Una Sir Perugia indomabile conquista lo spareggio

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Aprile 16, 2014 23:30
Sir Safety Perugia (vittoria)

la gioia incontenibile della Sir Safety Perugia e del Pala-Evangelisti per la vittoria

I conti rimangono aperti nella semifinale, la Sir Safety Perugia vince ancora in un Pala-Evangelisti gremito da seimila anime stipate in ogni angolo e rimanda il verdetto, per sapere chi sarà la finalista ci vuole la ‘bella’. Affonda in gara-quattro la formazione della Copra Elior Piacenza apparsa meno determinata e convinta del solito, dato evidente nel muro nel quale non c’è stato lo schiacciante dominio delle prime tre gare (10 contro 16). Perugia colpisce ancora e prosegue la sua avventura in post season facendo leva sulla sua straordinaria ricezione 62% di efficienza e sulla gestione di una panchina dove la staffetta Mitic-Paolucci ed il supporto di Fanuli in seconda linea hanno dato il loro fattivo contributo. I padroni di casa giocano la partita del cuore e tornano a dare un dispiacere ai rivali pareggiando i conti nella serie che sarà decisa all’ultima partita. Un match che in avvio da la sensazione di grande nervosismo con due attacchi fuori di Atanasijevic (che poi metterà a terra nove palloni in apertura) e due richieste di video-check che danno ragione agli arbitri (0-2). Gli errori sono tanti, più dello standard sia da un lato che dall’altro, ma Perugia ne commette proprio tanti e va sotto (7-12). Qui accade quello che tutti si aspettano, Atanasijevic va a fondo campo e spara fucilate terrificanti che impattano con un break di cinque punti consecutivi, di cui due ace, e permette il rovesciamento della situazione (18-15). La ricezione ospite è in bambola (un esiguo 20% la fotografa in maniera inequivocabile) ma Monti decide di cambiare Vettori con Le Roux sul 20-16 mentre Kaliberda fa capolino un attimo per dare respiro a Zlatanov. Tutto inutile perché i block-devils vanno in progressione e siglano il vantaggio. Alla ripresa è ancora Piacenza ad uscire meglio dai blocchi, Simòn prende in mano la squadra e cerca la fuga, non senza un pizzico di fortuna sfruttando nastri befferdi al servizio (4-9). Il trend stavolta rimane tale e i regali dei locali costringono Kovac a cercare la svolta con Paolucci che viene gettato nella mischia sul 6-13. Nonostante il gioco non brillante gli uomini del presidente Sirci non crollano sino al 14-18 ma poi incappano in alcune ingenuità e la girandola di sostituzioni operata dalla panchina perugina a nulla serve contro un rianimato Vettori (otto colpi vincenti). Inevitabile il pareggio. La terza frazione comincia con Paolucci in regia e con i block-devils presenti su ogni palla (8-4). Petric è inarrestabile e allarga il divario con attacchi e muri che rendono vani gli ingressi di Kaliberda e Tencati (12-5). La reazione ospite si scorge con Vettori che comincia ad imbroccare ma è la dea bendata ad aiutare la Copra a non perdere contatto con altri nastri che beffano a ripetizione i padroni di casa (17-14). La potenza di Simòn fa tremare gli astanti ma sul 23-21 Vujevic (mvp del match) toglie le castagne dal fuoco e procura tre set-point. Due sono annullati e Piacenza ha pure la possibilità di agganciare ma il tentativo è un errore di Kaliberda che sancisce il due ad uno. Nel quarto frangente di gioco gli ospiti confermano Kaliberda in campo per Papi e Smerrilli nel ruolo di libero. C’è un certo equilibrio stavolta con le antagoniste che avanzano a braccetto, sul 9-10 è sempre Atanasijevic che in battuta trova tre punti consecutivi che mandano la Sir a +2 al time-out tecnico ma Simòn risponde per le rime e controsorpassa. Sul 14-14 ricade male da un salto Kaliberda che abbandona il campo ma c’è pronto Papi a riprendere il suo posto. Giovi si prodiga in difesa e salva una moltitudine di palloni ma poi i perugini pasticciano e tornano ad inseguire, inclusa una palla lasciata cadere senza provarci (15-19). Nessun sussulto sino al muro di Simòn che rinvia il verdetto. Al tie-break in campo c’è Fanuli ma Perugia parte schiacciando il pedale del gas (3-0). Paolucci fallisce la palla del possibile 6-2 e Piacenza torna a far sentire pressione. La Sir non perde lucidità, Fanuli in difesa è un gatto e Vujevic concretizza l’8-4 al cambio di campo. Due ace di Paolucci scrivono il 10-4. Gli ultimi punti sono un crescendo di ovazioni. Tutti in piedi per la vittoria che arriva sull’attacco di Petric e fa esplodere la gioia incontenibile. Ci sarà dunque lo spareggio, la quinta sfida è in programma lunedì 21 aprile alle ore 17,30 al Pala-Banca ed in diretta su Rai Sport 1. I tifosi perugini sono già in fermento per seguire la squadra nel giorno di Pasquetta in questa ennesima battaglia. Gli emiliani, che non avevano mai perso con i block-devils sino ad otto giorni fa, cedono ancora e fanno emergere alcune insicurezze che prima non avevano, adesso le quotazioni sono per lo meno in parità, ma Piacenza teme la Sir.
SIR SAFETY PERUGIA – COPRA ELIOR PIACENZA = 3-2
(25-20, 18-25, 25-23, 19-25, 15-8)
PERUGIA: Atanasijevic 21, Petric 18, Buti 11, Vujevic 10, Barone 6, Mitic 3, Giovi (L1), Della Lunga, Paolucci, Cupkovic, Fanuli (L2). N.E. – Semenzato, Della Corte. All. Slobodan Kovac e Carmine Fontana.
PIACENZA: Vettori 25, Zlatanov 16, Simòn 8, Papi 7, Fei 5, De Cecco 3, Marra (L1), Tencati 6, Le Roux 2, Kaliberda 2, Smerilli (L2). N.E. – Husaj, Partenio. All. Luca Monti e Davide Alessandro Delmati.
Note – Spettatori 6’000.
Durata dei set: 28’, 25’, 32’, 28’, 18’.
Arbitri – Luca Sobrero (SV) e Stefano Cesare (RM).
SIR SAFETY (b.s. 17, v. 6, muri 10, errori 10).
COPRA ELIOR (b.s. 13, v. 7, muri 16, errori 18).



Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Aprile 16, 2014 23:30