Spoleto supera Forlimpopoli e pensa ai play-off

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 17, 2013 10:30
Vigilante Cristian (picchia)

Cristian Vigilante in attacco

Un’ottima Monini Spoleto travolge tre a zero la Thermolutz Forlimpopoli e dimostra, ancora una volta, di essere un vero e proprio schiacciasassi tra le mura amiche in questa serie B2 maschile. Una vittoria fortemente voluta dagli oleari, scesi in campo con Costanzi, Vigilante, Lattanzi, Segoni, Battistelli, Sirci e Romanò come libero, che nei momenti di difficoltà hanno sempre continuato a giocare in maniera ordinata e concreta senza perdere mai la bussola. Nel primo set gli ospiti, che schierano Rasi, Lucconi, Boschetti, Romagnoli, Loglisci, Rossi e Sabatini, si portano avanti 0-2 ma un attacco finito fuori e Segoni consentono di pareggiare (2-2). La gara è intensa, si combatte punto su punto e al primo time-out tecnico i padroni di casa conducono 8-6. Battistelli e Vigilante martellano gli avversarsi e l’azione dell’11-9 è un gioiello: Lattanzi e Romanò, in versione piovre, prendono tutto e Vigilante conclude con un diagonale che non lascia scampo agli avversari. I biancoverdi tentano l’allungo ma Forlimpopoli non molla e sul 20-15 conquista tre punti consecutivi. Trombettoni entra per Lattanzi. Una perfetta gestione del muro permette agli oleari di andare sul 24-21 ma gli ospiti riescono ad annullare due set point. Romanò chiama time-out per riorganizzare le idee e studiare lo schema da adottare in ricezione. Non servirà, è la Thermolutz, infatti, a consegnargli il punto decisivo con un errore in battuta. Nel secondo parziale le squadre tornano in campo con gli stessi effettivi che hanno iniziato la gara. Gli ospiti partono bene ma Segoni e il muro ribaltano la situazione in favore degli oleari (2-1). L’equilibrio regna sovrano e per romperlo servono le bordate di Lattanzi e Vigilante. Si arriva così alla prima interruzione sul punteggio di 8-6. Un vantaggio che dura poco, visto che i romagnoli nel giro di pochi secondi riescono a ribaltare (13-14). La grinta non fa però difetto ai locali che, grazie anche a Trombettoni, tornano a condurre (16-15). E, soprattutto, dimostrano di saper reagire nei momenti difficili. Sotto 19-20, pareggiano con una sassata di Segoni e poi allungano sino a chiudere al termine di un’azione contestata in maniera vibrante e plateale dagli avversari ed in special modo da Loglisci, che per tutta risposta viene espulso dall’arbitro. Nella terza frazione di gara Servettini sostituisce Sirci. Vigilante affonda il colpo ed il muro funziona (3-2), ma la reazione della Thermolutz non si fa attendere e rovescia completamente (8-12). Mancanelli sostituisce Romanò e il suo ingresso, salutato con un’ovazione dal pubblico, porta bene alla Monini che, in piena trance agonistica, sigla punti pesanti e chiude la pratica. L’allenatore Alejandro Romanò ha spiegato: «Abbiamo fatto una grande partita e devo ringraziare i miei giocatori perché nei momenti di difficoltà non hanno mai mollato. Non so se riusciremo a qualificarci per i play-off ma in ogni caso questa vittoria dimostra che la strada intrapresa è quella giusta. Mancano sei partite alla fine della stagione e daremo tutto per cercare di arrivare più in alto possibile. Ci stiamo allenando duramente e i frutti si stanno vedendo e la cosa che mi fa più piacere è che i giovani ci stanno regalando grandi soddisfazioni».
MONINI SPOLETO – THERMOLUTZ FORLIMPOPOLI = 3-0
(25-23, 27-25, 25-21)
SPOLETO: Vigilante 16, Segoni 16, Battistelli 8, Lattanzi 4, Sirci 2, Costanzi, Romanò (L1), Servettini 5, Trombettoni 2, Travicelli, Mancanelli (L2). All. Alejandro Romanò.
FORLIMPOPOLI
: Lucconi 11, Rossi 9, Romagnoli 8, Boschetti 8, Loglisci 3, Rasi, Sabbatini (L), Caminati 7, Ceroni 2, Farinelli 1, Taglioli. All. Luca Tampieri.
Arbitri: Claudio Bolognesi ed Antonella Verrascina.
(fonte Marconi Spoleto)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Marzo 17, 2013 10:30
Write a comment

No Comments

No Comments Yet!

Let me tell You a sad story ! There are no comments yet, but You can be first one to comment this article.

Write a comment
View comments

Write a comment

<