Chiusi sbanca Spoleto e rimanda il verdetto

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Giugno 8, 2014 21:29
Di Marco Andrea (attacca)

attacco del chiusino Andrea Di Marco e muro degli spoletini Giovanni Ceccarelli e Cristian Vigilante

Al termine di una prestazione da guinness dei primati la Emma Villas Chiusi passa al Pala-Rota e pareggia i conti nella serie della finale play-off di serie B2 maschile. Ci vorrà lo spareggio per sapere chi sarà ad essere promossa e la Monini Spoleto mercoledì dovrà tornare in trasferta per l’ennismo confronto che si annuncia infuocato. I toscani, messi alle corde nella prima partita, riescono a togliersi dall’angolo andando in vantaggio ma poi subiscono la rimonta degli umbri e per imporsi nel secondo atto devono ricorrere al tie-break. Una cornice di pubblico fantastica con circa mille spettatori (circa trecento ospiti) che hanno fornito un colpo d’occhio eccezionale in un match senza ombra dubbio di categoria superiore e con la pregevole iniziativa del club locale che ha distribuito a tutti gli intervenuti dei gelati omaggio. Al fischio d’inizio le squadre in campo sono quelle annunciate, nessuna variazione sul tema con i due tecnici che danno fiducia al consueto modulo e ai soliti titolari. Si gioca in una bolgia infernale, pubblico delle grandi occasioni e temperature africane, è una finale e c’è pure l’eccitazione a complicare le cose in un duello che si protrarrà per tre ore. Si parte con Scappaticcio che cerca insistentemente gli schemi di primo tempo ma i padroni di casa trovano il break grazie alla battuta incisiva, due gli ace, e volano sul 10-7. La reazione è progressiva ed il gap viene annullato da un muro di Braga che aggancia (14-14). Spoleto riparte ma gli ospiti finalizzano con Bittoni e Romani (cinque palle a terra in apertura) e riescono a mettere per un attimo il naso avanti. Sul 19-19 Giannini getta nella mischia Santilli e Bregliozzi, ma i cambi non sortiscono effetti. Stessa cosa per Costanzi che rileva a muro Torre. È invece Pasquini a piazzare l’allungo con due mani e fuori e Scappaticcio mura Lattanzi procurandosi tre palle-set, l’errore di Vigilante in attacco vale il vantaggio. Si riprende a giocare con stessa intensità e con gli oleari che prendono il comando delle operazioni sfruttando Ceccarelli, le due lunghezze sono riprese per merito di uno straripante Bittoni che rimette in asse (7-7). Si avanza a braccetto con Torre che trova in Vigilante un punto di riferimento e lo sfrutta a dovere ma il break è ancora recuperato dai leoni col muro, prima Romani e poi Di Marco, che trova le misure (15-18). La ricezione locale salta sul turno di battuta di Romani (altri otto sigilli per lui in questo set) che con due ace scrive il 16-22. La girandola di sostituzioni biancoverde è solo un palliativo per attendere il raddoppio che arriva di nuovo su errore di Vigilante che sbaglia misura. Nella terza frazione la partenza degli uomini di coach Giannini è migliore e la Monini sembra arrancare, almeno sino al 5-8. Basta un guizzo di Vigilante che, se non sbaglia, continua ad essere incontenibile in attacco, a riportare equilibrio (10-10). Dalla parte opposta anche Romani ha la spalla calda ed infligge punizioni a ripetizione, Chiusi prova il secondo strappo ma l’ingresso di Musco da nuova linfa alla Monini che rimette in asse (15-15). Il punteggio non si sblocca, si avanza punto a punto e si profila un arrivo allo sprint, sul finale è proprio Musco a sfruttare una ricezione slash che assicura due set-point ma Romani infila la doppietta e li annulla (24-24). A risolvere ai vantaggi è un diagonale di Vigilante che accorcia le distanze. Il quarto periodo non fa differenza dai precedenti con botta e risposta, il muro ospite porta avanti e l’attacco di Vigilante rimette in asse (11-11). S’ingaggia uno spalla a spalla prolungato, la difesa di Pochini salva qualche pallone importante ma le formazioni rimangono incollate (18-18). Il break arriva con Bittoni che porta avanti di due ma poi Spoleto, con Torre al servizio, ne infila quattro e rovescia (22-20). Tutto da rifare quando Bittoni trova l’ennesima parità sul 23-23, e si va per un’altra volata. Decisivo stavolta è l’errore in attacco di Romani che rinvia il verdetto. Al tie-break le emozioni non finiscono, ma la stanchezza si fa sentire dopo oltre due ore e mezza di gara e gli atleti commettono qualche errore in più (6-6). Prima del cambio di campo Chiusi riesce a portarsi avanti ma sul 9-11 si vede assegnare un cartellino rosso alla panchina e poi due errori di Romani invertono (13-12). Spoleto ha a disposizione due palle per la promozione ma vengono annullate e l’errore di Vigilante fa scoppiare la festa della Emma Villas.
MONINI SPOLETO – EMMA VILLAS CHIUSI = 2-3
(21-25, 19-25, 28-26, 27-25, 18-20)
SPOLETO:  Vigilante 32, Ceccarelli 16, Lattanzi 10, Segoni 13, Torre 3, Battistelli 1, Marchetti (L1), Musco 3, Grechi, Costanzi, Trombettoni. N.E. – Preziosi, Santini (L2). All. Riccardo Provvedi e Luca Arcangeli Conti.
CHIUSI: Romani 28, Bittoni 23, Di Marco 11, Braga 9, Pasquini 5, Scappaticcio 2, Pochini (L1), Urbani 2, Bartolucci, Santilli, Bregliozzi. N.E. – Pellegrini. All. Romano Giannini e Massimo Marchettini.
Note – Spettatori 1’000.
Durata dei set: 32’, 31’, 36’, 38’, 28’.
Arbitri: Angelo Raffaele Calabrese e Carlo Micali..
MONINI (b.s. 24, v. 4, muri 12, errori 18).
EMMA VILLAS (b.s. 19, v. 7, muri 8, errori 15).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Giugno 8, 2014 21:29