L’Altotevere Città di Castello recita a Verona

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 26, 2014 23:00

Prima, grande vittoria esterna dell’Altotevere Città di Castello che porta a casa tre splendidi punti dal Pala-Olimpia, vincendo una partita di fondamentale importanza, la terza nelle ultime quattro, contro la Calzedonia Verona. Grande gioia quindi per tutto l’ambiente biancorosso e per i circa cento tifosi che hanno raggiunto Verona e hanno gioito a fine partita assieme ai loro beniamini. Va subito avanti la squadra di casa per 5-3 e poi per 6-4 con il punto del veronese White. La parità, dopo l’errore in battuta dello stesso australiano, è raggiunta dai biancorossi con il mani out di Massari. Capitan Van Walle porta in vantaggio l’Altotevere di un punto, la Calzedonia poi sorpassa col muro di Anzani su Massari. Fromm agguanta la parità a quota 8 con una pipe, ma la squadra di Radici è sempre attaccata all’avversario (11-11). A cavallo del time out tecnico di metà set i padroni di casa allungano con Gasparini (13-11) che sfrutta una buona battuta di White ma una palla out dello stesso opposto sloveno pareggia ancora i conti (14-14). La Calzedonia mette in difficoltà la ricezione biancorossa con la battuta di Boninfante (17-14), per fortuna Rossi ferma a muro il contrattacco del possibile meno 4. Un errore di White, su servizio velenoso di Rossi, riavvicina ancora l’Altotevere (17-16) che pareggia con una magia di Corvetta che vince il contrasto a muro con Anzani (17-17). Le due squadre si sfidano a suon di primi tempi, segno che c’è grande attenzione in tutti i fondamentali di seconda linea, poi Piano sigla il break con il muro su Zingel (19-20). Sul 21-22 Van Walle sfrutta la sua abilità in battuta per siglare l’ace del 21-23, Gasparini riavvicina i suoi sul 22-23, Radici chiama time out e la Calzedonia fallisce il servizio (22-24).   Gasparini annulla la palla set numero uno ed altro time out Radici: al rientro Andrea Rossi chiude il primo set. Tre punti di Piano, due attacchi e un muro, aprono il secondo set (2-3) che è subito una battaglia di attacchi e difese. Verona sorpassa con il servizio vincente di Zingel (6-5) e va sull’8-5 con un parziale di 4-0. Andrea Radici chiama time out ed al rientro Van Walle spara a terra l’8-7 ma Boninfante, sempre velenoso in battuta, riallontana l’Altotevere (10-7). Dopo il punto di Fromm, Piano mura Gasparini (10-9), la Calzedonia si riporta a più 3 alla sosta tecnica (12-9). Un bel mani out di Massari consente un nuovo riavvicinamento al sestetto di Radici che riagguanta Verona con l’attacco di Piano (13-13). Il set è bello ed equilibrato ma purtroppo Gasparini diventa superman al servizio e in attacco (18-14). Il break poteva essere decisivo per le sorti del set ma Città di Castello, dopo il time out e i cambi di Radici, che inserisce Dolfo e Franceschini per dare ossigeno al sestetto, mangia subito due punti ai padroni di casa (22-19), un altro ne regala White (22-20) poi Franceschini sigla l’ace del meno uno (22-21). Il check, dopo un interminabile consulto, dà ragione alla squadra di Radici che pareggia (22-22). Il sorpasso lo firma Dolfo (22-23), Gasparini non fallisce (23-23) poi una chiamata arbitrale è favorevole ai biancorossi che vanno sullo zero a due con l’errore in attacco di Gasparini. Il terzo set prende l’avvio con un punto a punto tra le due squadre (3-3).La Calzedonia parte avanti: Gasparini mette a terra un primo break (6-4) e poi un secondo (9-6), un errore di Massari porta il punteggio sul 10-6. Alla sosta di metà set il sestetto di Giani mantiene i quattro punti di vantaggio (12-8) ma due muri su Gasparini consentono un mini recupero all’Altotevere (13-11) che è però ricacciata a meno 5 dal muro a tre su Fromm e dall’ace di Zingel (16-11). Andrea Radici cerca di fermare l’allungo veneto con un time out e quantomeno riesce ad accorciare di una lunghezza (17-13). Un altro punto dell’Altotevere arriva dall’errore di Anzani (18-15 e time out Giani). Sono sempre tre le lunghezze da recuperare nel finale di set (22-19), diventano cinque sul 24-19. Il set è chiuso dal solito Gasparini. Si ricomincia nel quarto set con l’Altotevere che va sull’1-3, pareggia il gigantesco Zingel con un muro (3-3). Due punti di Piano, attacco e ace, danno un nuovo più 2 all’Altotevere (3-5) su una Verona che va in difficoltà sulla ricezione del salto flottante del centrale astigiano (3-8). Verona ritorna sotto con White (6-9), Massari la ricaccia indietro (6-11) dopo una bomba di un meraviglioso Fromm in battuta. White spara out e così alla sosta tecnica è 6-12 per la squadra di Radici. Entra Coali per Anzani, lo elude subito Rossi, bravo ed intelligente per la palla del 7-13. Gasparini è quello che mette più in difficoltà Città di Castello in tutti i fondamentali (10-14), Van Walle insacca sul muro il punto del 10-16. Fromm risponde all’opposto veneto ed è un iradiddio, Piano confeziona un altro break dal servizio, subito sfruttato dallo slash di Rossi (12-19). Volano i tifernati (13-21), Fromm (59% finale per lui in attacco)  si guadagna con un ace un’infinità di palle match, alla seconda occasione Andrea Rossi spara a terra il primo tempo della vittoria.
CALZEDONIA VERONA – ALTOTEVERE CITTÀ DI CASTELLO = 1-3
(23-25, 23-25, 25-20, 16-25)
VERONA: Gasparini 32, Zingel 9, White 9, Anzani 7, Boninfante 4, Bellei 2, Pesaresi (L), Gonzalez 3, Coali 1, Blasi. N.E. – Ter Horst, Centomo. All. Andrea Giani.
CITTÀ DI CASTELLO: Fromm 24, Piano 14, Van Walle 13, Massari 8, Rossi 6, Corvetta 1, Tosi (L1), Dolfo 1, Franceschini 1, Carminati, Marchiani Lensi (L2). N.E. – Sartoretti. All. Andrea Radici.
Arbitri: Andrea Pozzato (BZ) e Sandro La Micela (TN).
CALZEDONIA (b.v., b.s., muri, errori).
ALTOTEVERE (b.v. 5, b.s. 9, muri 12, errori 10).
(fonte Altotevere Città di Castello)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Gennaio 26, 2014 23:00