Alessandro Papini: «Bastia Umbra ricerca i suoi equilibri»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 2, 2012 12:18

Alessandro Papini: «Bastia Umbra ricerca i suoi equilibri»

Papini Alessandro (discute)

Alessandro Papini

Si avvicina la prima giornata di calendario ufficiale in casa della Edilizia Passeri & Edil Rossi Bastia che prepara il suo debutto nella serie B1 femminile. Tra coloro che lavorano alacremente per preparare la nuova sfida c’è il vice allenatore Alessandro Papini, una bandiera della società sportiva che ripercorre le ultime settimane: «Visto lo strepitoso campionato dell’anno scorso, per la costruzione della squadra abbiamo cercato di seguire lo stesso filo conduttore, e cioè quello di cercare le giocatrici in maniera mirata, unendo doti sportive ed umane, persone in grado di inserirsi nel migliore dei modi all’interno di un gruppo e di un equilibrio già ben solido e che allo stesso tempo rientrassero nel budget a disposizione. Ovviamente abbiamo cercato di migliorare la qualità tecnica complessiva del gruppo, visto che dovevamo affrontare un campionato di categoria superiore. Da queste prime battute direi che credo che sia stato fatto un buon lavoro, il gruppo sembra abbastanza omogeneo e coeso, le ragazze lavorano e con impegno, quindi direi che da queste prime battute possiamo essere  abbastanza soddisfatti. sia chiaro che siamo solo all’inizio, ma se il buongiorno si vede dal mattino, direi che si prospetta una buona giornata».  Le aspettative sono alte e nella fase di preparazione fisica l’attenzione dello staff tecnico è concentrata sulla ricerca di una identità di squadra. «In queste prime fasi di conoscenza ci stiamo orientando nel cercare di far capire alle nuove arrivate qual è la nostra filosofia, quali sono i punti fermi del nostro lavoro, quali sono le disposizioni da seguire e quali gli equilibri da trovare quanto prima. Ho allenato in quasi tutti i campionati nazionali ma la serie B1 mi mancava proprio, da ciò che si sa il livello tecnico è ben più alto rispetto alla categoria inferiore, staremo a vedere». La composizione dei gironi ha riservato al club biancoazzurro le avversarie meridionali, un fatto imprevisto per una rappresentante umbra che ha colto di sorpresa gli addetti ai lavori. «Essere inseriti per la prima volta nella storia dei campionati nazionali di B1 tra le squadre che faranno il girone del sud crea sicuramente disagio e più di una perplessità. In tanti ritengono che il girone sud sia tecnicamente inferiore agli altri, ma dai roster che ci arrivano scopro che ci sono diverse squadre che possono annoverare nei loro organici giocatrici che hanno giocato in serie A1 ed A2, quindi mi sembra più un modo di dire che una realtà. E’ anche vero che il girone del sud è devastante sul piano logistico, infatti saremo costretti a fare diverse trasferte in aereo ed altrettante con spostamenti in pullman di 6-8 ore gravando così in maniera pesante sulle casse delle società». L’appuntamento con l’esordio è vissuto da tutti con crescente eccitazione ma per un bastiolo purosangue di certo l’emozione è maggiore rispetto agli altri. «Approfitto per ringraziare la società e Gian Luca Ricci che mi permettono di vivere questa fantastica, anche se faticosa, avventura. Per me che sono un bastiolo vivere questa esperienza, poter sedere sulla panchina della mia città nel terzo campionato nazionale è un onore immenso che mi riempie di orgoglio e che spero di ripagare con impegno, professionalità e risultati. Sono fiducioso che, lavorando insieme e con unità d’intenti, riusciremo a toglierci molte soddisfazioni e a far divertire i nostri tifosi».
(fonte Libertas Bastia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley ottobre 2, 2012 12:18