Giorni di intensa riflessione per Altotevere

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 22, 2015 12:41
Gustinelli Valdemaro (seduto)

Valdemaro Gustinelli (foto Art Metis)

Tutto tace in casa della Altotevere Città di Castello – Sansepolcro, non è una novità dato che al termine della stagione il club si pone ai margini del mercato per concentrarsi sulle questioni finanziarie. Negli ultimi tre anni è successo sempre che le estati siano state caratterizzate da decisioni travagliate e prese alla scadenza dei termini di regolamento e anche per stavolta non ci sarà una inversione di tendenza. Il 31 maggio scade il termine per la cessione del titolo di Superlega o per la rinuncia alla franchigia e una prima decisione andrà fatta entro quella data. È sempre il lato economico a costituire il problema principale, trovare sostentamenti nel territorio per far andare avanti una squadra di primo livello non è cosa semplice. In questi giorni la società sportiva sta cercando di comprendere quali possano essere gli scenari per il prossimo anno. È chiaro, come ha affermato anche il presidente Arveno Ioan, che ci sia delusione per come sia andato il campionato, e anche per le attenzioni che la squadra ha riscosso in merito alle presenze di spettatori alle gare di campionato. Le voci di corridoio riferiscono di un possibile ritorno a Città di Castello per disputare il campionato di serie A2 ma da questo punto di vista non arrivano ancora conferme anche se le parti, la società Altotevere e la società Città di Castello Pallavolo, stanno dialogando. Il direttore sportivo Valdemaro Gustinelli non preclude nessuno scenario: «Stiamo cercando di capire se entro la data del 31 maggio possiamo confermare la presenza in Superlega, da quel momento in avanti vedremo il da farsi. Come è noto dobbiamo ancora adempiere agli obblighi della passata gestione ed la nostra responsabilità è massima per onorare gli impegni presi. Inutile nascondere che la stagione appena trascorsa ha lasciato dei segni indelebili, il presidente e tutti noi stiamo riflettendo sul da farsi. È l’ennesimo anno tribolato ed è sempre più difficile trovare risorse per andare avanti, abbiamo ancora un po’ di tempo per sciogliere le riserve». La sensazione è che il progetto sia al tramonto, l’interessamento dell’Alta Valle Tiberina è stato deludente e l’unica via da percorrere sia una crescita delle sinergie con Città di Castello, se non addirittura una fusione con la vecchia dirigenza dalla quale si era staccata una costola societaria andata a costituire Altotevere dopo la promozione nella massima categoria italiana ottenuta due anni fa. Anche questa ipotesi però non è priva di impedimenti, l’incrinatura delle relazioni l’aveva evidenziata bene nelle settimane passate il comunicato della tifoseria Seconda Giovinezza che si era opposta ad un ritorno della squadra in città.

Commenti

comments

Pianeta Volley
By Pianeta Volley Maggio 22, 2015 12:41