La disamina del momento no in casa Sir Perugia

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 27, 2014 17:45
Sir Safety Perugia (curva)

gli atleti della Sir Safety Perugia con la curva dei tifosi sullo sfondo (foto Michele Benda)

È il momento di serrare le fila. Senza cadere nella trappola dei risultati, ma con la doverosa analisi da fare dopo due sconfitte consecutive. E fare tutto in fretta perché mercoledì sera è di nuovo già ora di tornare in campo per la terza giornata di Superlega maschile. Può riassumersi così il lunedì post Trento della Sir Safety Perugia. Un lunedì che certamente lascia l’amaro in bocca a chi ha a cuore le faccende di casa bianconera. La sconfitta contro Trento, dopo aver sciupato un vantaggio di due set, ha di fatto sancito un po’ il trend di questo avvio di stagione per i ragazzi di Grbic. Un avvio di stagione, contro due avversarie di primo livello, nel quale la Sir ha certamente dimostrato di avere i numeri per competere appunto con quel gruppo di formazioni sulla carta favorite. Può sembrare in contrasto questo discorso dopo due battute d’arresto ed un solo punto attuale in classifica, al contrario deve essere questa la base per Grbic per far lavorare il gruppo in prospettiva Latina, prossima avversaria mercoledì sera 29 ottobre alle ore 20,30. Perché sia con Modena che con Trento i block-devils all’inizio hanno giocato una bella pallavolo. In particolare ieri sera in un gremito Pala-Evangelisti (che spettacolo a proposito che hanno offerto ad ogni scambio l’impianto di Pian di Massiano e la neonata ‘Curva Stefan Vujevic’ cuore dei Sirmaniaci), nonostante la defezione di Giovi egregiamente sostituito da Fanuli, la squadra ha lottato con carattere, buone trame e fluidità di gioco, qualità al servizio ed in contrattacco. Migliorando anche in questo senso rispetto alla gara di Modena. Poi, come a Modena e senza voler addentrarsi in discorsi di ordine tecnico-tattico e di uomini in campo, la squadra ha subito un calo, figlio ovviamente anche dei meriti dell’avversario. Ma proprio ieri si è avuta l’impressione che il livello della Sir scenda, sia a livello di singoli che di gioco d’insieme, facendo emergere quelli che al momento sembrano essere i problemi di assemblaggio di un gruppo che sta cercando i suoi punti di riferimento e le sue sicurezze quando la cose in campo non vanno bene. È un processo di crescita obbligatorio per le formazioni che cambiano diversi giocatori all’interno del rettangolo di gioco, la cosa più difficile da allenare durante la settimana perché si acquisisce solo stando in campo durante le partite vere. E se le perdi, come capitato ai ragazzi nelle prime due gare, il processo di cui sopra subisce un rallentamento. Per questo l’unica, la sola medicina in questi casi è trovare la prima vittoria stagionale. Questo probabilmente avrà detto oggi Grbic in palestra ai suoi giocatori in vista di Latina, altro match parecchio complicato in casa di una formazione, con l’ex Semenzato in campo, che si è molto rinforzata rispetto all’anno passato. Sarebbe stato meglio un altro tipo di avversario? Forse si, ma forse invece è meglio un osso duro, un match duro. Perché potrebbe, in caso di affermazione, far aumentare il livello di sicurezze della squadra. L’umore ieri sera, di tifosi, società, staff tecnico e giocatori, non era ovviamente dei migliori. Ma lo sport insegna che alle volte serve poco, una scintilla, una partita, per cambiare pagina e la storia di una stagione. Stagione che è appena iniziata per la Sir. Non come tutti si aspettavano, questo è fuori discussione, ma con ancora tanta strada da percorrere. Mercoledì sera a Latina sarà un altro match con una sua storia. Che potrebbe, in caso di vittoria, consegnare alla Superlega tutta un’altra Perugia. E dove i bianconeri dovrebbero avere al seguito ancora una volta i propri tifosi. Nonostante il giorno lavorativo e tutte quindi la problematiche conseguenti, i Sirmaniaci stanno organizzando la trasferta per poter essere al fianco dei loro ragazzi per questo impegnativo incontro. A proposito di organizzazione delle trasferte, a partire da quella di Padova in programma domenica 2 novembre, la società comunica il referente e punto di riferimento, per informazioni ed eventuali prenotazioni, in Romeo Maggi, raggiungibile al 348-0530985 ed anche sul profilo personale facebook. Romeo, in alternativa ed allo stesso tempo di concerto con il gruppo dei Sirmaniaci, si occuperà di tutti coloro che vorranno seguire i perugini in trasferta non facenti parte del gruppo della tifoseria organizzata.
(fonte Sir Safety Umbria Volley Perugia)

Curva Stefan Vujevic (targa)

la targa sulla Curva Stefan Vujevic (foto Michele Benda)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Ottobre 27, 2014 17:45