San Giustino, sfuma l’occasione con Cuneo

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 23, 2013 20:23

San Giustino, sfuma l’occasione con Cuneo

Maric-DeTogni (murano)

Goran Maric e Giorgio De Togni a muro contro Dore Della Lunga

Il freddo e la neve che scende copiosa non ferma la tifoseria organizzata che infiamma il Pala-Kemon con il suo calore. A vincere però è la Bre Banca Lannutti Cuneo che strozza l’urlo in gola ad una Vivi Altotevere San Giustino arrivata ad un passo dal prendersi lo scalpo dei piemontesi. Tra gli umbri Torre viene preferito in partenza a Mc Kibbin, tra i piemontesi Antonov parte al posto di Wijsmans. Gli ospiti iniziano subito forte aprendo i giochi con un ace e portandosi a +3, ma la risposta degli umbri arriva immediata con Cebulj (chiuderà il primo set con sette punti e 83% in attacco) che da un saggio della sua potenza e rimette immediatamente in asse. L’equilibrio regge sino a che il servizio forzato degli ospiti riesce a trovare nuovamente il fianco scoperto agli azzurri che tornano sotto di tre lunghezze prima di operare l’accelerazione tremenda, sempre ad opera di un sensazionale Cebulj autore anche del sorpasso (16-15). La ricezione dei settentrionali comincia ad evidenziare qualche crepa e Grbic è costretto a giocare palla alta, insistendo quando può sulla sicurezza di Sokolov (sette punti in apertura) che si alterna nel ruolo di centrale, schiacciatore e opposto. Il margine è esiguo ma i padroni di casa lo difendono sino al 24-23, sprecando la prima ed unica palla-set concessa loro, e commettendo ai vantaggi un errore in attacco con Maric che regala l’uno a zero a Cuneo. Alla ripresa gli schieramenti in campo sono confermati e il duello rimane sempre molto incerto (7-7). Maric (sei colpi vincenti) apre crateri nel quadrato avversario e riesce a propiziare un break che tocca il suo massimo vantaggio sul 18-15. Ngapeth ricuce lo strappo ma il divario torna successivamente, complice una disattenzione ospite (22-19). Gli innesti di Rossi e Galliani coincidono con il recupero di Cuneo ma stavolta sul 23-23, Ngapeth spedisce la battuta in rete e poi esce fuori la grinta di Cebulj che trova le misure a Sokolov fermandolo per la prima volta nel match a muro ed impattando. Nel terzo parziale la Bre Banca inizia col passo giusto e prova la fuga con Della Lunga abile a trovare varchi (5-8). La risposta non si fa attendere e un Cesarini attentissimo infonde coraggio alla manovra di contrattacco che con Fiore scatenato trova un pronto aggancio (8-8). L’equilibrio apparente permane sino al 13-13, ma la sensazione è che il sestetto locale sia più motivato. Infatti funziona tutto nel quadrato di casa ed è ancora la premiata ditta Maric-Cebulj a creare la spaccatura (18-13). Curva dei Lupi e Bufali in estasi e sangiustinesi incontenibili con il due ad uno che arriva su errore di una disorientata Cuneo. Il quarto frangente vede il sempre efficace Sokolov trovare una valida spalla in Antonov, i piemontesi mettono pressione anche col muro che torna a toccare tutti i palloni rendendo la vita altrui problematica (9-12). La Vivi Altotevere però non si scompone e con un nuovo guizzo di super Maric rimette in asse (15-15). Il recupero dei locali è frenato dal solito Sokolov (dodici punti personali a referto) e da decisioni arbitrali che creano nervosismo e così la banda di Fenoglio torna ad inseguire (17-21). Il colpo di coda è complicato i locali non ci credono più, il finale è in calando ed una battuta errata rimanda la sentenza. Al tie-break è duello a distanza tra Cebulj e Sokolov, i settentrionali sbagliano qualcosa e devono inseguire (7-4). La battaglia è aspra e nessuna delle due è intenzionata a cedere con Ngapeth che fa gli straordinari (9-8). Il punto della possibile parità è vanificato da un nuovo muro di Cebulj su Sokolov (11-9), ma poco dopo Cuneo restituisce la cortesia e con la stessa moneta aggancia con Grbic sul 12-12 e poco dopo mette la freccia con Kohut (12-14). Un nuovo muro di Ngapeth vale il successo di Cuneo. Da sottolineare che le due squadre prima del fischio d’inizio hanno sensibilizzato gli spettatori mostrando lo striscione dedicato alle Malattie Rare, giornata che si celebra il 28 febbraio. La Lega Pallavolo serie A ha infatti rinnovato l’impegno al fianco di Uniamo (Federazione Italiana Malattie Rare). Un evento che dà voce ai circa 30 milioni di pazienti solo in Europa. In tutto il mondo, le organizzazioni di pazienti di malattie rare uniranno le forze per coinvolgere l’opinione pubblica e i decisori politici su questo argomento.
VIVI ALTOTEVERE SAN GIUSTINO – BRE BANCA LANNUTTI CUNEO = 2-3
(25-27, 25-23, 25-20, 19-25, 13-15)
SAN GIUSTINO: Maric 26, Cebulj 21, Fiore 13, De Togni 5, Bohme 3, Torre 2, Cesarini (L1), Coali, Guttmann. N.E. – Van Den Dries, Mc Kibbin, Mattioli, Lo Bianco (L2). All. Marco Fenoglio e Vincenzo Porro.
CUNEO:  Sokolov 33, Ngapeth 14, Antonov 12, Kohut 8, Grbic 7, Della Lunga 4, De Pandis (L1), Rossi, Galliani. N.E. – Abdelaziz, Marchisio (L2). All. Roberto Piazza e Massimiliano Giaccardi.
Note – Spettatori 1’500.
Durata dei set: 29’, 27’, 26’, 26’, 17’.
Arbitri – Omero Satanassi (RA) e Stefano Cesare (RM).
VIVI ALTOTEVERE (b.s. 20, v. 3, muri 11, errori 13).
BRE BANCA LANNUTTI (b.s. 24, v. 9, muri 16, errori 14).
httpv://www.youtube.com/watch?v=XjKNItLwXbg
httpv://www.youtube.com/watch?v=oIgH4LKzIjI

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 23, 2013 20:23