Kseniya Ihnatsiuk: «Per San Giustino c’è la grande occasione»

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 20, 2014 12:30
Ihnatsiuk Kseniya (testina)

Kseniya Ihnatsiuk

Il suo contributo alla causa del San Giustino Volley è indiscutibile, nella stagione in cui è passata da centrale ad opposta. E in qualche circostanza il tecnico Brighigna l’ha impiegata anche da schiacciatrice alla banda. Ha messo tutta la sua bravura a disposizione della squadra e quando salta per colpire con il braccio disteso emergono le doti di giocatrice con prerogative da categoria superiore. Eppure la giocatrice di origine bielorussa venuta dalla A2, riesce a essere persino severa nei confronti di sé stessa; è capitato che a volte, pur realizzando un numero anche consistente di punti (è sempre andata in doppia cifra), non si sia molto piaciuta e lo abbia fatto notare con l’atteggiamento classico di chi lavora con passione e con dentro il costante bisogno di migliorarsi. Sotto questo profilo, Kseniya Ihnatsiuk trasmette un ottimo esempio alle compagne in biancoazzurro e sul kappao di Ponte Felcino, nella prima volta da inizio stagione in le altotiberine hanno segnato il passo, non adopera mezzi termini: «Intanto, voglio fare un elogio alle nostre avversarie, che sono scese in campo senza incertezze, o comunque mostrando una bella dose di sicurezza tradotta poi in risultato pieno. Noi, invece sabato scorso non siamo mai entrate in partita; non eravamo insomma la squadra che siete abituati a vedere: capita a volte di perdere ma anche di notare che qualche singola abbia ugualmente tirato fuori una prestazione positiva. In questo caso no: nessuna si è espressa secondo il proprio standard e con il grado di intensità che si rendeva necessario». D’altronde, quando si sta in cima alla classifica è normale che ogni volta l’avversaria di turno dia il massimo. «Ma questo oramai lo sappiamo alla perfezione, è stato così anche a inizio campionato. La differenza sostanziale è che nel match di andata loro non avevano ancora trovato i giusti assetti; con la Biscarini ristabilita, con una Bucciarelli in forma dopo che in novembre era appena arrivata e con la Giuli al centro sono diventate molto più competitive. Al ritorno, siamo state noi a giocare male e quindi a perdere». Quanto stanno pesando i diversi infortuni sul rendimento della squadra? «Tantissimo. Non siamo mai state fisicamente al 100% e poi mettiamoci anche quell’alone di stanchezza che subentra con l’ingresso della primavera». Non vogliamo fare pronostici a media e lunga scadenza, ma pensare soltanto alla prossima partita. Quella attuale è forse la settimana più delicata, perché dopo una secca sconfitta e bisognapreparare al meglio la sfida casalinga al vertice contro la capolista Castiglione del Lago, che a sua volta proviene da uno stop a Città di Castello. Si dice che le vere squadre sono quelle che, dopo una prestazione negativa, sfoderano tutte le armi in loro possesso e si riscattano negli appuntamenti importanti. «Condivido in pieno l’analisi e mi auguro che così sarà. Non sto a disquisire sul fatto che il Castiglione del Lago possa essere o non essere la squadra più forte del campionato, però ha indubbiamente un punto di forza nella capacità di saper variare tutti i colpi e nel saper gestire l’errore, cosa che magari a noi un tantino manca. Ha una difesa molto efficace e allora noi dovremo attaccarla come al nostro solito; sono perciò sicura che chi verrà a vederci assisterà a una grande partita, con in palio il primato in classifica. Ed è proprio questo il regalo che vogliamo fare ai nostri sostenitori, cancellando subito la serataccia di Ponte Felcino».
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 20, 2014 12:30