La Sir Perugia esorcizza un altro tabù ed espugna Trento

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 16, 2014 21:11
Buti Simone (attacca)

Sir Safety in attacco di primo tempo col centrale Simone Buti

Un altro passo verso la storia! La Sir Safety Perugia sbanca in quattro set il Pala-Trento, sconfigge per la prima la Diatec Trentino, conquista la matematica certezza del terzo posto assoluto in classifica e raggiunge così un risultato mai conseguito in regular season nella pallavolo maschile perugina. Sono queste le tante belle notizie che arrivano dalla temuta trasferta che i ragazzi del presidente Sirci hanno interpretato al meglio, approfittando anche delle assenze in casa trentina del martelli Lanza e Ferreira. Anche Kovac ha variato qualcosa nel 6+1 abituale lasciando a riposo capitan Vujevic, non al meglio, e gettando nella mischia dal fischio d’inizio ‘Titanio’ Della Lunga, autore peraltro di una prestazione eccellente. Ma tutta la squadra ha girato al meglio, giocando i primi due parziali con il piede sull’acceleratore, conducendoli con autorità e chiudendo subito la ‘pratica terzo posto’ con un doppio 19 a 25. Nel terzo set la reazione dei padroni di casa si è fatta sentire, ma ancora una volta i bianconeri hanno dimostrato qualità e voglia di vincere portando a casa la quarta frazione e sigillando così il quinto successo consecutivo, il nono su dieci gare del girone di ritorno. Anche al Pala-Trento i terminali offensivi principali sono stati i due frombolieri serbi Petric e Atansijevic (rispettivamente 14 e 18 i punti a referto), ma a fare la differenza è stata soprattutto l’alta qualità in ricezione (66% di positività) ed al servizio (addirittura 9 ace, tre del solito Atanasijevic) ed un Semenzato in forma smagliante. ‘Iron’ ha chiuso con dodici punti e referto, con il 75% in attacco, un ace e cinque muri punto (dei dieci totali di squadra). È dunque ancora grande Sir nel campionato di serie A1 maschile con i tifosi bianconeri, presenti a bordo campo e sempre encomiabili nel supportare i giocatori con il loro incitamento, che alla fine hanno potuto festeggiare con i loro beniamini un traguardo davvero impensabile ad inizio stagione. Domenica prossima al Pala-Evangelisti il derby della pallavolo umbra con Città di Castello chiuderà la stagione regolare con spettacolo assicurato per tutti coloro che assieperanno le gradinate del palasport perugino. Poi saranno play-off con i block-devils che sfideranno la sesta classificata. Che sarà una tra Cuneo e Modena, divise da un punto e che si scontreranno proprio nell’ultima giornata, ma potrebbe essere anche Città di Castello che arriverebbe sesta in caso di vittoria piena a Perugia e concomitante sconfitta piena di Modena a Cuneo. Trento deve fare a meno dei martelli Lanza e Ferreira e schiera in zona-quattro De Paola e Fedrizzi. Kovac mette in campo la formazione tipo eccetto capitan Vujevic non al meglio e sostituito al via da Dore Della Lunga. Il primo punto del match è un diagonale stretto del capitano in campo bianconero ‘Drago’ Petric (0-1). Ancora Petric in contrattacco, Semenzato a muro e Buti al servizio per il primo break della sfida (0-4) con Serniotti che ferma subito il gioco. Entra in partita anche Atanasijevic con il colpo vincente del 3-7. Giocano bene i ragazzi del presidente Sirci che sfruttano il bel turno al servizio di Della Lunga per allungare fino al timeout tecnico (6-12). Una fiammata dei padroni di casa, con Fedrizzi e Sokolov, riduce le distanze (11-14). Semenzato e Petric fanno subito ripartire gli umbri (11-16). È sempre “Drago” a mettere a terra palloni per i bianconeri (16-21). L’ace di Atanasijevic consegna il set point alla Sir (18-24). Chiude l’errore dai nove metri di Fedrizzi.  