Considerazioni sul mercato della Sir Perugia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 14, 2014 16:00
Lisinac Srecko

Srecko Lisinac

Mentre i giornalisti di mezza Italia cercano di fare lo scoop ed anticipare i movimenti di mercato delle squadre di pallavolo, spesso seguendo le voci dei tifosi che scrivono le loro fantasie nel social media, vale la pena fare delle considerazioni da persone competenti del settore. C’è grande fermento alla Sir Safety Perugia che sarebbe anche intenzionata a confermare alcuni elementi in maglia bianconera ma deve fare i conti con la concorrenza. Macerata e Modena sono le società che hanno le maggiori disponibilità e che hanno cominciato a fare la ‘guerra’ ai block-devils. Dopo aver fatto vanamente la corte ad Aleksandar Atanasijevic le due antagoniste dei perugini si sono concentrate su Nemanja Petric che, alla fine ha optato per gli emiliani. Detto che il centrale Simone Buti ha ancora un anno di contratto, le intenzioni sono rivolte al libero Andrea Giovi, lo schiacciatore Goran Vujevic ed il palleggiatore Adriano Paolucci. La competitività della squadra è già elevata con un Luciano De Cecco in cabina di regia, ma di certo se arrivasse un altro schiacciatore di peso sarebbe davvero una squadra competitiva non solo sul fronte nazionale ma anche in champions league. Va da sé che i martelli hanno un costo superiore ai centrali ed il presidente Gino Sirci ha più volte detto di non voler fare pazzie. A questo punto, con l’obbligo da regolamento di giocare con tre italiani in campo, la scelta di puntare su libero e centrali di casa nostra appare quanto mai la più praticabile. L’obiettivo principale nel mirino del d.s. Benedetto Rizzuto dovrebbe essere il centrale Thomas Beretta che si è liberato da Modena ed è di proprietà di Monza (neopromossa in A1 da pochi giorni). Difficile pensare che l’azzurro sia trattenuto dal team lombardo e molto più probabile una collocazione in un team di alto livello, rimane dunque Perugia una delle poche scelte per lui. Sul versante schiacciatori le ipotesi che vengono abbozzate sono tante, posto che Matey Kaziyski è il sogno proibito e che negli ultimi sette anni non si è mai separato dal tecnico Radostin Stoytchev, pare oltremodo fuori portata anche a livello economico. Molto più a buon mercato, e comunque di buon livello, il tedesco Christian Fromm e lo sloveno Klemen Cebulj, dai quali rispettivamente Città di Castello e Ravenna non vorrebbero separarsi. Ma non tutto appare scontato, infatti la Sir ha già messo le mani sul centrale serbo Srecko Lisinac che doveva arrivare lo scorso anno e che poi è finito a Berlino con cui pochi giorni fa si è laureato campione di Germania. Questa ultima opzione complicherebbe qualcosa nella gestione della squadra in campionato perché significherebbe trovare un posto-quattro italiano che capitan Vujevic, giocando da straniero, non può sostituire. Fatta la doverosa chiarezza sul regolamento, non rimane che attendere cosa uscirà dal cilindro della dirigenza perugina.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley maggio 14, 2014 16:00