Tamara Natalizi: «Rivotorto non vuole mollare»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 28, 2013 09:00

Tamara Natalizi: «Rivotorto non vuole mollare»

Natalizi Tamara (palla)

Tamara Natalizi

Viaggia spedita la Rivotorto Volley che occupa dopo ventuno giornate la settima posizione della classifica in serie D femminile. Undici vittorie e dieci sconfitte sono il bottino delle biancorossoblu guidate dal tecnico Tognellini che si stanno ritagliando uno spazio importante vestendo i panni di matricola terribile nella categoria. L’alzatrice Tamara Natalizi esprime un parere sul momento della squadra: «Il campionato posso dire che sia abbastanza equilibrato, e la classifica lo dimostra. Unica eccezione è Acquasparta che vola molto in alto! Ogni partita quindi è difficile e non ci si possono permettere cali di concentrazione, perché la ricompensa è di valore. Quando ti giochi punto a punto la possibilità di partecipare ai play-off non devono esistere errori». Domenica scorsa, dopo due sconfitte con Acquasparta e San Sisto, l’ultima delle quali aveva lasciato l’amaro in bocca e qualche polemica, è stato disputato un quasi derby a Marsciano, con ben sei ex di turno a tornare da avversarie. «Siamo arrivate nel mio ex palazzetto con la voglia di riscattarci e di ripetere il successo dell’andata. La partenza ci ha visto nettamente più in partita delle rivali ma nel terzo set, un nostro calo di concentrazione e i cambi di strategia delle avversarie, ci hanno frenato bruscamente. Per fortuna al tie-break ci siamo riprese proprio sulle ultime battute e l’abbiamo spuntata. Una gara che dovevamo chiudere prima ma che ci ha viste comunque vincitrici per la seconda volta in questo che per molte di noi era un match particolare. Merito va anche alle ragazze marscianesi che hanno reagito e ci hanno messo sotto per due set, e questa è la dimostrazione di quello che dicevo prima, gli errori si pagano cari e ci sono costati in questo caso un punto». Da due anni passata nel club rivotortese, l’atleta nata il 5 aprile 1987 esamina il suo rendimento. «A livello personale sono abbastanza soddisfatta delle prestazioni, in generale ho mantenuto quasi sempre un livello buono di gioco, ma è ovvio che le giornate no ci sono per tutti e nella gara di domenica non mi sono piaciuta, ma forse era l’aria di casa che mi ha trasmesso una certa tensione. In campionato penso che non sarà semplice mantenere questa posizione, le prossime partite non sono facili ma se riusciamo a sistemare alcune cose all’interno della squadra, evitando i cali di concentrazione, possiamo essere fiduciosi». Per la regista di 157 cm. che indossa la maglia numero 17 la strada da percorrere in futuro è abbastanza chiara. «Ora dobbiamo lavorare bene per questa seconda parte di stagione, in particolare dobbiamo capire cos’è che ci fa sbandare cosi facilmente e smarrire il filo del gioco. Probabilmente il nostro è un gruppo che in qualche situazione si dimentica di essere una squadra e talvolta si creano situazioni che non aiutano a venirne fuori. Proprio perché siamo tutte amiche anche al di fuori del campo, lavoreremo molto per sistemare questo aspetto. Non ci manca niente potenzialmente per puntare ai play-off. Per essere una squadra neopromossa direi che stiamo facendo bene e spero di arrivare a maggio con la possibilità di giocarci la nostra opportunità negli scontri promozione».

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Febbraio 28, 2013 09:00