La Vittoria Assicurazioni Perugia non si distrae con Acquasparta

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 13, 2012 01:34

La Vittoria Assicurazioni Perugia non si distrae con Acquasparta

Vittoria Assicurazioni Perugia (esultanza)

scene di esultanza per le ragazze della Vittoria Assicurazioni Perugia

Il girone di ritorno di serie D femminile si chiude con una partita insignificante per la classifica ma che fa da ponte verso i play-off che cominciano mercoledì. Ad affermarsi è la Vittoria Assicurazioni Perugia che nel suo palazzetto di San Marco riesce a sfruttare al meglio il gioco d’attacco per mandare al tappeto la Cmp Acquasparta in soli tre set. Deluso chi si attendeva maggior equilibrio tra la quinta e la sesta forza del torneo, sul campo la differenza è sembrata ben più grande. Due defezioni hanno caratterizzato il duello, l’allenatrice Stefania Dalla tra le locali (impegnata con la concomitante gara di prima divisione) e la schiacciatrice Claudia Ubaldi tra le ospiti (in via di guarigione dopo la distorsione alla caviglia). La sintesi della serata potrebbe essere riassunta nella seguente maniera, è andato tutto bene per le ‘assicuratrici’ ed è andato tutto male alle acquaspartane. La gara comincia con una partenza a razzo delle padrone di casa che con la battuta mettono subito in crisi le avversarie, tre ace spediscono sul 10-2. I problemi sono molteplici dalla parte opposta della rete con il punteggio che si muove solo grazie ai piccoli regali delle perugine, almeno sino al 18-4, momento in cui 3 riesce ad interrompere l’incantesimo trovando un ace. Il punteggio è imbarazzante e la piccola reazione guidata da 5 serve in pratica esclusivamente a limitare i danni. Un attacco di prima intenzione di Marconi vale il vantaggio. Si ricomincia a giocare a campi invertiti con coach Petrocchi che mischia le carte del mazzo mandando in campo 4 e 18 al centro e 9 di banda. Il rimescolamento non sortisce risultati apparenti con Segoloni che scava il solco (11-5). Il notevole rallentamento di ritmo non incide sul margine acquisito dalla Vittoria Assicurazioni che resta inalterato (22-16). La 5 va a segno ma il set è segnato e bisogna solo attendere il punto del raddoppio che arriva su affondo di Antolini autrice degli ultimi quattro punti. La terza frazione comincia con un nuovo assetto della Cmp che da spazio al secondo libero. Al secondo scambio ci sono attimi di paura per una brutta ricaduta di Schippa che mette in apprensione la panchina del club grifone ed il pubblico sugli spalti. Fortunatamente è solo un momento che passa rapido ed il match riprende con lo stesso film logico dei precedenti. Stavolta è Marconi a mettere giù palla ripetutamente, prima un attacco, poi un muro ed infine un ace portano sul 13-7. Truffarelli diventa padrona della rete e le locali si distendono (21-13). Nessun sussulto nel finale, il tre a zero è sancito da una battuta sbagliate delle biancorosso crociate. Si chiude col sorriso il campionato della ragazze del presidente Andrea Bettini che ora però devono cominciare a pensare al Tavernelle, avversaria mercoledì nella semifinale dei play-off.
VITTORIA ASSICURAZIONI PERUGIA – CMP ACQUASPARTA = 3-0
(25-15, 25-17, 25-12)
PERUGIA: Segoloni 12, Schippa 8, Truffarelli 8, Marconi 8, Cherubini 4, Monti 3, Alunni (L), Antolini 6, Verna 2, Cerquetelli, Ciaravella. N.E. – Cipiciani. All. Enrico Marconi.
ACQUASPARTA: Guerrini 8, Romani L. 4, Pecorari 3, Todini S. 2, Romani J. 1, Toni E., Todini A. (L), Bravini 1, Michini, Carpinelli, Toni C., Carletti (L2). All. Consuelo Petrocchi.
Arbitro: Dario Privitera.
GRIFO (b.s. 7, v. 4, muri 9, errori 19).
CMP (b.s. 7, v. 10, muri 2, errori 18).
(fonte Grifo Volley Perugia)
httpv://www.youtube.com/watch?v=xxqDRI7Ys9E

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 13, 2012 01:34
Write a comment

2 Comments

  1. Alessandra Maggio 13, 15:27

    Darsi la mano sottorete e schersarci sù mi sembra solo sportivo…!!

  2. Keba Maggio 13, 13:08

    In 18 anni di carriera, tante ne ho viste, ma la rappresentazione teatrale di ieri sera le ha superate veramente tutte. Se veramente si fosse pensato di atterrare qualcuna sicuramente non sarebbe stata la numero 40 che forse in campo era la piu’ inesistente. Non abbiamo scelto uno sport di contatto, quindi quello che può succedere sotto rete, è da ricondurre al caso, ma se poi vogliamo dargli un significato intenzionale diamoglielo, così almeno le attrici possono godersi il meritato applauso. Ieri sera si è mangiato e dormito lo stesso, ma sicuramente la prossima volta magari le scuse sotto rete verranno rivolte a chi veramente recepisce la veridicità delle situazioni.

View comments

Write a comment

<