Capitano, mio capitano! Parola a Goran Vujevic

Pianeta Volley
By Pianeta Volley luglio 14, 2012 11:14

Capitano, mio capitano! Parola a Goran Vujevic

Goran Vujevic lancia la sfida

La Sir Safety Perugia è certamente una matricola nel massimo campionato italiano di pallavolo. Ma la sua guida in campo, il capitano, in due parole Goran Vujevic, sa bene di cosa si tratta. Per il campione serbo, uno di quei giocatori che continuano a prendersi gioco della carta d’identità regalando delizie ai tifosi dei bloc[devils in particolare e del grande volley in generale, la stagione in arrivo è la quindicesima nel campionato italiano di serie A1. Una vita spesa sui taraflex del Bel Paese ed ancora la stessa smisurata voglia di essere protagonista. «L’entusiasmo e la voglia di sudare sono sempre le stesse di quindici anni fa. Quando lo scorso anno sono venuto alla Sir, nessuno di noi, e sinceramente neanche io, pensava e si aspettava subito la promozione. Però devo dire che abbiamo dimostrato durante tutta la stagione di essere i migliori e personalmente sono felicissimo di poter tornare a giocare ancora in serie A1. Mi sento bene, il mio fisico per il momento risponde al meglio. Durante l’anno ascolterò con attenzione quello che dice il mio corpo ed alla fine tirerò le somme, però finora il mio corpo non mi ha mai tradito…». Goran, serbo ormai trapiantato a Perugia, prova a decifrare il prossimo campionato di A1. «A bocce ferme vedo Macerata e Trento sopra le altre, con Cuneo molto vicino. Queste tre squadre hanno sulla carta maggiore qualità rispetto al resto delle compagini. Poi c’è credo un folto gruppo con tutte le altre. Vedo molto equilibrio, valori tecnici molto simili e quindi bisogna giocare bene per cercare di stare in alto in classifica». Dall’alto della sua esperienza, Vujevic su quello che potrà essere il ruolo della Sir la vede in questo modo: «Sono contento del fatto che abbiamo mantenuto l’ossatura dell’anno scorso. Siamo rimasti in cinque e speriamo di trasmettere ai nostri nuovi compagni la mentalità vincente. Credo sia stato anche giusto confermare un po’ la rosa che ha vinto la serie A2. Ho grande fiducia in tutti loro perché so che lavorano bene e sono certo che spingeranno ancora di più sull’acceleratore per dimostrare di meritare l’A1. Dei nuovi ragazzi arrivati ho sentito parlare molto bene. Si tratta di atleti giovani, promettenti e forti fisicamente. Ovviamente dovranno adattarsi al campionato di A1, che è molto difficile e non perdona, e magari ci vorrà un po’ di tempo, ma sono convinto che dimostreranno tutti le loro qualità». Guidati dal loro capitano… «Io conto e spero in primis di poter tenere bene il campo. Tecnicamente, senza presunzione, so di valere la serie A1, devo lavorare molto sul mio fisico e stare bene. Poi credo di poter dare un contributo importante di esperienza e con il mio lavoro quotidiano. Sono il capitano della squadra e quindi devo essere l’esempio per i miei compagni lavorando bene in palestra e non a chiacchiere. Come del resto ho sempre fatto nella mia carriera». Parola di Capitano!
(fonte Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley luglio 14, 2012 11:14