Altotevere Città di Castello: presentato coach Montagnani

Pianeta Volley
By Pianeta Volley luglio 10, 2014 16:51
Montagnani-Ioan-Gustinelli

Paolo Montagnani, Arveno Ioan e Valdemaro Gustinelli in un momento della presentazione

L’Altotevere Città di Castello di serie A1 maschile ha presentato ufficialmente il nuovo allenatore, Montagnani. Con lui al tavolo dei relatori c’erano il direttore sportivo Gustinelli ed il presidente Arveno Ioan che ha così salutato i presenti: «Do il benvenuto a Montagnani e nel contempo ringrazio Radici per il lavoro svolto in questi sette anni. Mi ricordo ancora nel 2011 il tie-break tra Città di Castello e il Padova allenato da Montagnani, vincemmo ma fu per entrambe un trampolino di lancio verso altri successi. Mi preme sottolineare che i successi della squadra non saranno la vittoria del campionato, ma quelli guadagnati ogni domenica sul campo e ogni giorno. La nuova stagione è importante e determinante per il futuro. Si gioca al palazzetto di Sansepolcro e per questo ringrazio l’amministrazione comunale biturgense per l’accoglienza, ma chiedo sostegno anche da San Giustino e Città di Castello perchè bisogna andare oltre i confini del singolo comune per la continuazione del progetto, è importante il sostegno di tutte le città per rendere la valle importante a livello nazionale e mondiale. Sono contento di Montagnani perché non sono solo i giocatori a voler venire da noi ma anche gli allenatori. Parte una nuova avventura, forte dell’esperienza accumulata negli anni scorsi, sicuramente completata dalla presenza di Vittorio Sacripanti. La parte economica, la liquidità è importante ma non fondamentale; da noi ci sono pochi soldi ma tanta buona volontà e soprattutto tanta capacità da parte dei dirigenti e tanto affetto dei tifosi che costantemente seguono la squadra. Mi preme annunciare anche che Antonello Cardellini sarà il team manager nella prossima stagione». Chiamato in causa il nuovo allenatore Paolo Montagnani si è mostrato felice: «Sono contento di essere qui per molti motivi, Altotevere era l’ultima panchina libera della Superlega A1, c’erano tanti allenatori in lizza ma alla fine la scelta della società è ricaduta su di me. Questo è per me uno stimolo importante. La correttezza dul club traspare e si vede. Le mosse di mercato, prima del mio arrivo, sono state ben pensate e successivamente sono state fatte delle buone scelte, condivise da tutti. Per ora sono contento della squadra anche se ci sono ancora tasselli da sistemare per quanto riguarda la formazione e lo staff tecnico. Ricordo anche io quel famoso tie-break, l’ambiente caldo che da avversari non è piacevole, ma non vedo l’ora di godermelo ora! Il primo raduno sarà il 21 agosto, quando si faranno visite mediche e test fisici poi dal lunedì successivo si comincerà il lavoro in palestra». Il d.s. Valdemaro Gustinelli ha sottolineato l’importanza e il lavoro egregio fatto dalla società: «Nonostante tutte le importanti partenze andiamo avanti con serietà e professionalità. Questa presentazione fa iniziare ufficialmente la stagione, scegliere l’allenatore non è stato facile, perchè è più difficile valutarne le competenze rispetto a un giocatore. I pretendenti erano divisi tra allenatori di nome e di grido che possano coprire le difficoltà di logistica oppure un allenatore che fosse un gran nome e un gran lavoratore: Paolo è del secondo blocco, la sua miglior qualità è che è un gran lavoratore Ci sono tante novità per quello che riguarda la squadra: Antonio Corvetta sarà insieme a Paolo un punto di riferimento e una pietra miliare, si riparte da lui in campo e da Paolo in panchina, Antonio sarà il futuro capitano della squadra. Oltre ai due estoni (Teppan opposto e Aganits centrale) è in dirittura d’arrivo anche Daniele Mazzone anche se ci sono problemi di cartellino. Altre conferme oltre Corvetta sono quella di David Lensi, Federico Tosi ed Alessandro Franceschini come terzo centrale. Ludovico Dolfo sarà nostro anche per la prossima stagione ma può essere che giocherà altrove. Manca il cosiddetto bomber, ma l’iscrizione ha portato a dover fare altri sacrifici economici. Gert Van Walle ha rescisso consensualmente il contratto biennale con grande signorilità perchè non era possibile mantenere le stesse condizioni. È infine in corso la trattativa con Goran Maric, ma non sarà l’opposto di ruolo, casomai farà parte del gruppo dei quattro schiacciatori». Nel frattempo Della Lunga è a tutti gli effetti un giocatore biancorosso. Nato ad Ancona il 25 luglio 1984, è cresciuto in quella fucina di talenti che è stata Falconara con cui ha mosso giovanissimo i primi passi in A1 e in A2 dal 2005 al 2012, salvo una breve parentesi a Verona, il giocatore marchigiano ha fatto parte dell’organico del Trento con cui ha praticamente vinto tutto (2 scudetti, 2 champions league, 2 mondiali per club, 1 supercoppa italiana ed 1 coppa Italia). Passato poi a Cuneo ed infine a Perugia dove è stato spesso chiamato in campo per rafforzare i fondamentali di seconda linea. È proprio lui a confermare che questa era la sua prima scelta. «Anche quest’anno ho atteso la decisione della società che detiene il mio cartellino – afferma Dore Della Lunga –, ma avevo già fatto presente che l’Altotevere era la mia prima scelta. Sono stracontento di rimanere in Umbria, di questa società ho parlato con Corvetta che conosco da tanti anni ed avevo anche espresso ad altri team che mi avevano cercato il desiderio di venire qua. L’accordo ha soddisfatto tutti ed ora eccomi pronto per questa nuova avventura. L’anno scorso con Perugia vincemmo almeno una volta con tutti meno che con Città di Castello che è stata una squadra che ha ottenuto risultati al di sopra delle aspettative; anche quest’anno la società si sta muovendo bene, è arrivato Randazzo che cercavano in molti ed altre mosse sono attese. Non conosco personalmente coach Paolo Montagnani di cui mi hanno parlato in termini lusinghieri, speriamo di fare una grande stagione».
(fonte Altotevere Città di Castello)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley luglio 10, 2014 16:51