La Sir Perugia stende Verona e torna alle finali di coppa

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 6, 2015 19:41
Vujevic Goran (attacco)

Sir Safety Perugia in attacco con lo schiacciatore Goran Vujevic in attacco (foto Michele Benda)

La Sir Safety Perugia trova dentro la calza della Befana quel successo che le fa dimenticare la delusione di tre giorni prima e stacca il biglietto per le final-four della coppa Italia che si terrà sabato e domenica prossima a Bologna. La compagine umbra, osservata a bordo campo dall’ex allenatore Kovac, continua così la sua marcia ed approda all’epilogo della competizione dove deve difendere il secondo posto ottenuto un anno fa, capitola ancora la Calzedonia Verona per cui l’appuntamento è ancora rimandato. Prima del fischio d’inizio applausi prolungati per l’associazione Ovus di Corciano che sabato scorso ha prestato soccorso al tifoso Giancarlo Angione colpito da infarto durante il match Perugia-Modena salvandogli la vita; il club perugino ha voluto consegnare una targa ricordo al presidente Massimo Curini. Di fronte al pubblico del Pala-Evangelisti gli ospiti dominano per un set, poi lasciano il pallino del gioco ai padroni di casa che ringraziano e, con una progressione sconcertante, vanno a chiudere la pratica. A fare la differenza una maggiore precisione in attacco dei block-devils, mentre dall’altra parte della rete un gioco a volte prevedibile ha impedito agli scaligeri di imporre il proprio ritmo. La sfida attesa e temuta si risolve in favore dei bianconeri locali, trascinate al successo dal solito Atanasijevic, eletto dalla giuria di giornalisti ancora una volta mvp, il migliore giocatore in campo. Al fischio d’inizio c’è Vujevic in campo tra i titolari al posto di Maruotti, il capitano entra deciso e va subito a segno spingendo avanti i suoi (5-4). Atanasijevic è incisivo ma il break avviene per opera di due muri consecutivi (Beretta e De Cecco) che porta sul 14-10. I veronesi si scompongono e subiscono anche in ricezione, mentre i primi tempi locali lasciano il segno (22-13). La Sir non perdona e Fromm firma l’uno a zero. Nel secondo set sono ancora i muri a mandare in fuga i padroni di casa, quello di Vujevic vale il +4 e costringe Giani a far entrare Bellei al posto Gasparini, momento che coincide con la reazione gialloblu che infila quattro punti consecutivi ed impatta (7-7). Buti incide ma appena i bianconeri mollano la presa vengono sorpassati (11-12). Le occasioni per rientrare ci sono ma il margine resiste sino al muro di Beretta che aggancia (21-21). Entra White e si procede a braccetto sino in fondo (27-27), diverse palle-set il guizzo vincente è quello di Buti che con una battuta velenosa sancisce il raddoppio. La terza frazione comincia con Atanasijevic sugli scudi (10-4). L’orgoglio degli ospiti produce tre punti consecutivi Deroo è molto efficace a rete (12-15), il gap viene chiuso da Fromm (17-17). Nel quarto set Fromm rompe gli indugi (10-4), Atanasijevic fa entrare in coppia il motore (14-10), Bellei schiaccia l’impossibile e riapre in un attimo (14-13). De Cecco ha sfruttato gli affondi di Atanasijevic che ha reso inutile l’ingresso tattico di White. La vittoria arriva sull’attacco di capitan Vujevic che ha fatto partire l’urlo della tifoseria. I ragazzi di Grbic vincono ed entrano con orgoglio nella finale e così la sua Sir nel fine prossimo settimana disputerà a Bologna l’epilogo della competizione portando in alto il nome di Perugia… e la tifoseria può continuare ancora a sognare.
SIR SAFETY PERUGIA – CALZEDONIA VERONA = 3-0
(25-13, 29-27, 25-22)
PERUGIA: Atanasijevic 19, Fromm 10, Beretta 10, Buti 9, Vujevic 6, De Cecco 4, Giovi (L1), Barone, Sunder. N.E. – Maruotti, Paolucci, Fanuli (L2). All. Nikola Grbic e Carmine Fontana.
VERONA: Sander 11, Zingel 8, Anzani 6, Deroo 5, Gasparini 2, Coscione 2, Pesaresi (L1), Bellei 10, White. N.E. – Gitto, Blasi, Borgogno, Centomo (L2). All. Andrea Giani e Matteo De Cecco.
Note – Spettatori 2’205.
Durata dei set: 20’, 35’, 28’.
Arbitri – Stefano Cesare (RM) e Gianni Bartolini (FI).
SIR SAFETY (b.s. 12, v. 8, muri 11, errori 7).
CALZEDONIA (b.s. 11, v. 2, muri 7, errori 10).

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 6, 2015 19:41