di Mattioli (19-14). L’allenatore dei locali chiama time-out dopo che i tifernati hanno ottenuto dei punti di fila dei ragazzi del presidente Ioan (22-18). C’è rammarico per i troppi errori della fase iniziale perché un ace di Giombini e un punto di Dordei sembrano ancora dare speranze ai tifernati che capitolano ancora per mano di Uchikov (25-22). Il terzo set comincia con Molfetta che va sul 4-2 e con Giombini che non è in perfette condizioni fisiche e stringe i denti. I due punti di svantaggio vengono rimontati dopo la prima sosta tecnica (8-8) e la Gherardi Svi si porta anche in vantaggio (13-14), poi Rosalba inchioda Uchikov per il 14-16 alla seconda sosta tecnica. Città di Castello va sul 17-21 grazie a un guizzo di Giombini che guadagna anche il 19-23. Botti sbaglia il servizio (21-24) e Radici getta nella mischia anche Claudio Nardi per la ricezione. I tifernati chiudono e rimandano il verdetto della gara. Città di Castello prova a tenere viva la serie in avvio di quarto set, costringendo Pino Lorizio a togliere Al Nabhan per Del Vecchio che si presenta subito con un errore (6-8). Un fallo di invasione aerea a Visentin consente a Molfetta di recuperare un punto, il manuale del volley Rosalba ricaccia indietro i pugliesi (9-11). La Città di Castello porta a casa l’11-14 dopo un altro errore arbitrale, Dordei mura Uchikov per l’11-15 ed allora Lorizio cambia anche Bacci con Illuzzi. Alla seconda sosta tecnica è 12-16 per i biancorossi, il punto 17 è di capitan Rosalba, il 18-14 di Uchikov. Quattro lunghezze di vantaggio rimangono anche dopo il punto di Dordei (16-20), Molfetta rimonta (18-21), Di Benedetto mura Al Nabhan, rientrato in campo, per il 19-23 e conquista anche il 19-24. Due punti di Uchikov (21-24) poi il capitano pareggia i conti e rimanda al quinto set la decisione finale. Rosalba chiude il primo punto del quinto set, Molfetta va sul 2-1 grazie ad un’impressionante difesa dei padroni di casa. Uchikov spara out il 2-3, Rosalba mette a terra il 3-5, Giombini picchia l’ace del 3-6 (time-out Lorizio). Intanto Alessio Botteghi fa miracoli in panchina durante le soste per massaggiare qualche giocatore dolorante tra i quali Giombini che non si fa pregare per il 5-8. Ancora uno scatenato Dordei chiude il 7-10, Al Nabhan e Mattioli riportano sotto Molfetta (9-10). Andrea Radici chiama time out, al rientro si fa male Visentin battendo il fianco contro il seggiolone dell’arbitro per recuperare una palla in ricezione: la sfortuna è tremenda, ancora, per i tifernati che, ancora una volta, devo fronteggiare un problema fisico. Stoicamente Marco rimane in campo, seppure con un’escoriazione, mentre Simone Marini è pronto per entrare. Molfetta pareggia (10-10) e poi sorpassa con una serie di servizi impressionanti del giocatore del Bahrein (12-10). Botti porta i suoi sul 14-12 e Uchikov mette a terra il suo punto numero 37 della gara e manda Molfetta in finale.
PALLAVOLO MOLFETTA – GHERARDI SVI CITTA’ DI CASTELLO = 3-2
(25-23, 25-22, 21-25, 21-25, 15-12)
MOLFETTA: Uchikov 37, Botti 14, Mattioli 12, Al Nabham 7, Giglioli 6, Bacci, Cortina (L), Del Vecchio 1, Bisci, Illuzzi. N.E. – La Forgia. All. Giuseppe Lorizio.
CITTA’ DI CASTELLO: Rosalba 23, Giombini 19, Dordei 13, Di Benedetto 12, Piano 8, Visentin 1, Romiti (L), Vigilante, Sartoretti, Nardi. N.E. – Marini. All. Andrea Radici.
Arbitri: Massimiliano Bartoloni di Treia (MC) e Bruno Frapiccini di Falconara (AN).
Molfetta (b.v. 2, b.s. 17, muri 8, errori 13).
Città di Castello (b.v. 2, b.s. 1 15, muri 13, errori 11).
(fonte Città di Castello Pallavolo)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 9, 2012 23:45