Magione spaventa San Giustino, che si salva al tie-break

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Aprile 28, 2014 00:01
San Giustino Volley (abbraccio)

le ragazze del San Giustino Volley si abbracciano

L’Avis Magione, che non a caso aveva strappato un punto al Chiusi e battuto il Città di Castello, si ripete anche contro il San Giustino Volley. Anzi, la formazione di Montazemi, che crede giustamente in una salvezza della quale è ampiamente meritevole, mette le mani sul colpaccio al palasport, portandosi sul 2-0 e costringendo le biancazzurre a tirar fuori rabbia agonistica e carattere per ribaltare la situazione e aggiudicarsi al tie-break due punti importanti, che tuttavia lasciano aperti i punti interrogativi sul piazzamento finale in classifica. Francesco Brighigna è costretto ancora a fare di necessità virtù: fuori di fatto anche Noemi Polimanti per un problema fisico (solo un cambio a fine secondo set per la schiacciatrice di Umbertide), oltre ad Angelica Nuti, il coach schiera titolare a lato un’ammirevole Greta Ottaviani, che resiste per più di due ore dopo essere rimasta tre mesi ai box. La regista Lucrezia Brunetti appoggia molto il gioco sull’opposto Kseniya Ihnatsiuk (25 punti) e sulle centrali Arianna Luciani (grande protagonista con un 22 nello score personale) e Valentina Morelli (9), mentre dall’altra parte è la laterale Francesca Medda a suonare la carica fin dall’inizio, con tre attacchi che portano Magione sul 4-0 d’acchito a inizio gara; la risposta di San Giustino è comunque immediata e grazie anche a una doppia in palleggio la situazione è ribaltata sul 9-7. A questo punto, le ospiti fanno leva sul gran lavoro in difesa per tornare a condurre sull’11-14 e rimanervi fino al 16 pari. Piccoli strappi dell’Avis e repliche immediate delle padrone di casa, che rimettono la testa avanti sul 21-20 per poi andare incontro al black-out che costa la perdita del set: parziale di cinque a zero con la mano della Medda, l’ace della Bertinelli e l’attacco sulla rete della Ottaviani per il vantaggio del Magione. Che non molla nemmeno nella frazione successiva, quando sotto (9-13) riesce a colmare il ritardo e a passare sul 14-13 per una schiacciata della Ihnatsiuk sulla quale l’arbitro non vede il tocco del muro. Ma San Giustino ha un’arma in più chiamata Arianna Luciani: sul 16-14, la decisione contestata del primo arbitro su una palla contesa sembra cambiare di nuovo il vento, non fosse per la reazione che porta San Giustino dal 18-20 al 23-20 con la Ihnatsiuk mattatrice. Quando pare fatta, un paio di murate e un errore in attacco riportano il Magione in bazzica: ai vantaggi, l’errore in battuta della Morelli orienta l’ago della bilancia in favore delle lacustri, che piazzano di precisione il punto del raddoppio. Pizzicata nell’orgoglio, la compagine di Brighigna stringe i tempi in un terzo set senza storia, nel quale anche il muro comincia a produrre i primi effetti: dal 9-4 si passa al 12-5 e due ace della Ottaviani fanno capire che la riscossa è già in atto. Il divario cresce sempre più: anche la Rosi punge in battuta e in breve tempo le distanze sono dimezzate. Il quarto set diventa fondamentale e San Giustino ha il merito, pur non brillando in avvio, di tenere sull’equilibrio le sorti; sul turno in battuta della Ihnatsiuk, una doppia in palleggio produce il 7-4 e un +3 che le atlete locali gestiranno con raziocinio per poi prendere il via sul muro vincente della Luciani ai danni della Orsini: San Giustino va sul 17-12 e aggiusta la propria difesa, con il libero Giada Carrai provvidenziale in qualche intervento. Il controllo della situazione non sfugge più: un muro e una doppia in palleggio suggellano il due pari di San Giustino. Sarà dunque il tie-break a fare la differenza, con un andamento “punto a punto” che persiste fino al cambio campo: un primo tempo della Luciani e due palloni ben piazzati dalla Ihnatsiuk tengono avanti San Giustino, che gira sull’8-7 e in questo frangente si decide la sfida, perché sul 9-7 la Cardinali si becca un cartellino rosso (aveva inveito a indirizzo del direttore di gara) e l’ace a fil di riga sul fondo della Ihnatsiuk costa per proteste un secondo rosso all’allenatore Montazemi. Sul 12-8, gara in discesa per San Giustino, che giunge alla chiusura con l’ennesima doppia in palleggio fischiata alle avversarie, con un sigillo della Luciani e con una invasione su una palla attaccata alla rete. Un sospiro di sollievo per la Morelli e compagne, in vista dell’impegno conclusivo della stagione regolare, sabato prossimo a Perugia contro Monteluce. Scarica lentamente la tensione il tecnico Francesco Brighigna accoglie con soddisfazione la conquista dei due punti: «A dire il vero anche nel secondo vi erano stati segnali importanti, ma credo che a determinare la sconfitta nella frazione abbiano concorso in piccola misura anche altri fattori sui quali non mi soffermo. A livello complessivo, la squadra era scesa in campo anche stavolta con i soliti problemi che ci affliggono da inizio anno e voglio a questo proposito sottolineare la prestazione della rientrante Greta Ottaviani, che ha tenuto per cinque set e dato un importante contributo. Ci stava di perdere il primo set, non ci stava di perdere il secondo; poi, però, è riemerso il temperamento delle ragazze, brave nel non farsi prendere dallo sconforto e nel capire sia di essere più precise in difesa e a muro, sia di osare un tantino di più in attacco». E adesso, due giornate decisive per la griglia dei play-off, con il San Giustino che starà alla finestra l’ultima giornata. «Ci attende la trasferta conclusiva sul campo del Monteluce, che al momento è la squadra più in forma di tutte, poi vedremo: è vero, rischiamo di finire quarti proprio in dirittura di arrivo dopo essere stati sempre a cavallo fra il primo e il secondo posto. Non sarebbe di certo una giusta gratifica per noi».
SAN GIUSTINO VOLLEY – AVIS MAGIONE = 3-2
(21-25, 25-27, 25-10, 25-18, 15-12)
SAN GIUSTINO: Inhatsiuk 25, Luciani 22, Ottaviani 9, Morelli 9, Rosi 4, Brunetti 3, Carrai (L1), Polimanti, Leminci. N.E. – Fabbri, Gobbi, Moretti, Morgia (L2). All. Francesco Brighigna e Paolo Volpi.
MAGIONE: Medda 15, Cardinali 8, Monti 8, Nucciarelli 8, Alessandrini 6, Bertinelli 3, Favilli (L1), Orsini 5, Valeri, Lustri (L2). N.E. – Arcioni, Cesarini. All. Puya Montazemi e Silvia Tamburi.
Arbitri: Daniela Morini e Chiara Santucci.
SAN GIUSTINO (b.s. 11, v. 6, muri 7, errori 28).
AVIS (b.s. 2, v. 5, muri 9, errori 37).
(fonte San Giustino Volley)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Aprile 28, 2014 00:01