L’errore di Fedrizzi ed il muro di Buti aprono il secondo parziale (0-2), ma Sokolov ed il muro di Solè impattano subito (2-2). Prodezza di Della Lunga in difesa che propizia il nuovo break bianconero (3-5). Semenzato va a segno a muro e poi anche al servizio per il 5-9 Perugia. La correlazione muro-difesa del sestetto di Kovac gira a dovere con il contrattacco di Petric e l’ace di Atanasijevic che scavano un solco importante (10-16). Della Lunga mette a terra palloni importanti sia da posto quattro che da posto due (14-21), ma Trento non molla e si avvicina con l’ace di Birarelli ed il muro di Fedrizzi (17-21). Petric, sempre lui, rimette la prima nella metà campo bianconera (17-22). Atanasijevic sigilla i punti numero 23 e 24 portando al set point i suoi. È Della Lunga in pipe a mettere a terra il pallone che chiude il secondo set e consegna la certezza del terzo posto alla Sir. Nella terza frazione Trento presenta in regia Sintini e Burgsthaler al centro, Kovac presenta Barone per Buti. Avvio all’insegna dell’equilibrio con Petric che segna il punto del 4-4. Il muro di Barone ed il contrattacco di Della Lunga portano avanti i perugini (7-8). Il gioco si ferma per la sospensione obbligatoria dopo l’errore al servizio di Fedrizzi (10-12). Lo stesso Fedrizzi si riscatta ed impatta a quota 14. Fiammata dei padroni di casa trascinati da Sokolov (16-14), con Kovac che decide di parlarci su chiedendo time-out. È una chiacchierata proficua perché Atanasijevic e Barone ristabiliscono subito la parità (16-16). Nuovo break per Trento (19-17), nuova rimonta bianconera con Semenzato a muro (19-19) ed ancora break trentino sempre con Sokolov e Fedrizzi (22-19). È l’allungo giusto per i campioni d’Italia che chiudono con il solito Sokolov. Avvio scoppiettante di quarto set con grande spettacolo in campo. Break di Trento con i muri di Birarelli (6-4). Il turno al servizio di Petric capovolge la situazione con il muro di Semenzato che firma il 6-8. Atanasijevic spettacolare in difesa e premiato dal muro di Barone (7-10). L’errore del neo entrato Van Dijk porta al timeout tecnico (10-12). Petric chiude tre colpi consecutivi da posto quattro ed il muro di Semenzato a muro dà il +5 alla Sir (11-16). Grande scambio chiuso da Atanasijevic e Perugia mantiene inalterato il margine (13-18). I neo entrati Mitic e Cupkovic danno linfa ai bianconeri che con Petric trovano il 17-23. Atanasijevic tira nei tre metri ed è match point (18-24). Il servizio in rete di Fedrizzi fa scorrere i titoli di coda.
DIATEC TRENTINO – SIR SAFETY PERUGIA = 1-3
(19-25, 19-25, 25-21, 19-25)
TRENTO
: Sokolov 22, Fedrizzi 11, Birarelli 9, De Paola 6, Solé 3, Suxho 1, Colaci (L), Burgsthaler 2, Sintini 1, Van Dijk 1, Thei. N.E. – Mazzone. All. Roberto Serniotti e Roscini.
PERUGIA
: Atanasijevic 18, Petric 15, Semenzato 12, Della Lunga 10, Buti 4, Paolucci 1, Giovi (L1), Barone 6, Cupkovic, Mitic. N.E. – Vujevic, Della Corte, Fanuli (L2). All. Slobodan Kovac e Carmine Fontana.
Arbitri: Marco Braico (TO) e Gianni Bartolini (FI).
DIATEC (b.s. 13, v. 2, muri 11, ricezione positiva 42%, ricezione perfetta 24%, attacco 41%, errori 17).
SIR SAFETY (b.s. 11, v. 10, muri 9, ricezione positiva 66%, ricezione perfetta 40%, attacco 49%,  errori 15).
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley marzo 16, 2014 21:11