Tania Ragnacci: «Gubbio rimane coi piedi per terra»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 22, 2012 01:30

Tania Ragnacci: «Gubbio rimane coi piedi per terra»

Ragnacci Tania

Tania Ragnacci

Viaggia col vento in poppa la New Font Prep Mori Gubbio che in serie C femminile si è fatta largo a suon di successi. Sei partite giocate e sei affermazioni piene per il collettivo rossoblu che ha lasciato per strada solo due set sino a questo momento. Un ruolino di marcia immacolato che ha fruttato il primo posto solitario in una classifica che appare ancor più bella se si considera che tra le prime cinque squadre del girone è l’unica ad aver osservato il turno di riposo forzato imposto dal calendario. Ma un avvio così fulminante non se lo aspettavano nemmeno le eugubine che durante l’estate hanno perso pezzi storici della squadra come il tecnico Pugnitopo, nonché le centrali Angeli e Cacciamani, tanto per dirne qualcuno. Ed è proprio da questo punto che comincia l’analisi della stagione dell’opposta Tania Ragnacci: «Nella mia carriera pallavolistica Massimo Pugnitopo è stato un punto di riferimento fondamentale, gli devo molto. Ha sempre creduto in me e mi ha fatta crescere molto, detto questo la sua scelta non si discute, ha fatto ciò che credeva migliore e lo rispetto. La partenza delle mie ‘storiche’ compagne e amiche è stato un duro colpo ma è giusto che ognuno di noi faccia le proprie esperienze, eravamo e siamo comunque un gruppo molto unito e ci lega un’amicizia fortissima, anche fuori dal campo». Nel nuovo roster allestito dalla società sportiva si è meritata i gradi di capitano e come tale è aumentata la responsabilità della numero 14. «Come capitano cerco sempre e comunque di essere un riferimento per tutte, soprattutto cerco di trasmettere alle mie compagne l’amore e la passione che ho per questo sport». La giocatrice che compirà ventisette anni a dicembre è ormai un’esperta della massima categoria regionale ed osserva con serenità questa prima parte di stagione. «Il campionato è abbastanza equilibrato, sinceramente non mi aspettavo un inizio così positivo, anche se ero sicura di dare del filo da torcere a molti visto l’ottimo lavoro che stiamo facendo con il coach Maurizio Mattoni, grazie all’esperienza di Cerbella e Pascolini ed anche all’entusiasmo di tutte le mie compagne. Nonostante tutto rimaniamo con i piedi per terra perché il campionato è ancora molto lungo e pensare partita per partita ci aiuterà a fare bene. Siamo una squadra e questa è l’unica cosa che conta, sia nel bene che nel male ed è questo che ci contraddistingue».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 22, 2012 01:30