Per la Cm Studio Terni una ‘happy-fania’ a Pierantonio

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 8, 2015 17:00
Lucidi Simona (attacca)

Cm studio Terni in attacco con la schiacciatrice Simona Lucidi

Scontato dire che, dopo feste ed eccessi alimentari, ricomincia la serie C femminile. Scontato ma vero come tutte le cose scontate. C’è di vero che la Cm Studio Terni, in questo periodo, ha continuato a comporre presepi e alberi di Natale, dentro il rettangolo. C’è di vero che l’impegno è continuato e ha giocato, bene, il suo ruolo fra slalom di orari e corse per essere presenti e esserci; perché per ottenere ci vuole, perentorio, il non mollare e il non lasciarsi andare. C’è bisogno di non perdere mai di vista l’obiettivo, primo fra tutti e tra un aperitivo e un panettone, quello di continuare a tirare la slitta con destrezza e convinzione. E allora eccoci qua, dentro la ripresa, fuori casa, ben coperti visto il freddo che fa, con alle spalle una Befana di cui si vede ancora la scopa e il sacco svuotato. Il regalo è ben accetto e piace; si compone di tanti mattoni piccoli ma grandi e di tutte le forme, modello Lego. Nel primo set ci sono quelli verdi, per costruire il prato che prato non è ancora. C’è da subito poca acqua e larghe parti dove non ha attecchito; fin dall’inizio. Poi verso il confine del set è addirittura arido, a dir poco. Ed è per questo che il prato del vicino è, come accade spesso, migliore. È il vantaggio per la Cosmos Pierantonio. Dal sacco del secondo set la Befana ha tirato fuori i mattoncini bianchi, per comporre le pareti della casa ma, anche in questo caso, difficile trovare il senso. C’è chi confonde il tempo e il luogo; troppe persone sullo stesso mattone e poche al centro della stanza per le ternane. Soltanto alla fine della costruzione, tutto sommato, esclusa qualche parte sghemba, si arriva all’esito sperato ed è parità. Terzo round, un po’ sudati e ancora confusi, escono dal sacco i mattoni rossi, quelli per il tetto che deve essere coperto e anche in fretta. In questo periodo è meglio evitare di restare senza riparo. Continuano le incomprensioni, le complicazioni e più di qualche battuta sbagliata (21-21). È tanto difficile restare calmi quando le mosse non vengono come vorremmo. Però l’importante è ritrovare il libretto delle istruzioni e mettere subito a tacere la fretta, la frenesia e ricominciare davvero a comporre nel giusto verso i lati e poi il comignolo. Il tetto, a questo punto è fatto e le ospiti mettono il venticinquesimo mattoncino rosso. Con un po’ di cuore in gola per le scale e le salite con il carico pesante, è adesso, nel quarto momento, che servono le convinzioni e anche i dettagli. Allora via con l’ennesima sofferenza che il punteggio lascia presagire fino al 21-21. La Cm Studio guarda in terra, dove sono ancora alcuni mattoncini colorati e capisce che vanno assolutamente ancora piazzati, in breve tempo se fosse possibile e sarebbe meglio. È a quel punto, proprio nel preciso momento, che guardando in alto si capisce il senso di quel mucchietto ancora da collocare. Adesso è tutto chiaro, sono quelli dell’aereo che vola sopra il prato, la casa e il tetto; sorvola con maestria e rende tutto bello anche quello che forse non era. È l’ala che sfonda la barriera del suono; un boato catarsi di una gioia e regalo favoloso: la vittoria le appartiene.
COSMOS PIERANTONIO – CM STUDIO TERNI = 1-3
(25-22, 18-25, 21-25, 23-25)
TERNI: Pettini 19, Eresia 18, Lucidi 17, Bordoni 14, Ascani 5, Rossi 2, Dionisi (L), Di Patrizi 4, Varazi, Carlino, Lucchi, Compagnucci. All. Lucia Corazza.
(fonte Bosico Terni)

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley gennaio 8, 2015 17:00