Arianna Andreani: «Orvieto unita verso la meta finale»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 20, 2014 09:30
Andreani Arianna (grinta)

la grinta della libero Arianna Andreani

La Zambelli Orvieto nell’allestire il roster per il suo primo anno di serie B2 femminile ha pensato bene di dare quelle sicurezze e certezze nella difesa, attraverso il ruolo di libero passa molto del gioco, e per questo scopo serviva un elemento con carattere e determinazione. La scelta è ricaduta su Andreani che con le sue ricezioni e difese ha fatto grandi molti team, come ad esempio quello di Narni. Giunta sotto la Rupe è diventata subito uno dei punti cruciali del gioco biancoverde, i suoi interventi puntuali in campo hanno dato sicurezza alle compagne. Entrata subito nei cuori della tifoseria orvietana, è diventata la ‘regina’ della seconda linea, non di rado le sue difese strappano applausi anche alle tifoserie avversarie, vederla sempre battagliera e grintosa dà maggiore forza al collettivo. La strada da percorrere è ancora lunga e difficoltosa ma la squadra orvietana per ora guarda tutte dall’alto e vuole arrivare fino in fondo per l’ennesima impresa. Dopo tanti successi con club in B2 e B1, dove ha vinto tanto, è stata chiamata per dirigere la difesa orvietana ed è subito diventata pedina cardine,Arianna Andreani è sicuramente una dei liberi più forti del girone: «Per me è un onore essere stata chiamata da una società così seria come Orvieto e colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta il presidente Flavio Zambelli e tutto lo staff per avermi dato questa opportunità». Dopo le prime gare, vedendola volare in campo, le è stato assegnato un appellativo importante, Spiderwoman, che rispecchia il suo essere libero-volante. «Spero di continuare a meritare questo soprannome». In alcuni match, tanti al dire il vero, si vede in lei una carica esplosiva, una sicurezza che è trasmessa a tutta la squadra. «Il ruolo del libero è un ruolo particolare nella pallavolo, dove serve una grande determinazione, aggressività (ovviamente positiva) ma sopratutto il ruolo deve trasmettere sicurezza, la squadra deve fidarsi di te in quanto regista della seconda linea e devo dire che tutto quello che ho detto sopra si è verificato. In questa squadra tutte le giocatrici conoscono il proprio ruolo e lo mettono positivamente in pratica perché ciascuna è al servizio della compagna». Si vede tra di voi un feeling fantastico, sintomo di uno spogliatoio sereno e di affinità in campo, può essere questa una delle chiave dei successi. «L’unione fa la forza, rispetto e umiltà fanno il resto». A sei gare dalla fine del campionato vuole dire qualcosa alle compagne e ai tifosi. «Affrontiamo un gradino alla volta augurandoci di arrivare saldamente in cima».
(fonte Volley Team Orvieto)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 20, 2014 09:30