Lettera aperta di un genitore deluso

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 30, 2013 00:08

Lettera aperta di un genitore deluso

letteraSono il genitore di una bambina alla quale non è stato concessa l’iscrizione a una squadra di pallavolo locale. Dopo aver fatto parte da quattro anni a questa parte del gruppo, quando sono andato a effettuare l’iscrizione, mi è stato detto che ormai l’organico era al completo. Lei ci è rimasta molto male e mi ha detto: “Papà, potevi farlo prima”. Ha ragione anche se, fino all’anno scorso, era la stessa società (della quale, solo per ora, non faccio nomi) a cercare mia figlia all’inizio della preparazione. E’ vero, ho tardato di qualche giorno, però qualche amico dirigente di altre società, mi ha detto: qual è il problema, le iscrizioni si accettano sempre. Peraltro anche in questo club si paga una retta, quindi niente arrivava in maniera gratuita. Lei fin da piccola ha fatto parte del gruppo, si è allenata con passione e noi, in famiglia, eravamo contenti. Erano in quattro o cinque nella prima stagione, lei c’era, anzi per fare numero gli stessi dirigenti sollecitavano che andasse ad allenarsi. Sì, giocava poco, forse perché non è una campionessa, e adesso mi viene sempre più il sospetto che non è stata… accolta nella squadra perché non ritenuta indispensabile sul piano tecnico. Certi signori-dirigenti che, solo perché portano i soldi in società, pensano di avere la conoscenza a 360 gradi anche su come si gestisce una squadra, dovrebbero sapere, visto che sono genitori anche loro, che a questa età le ragazze stanno bene insieme, si divertono, affrontano con spensieratezza anche l’ambiente sportivo che le allontana dalle tentazioni di ogni giorno. Ebbene, io speravo che fosse questa la ‘società’ ideale in tal senso per mia figlia. Invece ha trovato la porta chiusa e, nonostante le insistenze fatte con più di un dirigente di questo club, ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta. Portarla da altre parti? Lei ha tutte le amiche che da anni ormai fanno parte di quel gruppo, sono compagne di classe, quindi non vedo perché dovrebbe allontanarsi da loro. Evidentemente ci ha pensato qualcun altro a dividere, anzi, a discriminare alcune iscrizioni rispetto ad altre. E poi questa è una società che sostiene di lavorare da anni con profitto con il settore giovanile; riesco a dire che può essere pure vero, i numeri gli danno ragione, però è giusto anche mettere in evidenza storie amare come quella che ha coinvolto mia figlia. La quale mi dice ora: “Papà, portami almeno in palestra, forse lì c’è una mia amica con la quale posso stare insieme”. Dispiace pure che gli stessi allenatori, che soprattutto a questa età dovrebbero essere educatori, vanno di pari passo con i dirigenti. “No, per tua figlia non c’è più spazio, sono tante nel gruppo, non saprei come fare a gestire la situazione, e comunque se sta bene alla società, per me non ci sono problemi…”. Infatti ora mia figlia – che è stata discriminata dai dirigenti che portano denaro al club che ora, rispetto al passato, non ha più la necessità di valutare il bilancio in base alle iscrizioni del settore giovanile – se ne resta a casa quando le altre sue amichette la salutano per andare agli allenamenti. Anche l’assessore allo sport comunale conosce la situazione: ha condannato l’episodio, è rimasto sconcertato, però nulla; anche da lui nessuna risposta, nessun intervento per regalare di nuovo a mia figlia quei momenti di spensieratezza e di sano divertimento trascorsi insieme alle sue amiche. Ormai, anche a questi livelli e nei settori giovanili, non si guarda più in faccia a nessuno! Non è giusto far pagare ai figli presunte rivendicazioni tra grandi… Complimenti alla società che potrà vincere, anzi, stravincere mille campionati, questa sconfitta però resta la più grande che ha già subito in partenza.
(lettera firmata)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 30, 2013 00:08
Write a comment

2 Comments

  1. Moreno Grandi Febbraio 7, 18:33

    Facciamoli questi nomi non può che far bene alla pallavolo

  2. genitore Ottobre 30, 06:21

    Condivido il suo sfogo e apprezzo il coraggio.Sono un genitore anche io e in questi anni di frequentazione di palestre per accompagnare mia figlia ne ho viste di tutti i colori. Piccoli uomini (e donne) aridi e falliti che si credono allenatori infallibili o dirigenti illuminati. Per questi signori che qualche volta incredibilmente tengono anche conferenze sullo sport dei giovani( vedere i ridicoli partecipanti e l’aria fritta e le bugie dette a Le connessioni tra salute e sport, la bellezza intesa come benessere psicofisico. centro del convegno nazionale di venerdì 24 maggio 2013) non vergognandosi di quante ragazzine fanno smettere di giocare proprio per il disinteresse verso di loro. Gli allenatori e le allenatrici cominciano a discriminare a eta’ bassissime in nome di risultati piccolissimi e di carriere di atlete e atleti, che al massimo arriveranno in una serie regionale, ma che sono state pompate e illuse come se si parlasse di fenomeni. Noi genitori non possiamo fare nulla di fronte a questi piccoli uomini e donne , che se contraddetti, non fanno piu’ giocare o discriminano i piccoli e inconsapevoli figli.La pallavolo a Perugia e’ veramente diventata uno schifo e i genitori che vorrebbero vedere i figli crescere in un ambiente sano devono solo rassegnarsi. Siamo solo dei numeri utili solo per il versamento delle quote. E verso i figli nessun rispetto come descritto nella lettera del genitore della bambina. Societa’ vergognatevi veramente,noi genitori dovremmo fare nomi e cognomi, e ridicolizzarli come loro spesso fanno con qualche piccolo atleta.

View comments

Write a comment

<