Orvieto espugna Gubbio nella gara d’andata della finale

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 30, 2013 04:01

Orvieto espugna Gubbio nella gara d’andata della finale

Riso Roberta (attacca)

attacco della eugubina Roberta Riso e muro delle orvietane Erika Campana e Bruna Ragaini

Nella prima sfida della finale play-off femminile ci vogliono cinque set per trovare una vincitrice. A fare il colpaccio è una Zambelli Orvieto a cui non manca il carattere per effettuare una rimonta difficile con due set di ritardo. Ciò che manca invece alla New Font Prep Mori Gubbio è solo un pizzico di fortuna. Le padrone di casa si mostrano toniche ed in grado di contrastare la potenza di fuoco avversaria tenendo il pallino in mano. La battaglia è apertissima sino al 6-9 del secondo set, momento nel quale la dea bendata decide di dare un piccolo aiuto alle ospiti mettendo fuori causa Pascolini (sino a qual momento molto positiva). Cambia inesorabilmente l’inerzia del match, pur portando in maniera rocambolesca il punteggio sul due a zero, il gioco delle locali è più scontato. Ne approfittano le ospiti che risalgono dalla polvere e vanno a trionfare. In una Polivalente gremita in ogni ordine di posto l’euforia sale altissima già trenta minuti prima del fischio. La temperatura diventa incandescente all’arrivo dei due pullman di tifosi ospiti che fanno crescere la confusione, interrotta unicamente dal minuto di silenzio in memoria di Roberto Burnelli, poi è solo rumore bianco per oltre due ore. Meno incisive ma anche meno fallose le padrone di casa a cui basta qualche spunto delle centrali per rimanere attaccate (7-7). Sul turno di battuta di Riso, che piazza due ace, cominciano i problemi in ricezione altrui e Gubbio va a +4 ma la reazione delle donne della Rupe arriva col doppio muro di Rosa (13-12). Il secondo strappo prodotto da Ragnacci (otto palle vincenti in apertura) viene neutralizzato da Fiorini che da fondo campo sigla il 17-17. L’allungo decisivo è opera ancora della battuta locale, Nicchi si procura quattro set-point e le rossoblu vanno in vantaggio. La Zambelli riprende a giocare con Toppetti al posto di Sangiorgi ma è Verdacchi a mandarla avanti (4-8). La battaglia è accesa e sul 6-9, in una ricaduta da una fast vincente, cede il ginocchio destro di Pascolini. Sono attimi scioccanti per tutti gli spettatori che trattengono il respiro mentre la giocatrice numero 1 si tocca la gamba e si dispera a terra (nell’agitazione del momento va sottolineato il pronto intervento di Fiorini, avversaria che evidenzia grande sportività prestando le prime cure nella sua veste professionale di fisioterapista). Al suo posto entra Cicci. Perdita grave per le eugubine che però non si scompongono e sul turno di battuta di quest’ultima sorpassano (14-12). Cerbella sale in cattedra e con cinque punti consecutivi (due attacchi e tre muri) scrive il 19-15. La reazione orvietana é affidata ad una Fiorini inarrestabile (otto palle a terra) ma sul 24-21 la rimonta sembra impossibile. Annullate le prime tre occasioni ce n’é una quarta che chiuderebbe i conti ma l’attacco di Cerbella viene giudicato out facendo montare le proteste tra i tifosi sugli spalti. Arriva la quinta opportunità ed è un errore orvietano a consegnare il raddoppio. Nel terzo set Orvieto prende subito il comando sfruttando la rabbia di Verdacchi (8-11). La squadra rossoblu cambia strategia e si affida a Merluzzi che impatta due volte, sul 12-12 e sul 14-14. Nel momento topico protagonista assoluta é la seconda linea con le biancoverdi più attente e con Campana in grado di mandare a segno le compagne guadagnando tre lunghezze che poi, in un batter di ciglia, Ragnacci neutralizza (19-19). Qui finisce la benzina alle locali che subiscono la potenza di Fiorini, autrice di altri otto punti, incluso quello che riduce le distanze. Il quarto frangente registra un calo di ritmo, si lotta punto a punto sino al 12-12. Si fa vedere Ragaini che con un guizzo scava il solco portando la situazione sul 12-18. Manca la forza alle eugubine che subiscono passivamente gli affondi della furia Fiorini ed il verdetto è rimandato. Il tie-break é incandescente, un cartellino giallo all’indirizzo della eugubina Ragnacci scalda ulteriormente gli animi in tribuna (5-6). L’inerzia viene rotta dopo il cambio di campo con le ospiti che scappano (7-10). Gubbio rientra in scia ma poi sciupa e sull’11-14 l’attesa si prolunga per l’espulsione della orvietana Rosa. Alla ripresa il sigillo arriva da Sangiorgi che fa calare il sipario. Uno a zero per la Zambelli nella serie e gara-due che sposta le attenzioni sabato prossimo al Pala-Papini.
NEW FONT PREP MORI GUBBIO – ZAMBELLI ORVIETO = 2-3
(25-21, 27-25, 19-25, 19-25, 12-15)
GUBBIO: Ragnacci 26, Cerbella 12, Riso 11, Merluzzi 6, Pascolini 5, Nicchi 5, Passeri (L1), Cicci 1, Bianconi, Acciaio. N.E. – Monacelli, Ciliegi (L2). All. Maurizio Mattoni e Bruno Brunetti.
ORVIETO: Fiorini 30, Verdacchi 23, Ragaini 10, Sangiorgi 10, Rosa 4, Campana 3, Gentili (L1), Valentini 2, Toppetti 1. N.E. – Frasconi, Trequattrini, Bracaletti, Barbabella (L2). All Francesco Petrangeli e Francesco Barbanti.
Arbitri: Andrea Galteri e Fabrizio Giulietti.
NEW FONT PREP MORI (b.s. 10, v. 8, muri 8, errori 15).
ZAMBELLI (b.s. 11, v. 4, muri 11, errori 21).
httpv://www.youtube.com/watch?v=zvC_Lmpqncs
httpv://www.youtube.com/watch?v=xGLEv6V34Zw

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 30, 2013 04:01