La Sir Perugia si fuma i turchi di Ankara

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 6, 2014 23:22
Maruotti-Buti (muro)

Ankara in attacco con Osmany Juantorena e Perugia a muro con Gabriele Maruotti e Simone Buti (foto Michele Benda)

Torna protagonista al Pala-Evangelisti la champions league maschile, che aveva fatto capolino nella stagione 2005-2006, mentre quella femminile era assente dall’edizione 2008-2009. Il cammino della Sir Safety Perugia passa per una squadra turca. Ed è la squadra vice campione della competizione ad inchinarsi allo strapotere bianconero. Il primo dei sei atti previsti nel girone preliminare sorride alla formazione dei block-devils che balza subito al comando della classifica in virtù del tie-break tra i belgi Maaseik ed i francesi del Tours. L’esordio della DenizBank Champions League maschile è un trionfo per una Sir Safety Perugia priva di Giovi (ancora indisposto a causa di un problema muscolare agli addominali). I turchi della Halk Bank Ankara giunti in Italia con una formazione al gran completo, non riescono a domare l’entusiasmo della debuttante. La compagine del presidente Gino Sirci lotta, soffre e vince. Spunti positivi si sono visti a muro (dodici punti – tre di Beretta e tre di Buti), oltre che in battuta (dieci gli ace di cui cinque di Fromm). A fungere da spauracchio per gli stranieri è stato il solito Aleksandar Atanasijevic, una prestazione decisa quella del martello bianconero che in attacco ha fatto tutto il possibile. Anche la ricezione non ha demeritato (58% di positività complessiva) con Fanuli che ha retto bene l’impatto con la regina delle coppe. Il primo parziale è inizialmente dominato dai locali grazie ad un Maruotti praticamente perfetto mentre le scelte ostinate del regista Esko su Juantorena finiscono per essere sbagliate poiché il cubano è molto falloso e va spesso fuori bersaglio (12-5). Gli ospiti però non si scompongono e con il servizio forzato operano la rimonta, non priva di aiuti perugini che commetteranno ben dieci errori (19-18). L’arrivo è in volata e decisivi sono il muro e l’attacco di Buti che portano al vantaggio. Il secondo parziale rimane sempre in asse con Atanasijevic che risponde a Sokolov e le squadre non si scollano (20-20). A trovare il break sono i turchi che mettono Kiyak in regia e schiacciano sul gas portando coltellate micidiali dalla linea dei nove metri. Grbic inserisce Vujevic in seconda linea ma l’errore in battuta di Maruotti scrive il pareggio. La batosta ha ripercussioni immediate nel terzo frangente di gioco che vede Perugia partire male (2-5). I padroni di casa non si disperano ed Atanasijevic li riporta in linea di galleggiamento (8-8). La contesa procede con gli umbri che regalano una fase cambio-palla agevole sbagliando molto in battuta e sul 18-18 Ankara ne approfitta per andare avanti di tre. La Sir sembra spacciata ma Atanasijevic in battuta e un muro ragnatela piazzano il sorpasso, quello di De Cecco e poi quello di Maruotti scrivono il due ad uno. Lo sforzo psicologico viene pagato a caro prezzo nel quarto periodo con la tendenza che viene radicalmente invertita in favore degli stranieri (5-11). Entra Paolucci in regia per cercare di cambiare qualcosa e in effetti torna la fiducia, la reazione viene dal solito Atnasijevic che in attacco è imprendibile ed in battuta tira come un forsennato, due ace consecutivi ricuciono lo strappo (12-14). Perugia è sorniona e col guizzo di Buti a muro fa vedere i fantasmi ai turchi che scivolano con un errore sul 23-21. Non è finita perché il match-point nelle mani di Atanasijevic è murato da Kubiak (24-24). Ce ne sono altri cinque ed è Buti con un muro a regalare il punto della vittoria che fa esplodere gli spalti. Un risultato che aumenta la fiducia derivante dal successo di domenica in campionato e che mantiene alta la concentrazione del clan perugino che è costretto domenica ad un altro impegno massivo contro Verona per non perdere contatto con il vertice.
SIR SAFETY PERUGIA – HALK BANK ANKARA = 3-1
(25-23, 23-25, 25-23, 30-28)
PERUGIA: Atanasijevic 20, Maruotti 13, Fromm 13, Buti 11, Beretta 9, De Cecco 4, Fanuli (L), Sunder, Vujevic, Paolucci. N.E. – Barone, Tsioumakas. All. Nikola Grbic e Carmine Fontana.
ANKARA: Sokolov 22, Juantorena 16, Kubiak 15, Mozdzonek 7, Batur 7, Esko, Sahin (L1), Kiyak, Subasi. N.E. – Tekeli, Aksoylu, Ayvazoglu (L2). All. Lorenzo Bernardi e Taner Atik.
NOTE – Spettatori 2’800.
Durata dei set: 29’, 27’, 32’, 21’.
Arbitri – Vladimir Simonovic (SRB) ed Avelino Azevedo (POR).
SIR SAFETY (b.s. 23, v. 10, muri 12, errori 9).
HALK BANK (b.s. 22, v. 8, muri 10, errori 11).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Novembre 6, 2014 23:22