La Sir Perugia batte Milano e sale sul podio

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 7, 2014 20:38
Barone Rocco (attacco)

Sir Safety Perugia in attacco con il centrale Rocco Barone (foto Michele Benda)

Una Sir Safety Perugia sbadata inizialmente e si complica la vita da sola ma non rischia più di tanto nella nona giornata di Superlega giocata in un Pala-Evangelisti ancora una volta gremito di spettatoti. L’allarme infortuni non fa aumentare la concentrazione dei block-devils che, senza De Cecco (strappo addominale che lo terrà fuori tre settimane), senza Sunder (nuovamente sofferente alla schiena) e con Giovi e Buti a riposo precauzionale, avrebbe dovuto essere massima. Per arrestare l’avanzata dell’esuberante Revivre Milano che ha giocato la sua onesta partita, senza timori reverenziali e sfruttando l’occasione concessagli, c’è voluto di recuperare un set al passivo. Un confronto che la squadra grifona ha disputato con Paolucci, Fanuli e Barone, titolari, e con Cricco ad integrare la panchina, mettendoci un po’ a far carburare il motore. Alla fine i bianconeri raccolgono altri tre punti che servono a sorpassare in classifica Trento (che ha riposato) per attestarsi al terzo posto. La squadra ospite aggredisce sin da subito e colpisce di sorpresa andando in un battibaleno sullo 0-4. I block-devils sono costretti a rincorrere, ma è l’unico momento di vera difficoltà, una volta prese le misure la squadra del presidente Gino Sirci va in progressione ed ottiene la nona affermazione consecutiva. In avvio rompe subito gli indugi Milano che conquista un leggero margine sulle sviste locali (0-4). I precisi affondi di Fromm ed Atanasijevic (otto palle a terra in apertura) rimettono in asse il punteggio ma poi la ricezione subisce un passaggio a vuoto ed i lombardi volano sul 9-13. Entra Vujevic ma il gioco bianconero resta disordinato e la fortuna assiste i rivali che continuano a comandare (11-16). La situazione comincia a farsi preoccupante sul 14-21, una fiammata d’orgoglio di Atanasijevic produce cinque punti consecutivi ma non basta perché ormai i settentrionali sono galvanizzati e con un muro di Veres siglano il sorprendente vantaggio. Si torna in campo con un piglio differente, la strigliata di Grbic sortisce effetti e la presenza di Vujevic, che sfodera colpi di classe, rende il lavoro più agevole, è proprio il capitano a trovare le soluzioni scacciacrisi (14-7). I lombardi provano a cambiare regia ma il duello va avanti d’inerzia e malgrado un rilassamento generale non c’è storia, Fromm mette giù il lungo linea della parità. Nella terza frazione sono Barone al centro e Fromm di banda a scavare un solco importante che conduce al time-out tecnico con un cospicuo bottino (12-6). I milanesi gettano nella mischia Bermudez e la scossa del colombiano riesce a rivatilizzare la squadra che però non sinsidia mai da vicino una Sir a trazione integrale con Fanuli abile in difesa e Fromm ariete in attacco (21-15). Il due ad uno arriva su tocco di prima di Paolucci. Il tema è identico nel quarto periodo con Fromm (mvp del match) che è una furia inarrestabile e spinge prima sul 13-8, poi al successo per la soddisfazione degli sportivi umbri.
SIR SAFETY PERUGIA – REVIVRE MILANO = 3-1
(22-25, 25-17, 25-19, 25-19)
PERUGIA: Fromm 23, Atanasijevic 22, Barone 10, Beretta 9, Paolucci 3, Maruotti, Fanuli (L1), Vujevic 7. N.E. – Buti, Tzioumakas, Cricco, Giovi (L2). All. Nikola Grbic e Carmine Fontana.
MILANO: Bencz 16, Veres 14, Preti 8, De Togni 7, Valsecchi 5, Kauliakamoa 2, Rizzo (L), Patriarca 3, Bermudez 2, Mattera 1, Cerbo, Dos Santos. All. Marco Maranesi e Giulio Bottino.
NOTE – Spettatori 2’802.
Durata dei set: 28’, 23’, 25’, 25’.
Arbitri – Umberto Ravallese (RG) ed Alessandro Tanasi (SR).
SIR SAFETY (b.s. 14, v. 3, muri 9, errori 8).
REVIVRE (b.s. 11, v. 5, muri 8, errori 24).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Dicembre 7, 2014 20:38