Slobodan Kovac si congratula con i registi di Perugia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 16 Dicembre, 2013 15:44

Slobodan Kovac si congratula con i registi di Perugia

Kovac Slobodan

Slobodan Kovac

Che serata entusiasmante quella di ieri al Pala-Evangelisti! La Sir Safety Perugia vincente contro Latina e festeggiata dai tanti giovanissimi presenti al palasport entusiasti a fine gara al centro del campo… decisamente il bello della pallavolo! Il day after della settima vittoria stagionale dei bianconeri del presidente Sirci parte da questa semplice, quanto stupenda, considerazione. Ma c’è tanto altro da dire dell’ennesima grande prestazione dei block-devils, splendida realtà del campionato di serie A1 maschile che, con i tre punti di ieri, hanno confermato la quarta posizione, portandosi a due lunghezze dalle seconde in classifica Trento e Piacenza, ed ipotecato la qualificazione alle final-eight di coppa Italia (la nona, Molfetta, dista nove punti dalla Sir a sole due giornate dalla fine del girone d’andata). Bisogna parlare di un gruppo che gioca bene a pallavolo, merito certamente del manico, cioè di Kovac e del suo staff. Ma merito anche e soprattutto di atleti professionisti e professionali, capaci di far gruppo e di anteporre gli interessi personali al bene della squadra. E, cosa alla fine più importante, atleti con grandi qualità tecniche e caratteriali. Il match di ieri contro Latina, compagine che ha dimostrato sul campo di non meritare assolutamente l’ultimo posto in classifica, ha infatti portato alla ribalta in primo luogo alcuni aspetti di natura tecnica decisivi per il successo. In particolare la fase break, cioè servizio, muro-difesa e contrattacco, è stata eccellente nella metà campo bianconera. Uno scatenato Semenzato sotto rete e un fantastico Giovi dietro hanno guidato i compagni nella correlazione tra prima e seconda linea, non permettendo ai laziali di trovare continuità in fase offensiva (per i pontini alla fine solo il 34% di positività in attacco). E poi questa squadra dimostra ogni settimana di avere cuore ed attributi. Lo si vede da come sta in campo, lucida e serena anche nei momenti caldi, vedi i cinque set point annullati ai pontini nel primo set, vedi la rimonta nel secondo parziale e vedi anche come i perugini sono partiti a mille dopo aver perso la terza frazione. Segnali di attenzione e capacità di gestire i palloni importanti. Non può che essere soddisfatto il giorno dopo Slobodan Kovac: «Ovviamente sono soddisfatto. Ieri sera abbiamo vinto, ma potevamo anche perdere contro Latina. Lo dicevo già prima della gara che la classifica era bugiarda e che gli avversari hanno tanta qualità, cosa che hanno dimostrato in campo contro di noi. Lo sapevamo che ci avrebbero messo in difficoltà e così è stato. Credo che l’entusiasmo e le sicurezze derivate dalla ultime vittorie ci hanno aiutato nei momenti difficili». Entra nel dettaglio Kovac. «Loro hanno difeso tanto soprattutto all’inizio. Noi anche, lavorando benissimo soprattutto a muro con tanti punti diretti (18, ndr) e tanti palloni toccati. Poi, dopo tre set molto combattuti, Latina è crollata. Ricordo che contro Piacenza successe a noi, stavolta è toccato ai nostri avversari. Fa parte della pallavolo, sport dove la psicologia conta. Ma per tre set il match è stato sempre sul filo». Anche contro Latina ha funzionato l’alternanza dei palleggiatori. «Credo che i due falli fischiati a Mitic alla fine del primo set lo abbiano un po’ limitato ed influenzato. Mi è sembrato strano che abbiano fischiato solo quei palleggi, mentre su altri hanno lasciato correre. Ad ogni modo è con lui che abbiamo vinto il primo set. Poi ho inserito Paolucci, che mi dà ampie garanzie. Ho a disposizione due palleggiatori importanti e voglio sottolineare come Mitic sia stato il primo a complimentarsi con Paolucci a fine gara. Tra i due c’è stima reciproca ed entrambi sono un valore aggiunto per la squadra». Quasi al termine c’è stato anche il modo per Kovac di gettare nella mischia il giovane Della Corte. «Sono stato contento per il ragazzo, è stato bravo ed ha subito fatto punto. Credo che ora gli toccherà portare qualche vassoio di paste al prossimo allenamento…». Sorride ‘Boban’ che torna subito serio spostando lo sguardo su classifica e prossimo turno. «Per quanto riguarda la classifica, tutti hanno ambizioni, sia chi è sopra di noi che chi al momento ci segue. Noi pensiamo a far bene domenica, poi vedremo. Anche perché, per l’ultima del 2013, arriva a Perugia una squadra di rango come Trento, compagine forte, come sta dimostrando da inizio anno e come ha dimostrato ieri vincendo contro Piacenza. Hanno Sokolov, un opposto che fa differenza, e parecchi ragazzi giovani e forti guidati da un regista esperto. Sarà una partita difficilissima». Nel frattempo si svolgerà mercoledì 18 dicembre a partire dalle ore 20, al locale Zero7Cinque di Perugia, la cena di Natale della società sportiva perugina. Sarà presente tutto l’entuorage della prima squadra e tutto il settore giovanile bianconero per passare una serata all’insegna della serenità e dell’allegria e per scambiarsi reciprocamente gli auguri per le prossime festività natalizie. Con, ospite a sorpresa, un Babbo Natale davvero speciale che promette fin da ora tante ricche sorprese…
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley 16 Dicembre, 2013 15:44